l-imam-di-lugano-e-completamente-riabilitato
L’avvocato Paolo Bernasconi e Radouan Jelassi durante la conferenza stampa dell’aprile 2019 (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
51 min

Ferma alcuni giorni la teleferica Arvigo-Braggio

La linea rimarrà chiusa per importanti lavori da martedì 5 luglio alle 8 fino a venerdì 8 luglio alle 17
Grigioni
1 ora

Soazza, è tempo di open air ‘Rock di Fra’

La manifestazione è in calendario sabato 9 luglio a partire dalle 18, ora in cui entrerà in funzione anche una fornitissima griglia
Bellinzonese
1 ora

Osco, sagra di San Bernardo a Freggio

Domenica 10 luglio alle 10.30 è in programma la Santa Messa con banco dei dolci e aperitivo, seguirà poi il pranzo all‘azienda agricola ’La Parpaiora’
Grigioni
1 ora

Torna la SanbeRun, la ‘classica’ attorno al lago

Domenica 10 luglio è in programma la nuova edizione della corsa podistica sulle strade di San Bernardino
Gallery
Ticino
2 ore

Da Sciaffusa a Mendrisio: il Consiglio federale in Ticino

Prima la visita a Tenero, poi lo spostamento nel Sottoceneri. Dove, dopo la parte ufficiale, i sette ‘saggi’ hanno incontrato la popolazione.
Mendrisiotto
2 ore

Zigzag in autostrada, multati vari motociclisti

La Polizia cantonale ha riscontrato 31 infrazioni durante alcuni controlli fatti a maggio e giugno.
Locarnese
2 ore

Lavori in corso per gli scali della Navigazione Ascona-Locarno

La prima fase per la sostituzione dei vecchi pali degli imbarchi partirà il 4 luglio e si protrarrà fino al 15 luglio.
Locarnese
3 ore

Lilly Polana espone alla Galleria Amici dell’Arte di Brissago

Mostra personale dedicata all’artista di Montagnola e ai suoi quadri realizzati unicamente con francobolli
Locarnese
3 ore

Tè danzante a Tenero

Al Tertianum Al Vigneto l’appuntamento con la musica è per martedì prossimo
Bellinzonese
4 ore

’Pranzo dell’amicizia’ con il Gruppo ATTE Leventina

La giornata è in programma giovedì 14 luglio ai laghetti Audan ad Ambrì, obbligatorio iscriversi entro il 10 luglio
Bellinzonese
4 ore

Il Piccolo Museo della Scatola di Latta riapre i battenti

Da domenica 3 luglio sino al 31 ottobre a Grumarone è possibile scoprire i quasi 6’500 pezzi della collezione di Franco Grassi
Bellinzonese
5 ore

‘Sua figlia ha avuto un incidente’, ma è una truffa

Una sedicente poliziotta al telefono ha chiesto, invano, a una 78enne del Bellinzonese 50mila franchi per evitare a sua figlia la prigione
Locarnese
5 ore

Russo, lavori agricoli nella campagna Grande

Prosegue il lavoro nell’ambito del progetto di riqualifica di questi terreni in alta Onsernone
Gallery
Luganese
7 ore

Centra lo spartitraffico e si rovescia su un fianco: è grave

Serie ferite per l’uomo rimasto vittima di un incidente nella notte in via San Gottardo a Lugano, poco prima del tunnel di Besso
Bellinzonese
7 ore

Esce di strada con l’auto che poi prende fuoco: grave una 20enne

L’incidente è avvenuto attorno alle 23.30 sulla strada cantonale all’altezza di Gorduno: strada chiusa per i rilievi del caso fino alle 4.30
Ticino
7 ore

Una notte di tuoni, acqua (tanta acqua) e grandine

Un fronte di maltempo particolarmente attivo ha spazzato nella notte il Ticino. Provocando diversi disagi, come nelle Centovalli
Gallery
Grigioni
8 ore

Grave incidente in galleria a Pian San Giacomo

Tre le auto coinvolte nel botto all’interno del tunnel Cianca Presella. Quattro i feriti, di cui uno in modo grave
07.12.2021 - 18:32
Aggiornamento: 08.12.2021 - 18:58

L‘Imam di Lugano è ’completamente riabilitato’

Paolo Bernasconi, legale di Radouan Jelassi, esprime soddisfazione per la sentenza del Tribunale amministrativo federale

«È una sentenza che equivale a una riabilitazione per Radouan Jelassi», sottolinea l’avvocato Paolo Bernasconi: «Il signor Jelassi aveva chiesto la naturalizzazione svizzera ed erano date tutte le condizioni di legge. La Segreteria di Stato della migrazione aveva però citato un rapporto negativo dei Servizi segreti bocciando la sua richiesta. Ora, il Tribunale amministrativo federale (Taf) ha stabilito che gli argomenti evocati dalla Sem non sono sufficienti, sono in contraddizione e sono solo parziamente sorrette da riscontri oggettivi». La Sem aveva ritenuto che Radouan Jelassi fosse coinvolto in una “compromissione duratura della sicurezza della Svizzera” e gli aveva pertanto negato la naturalizzazione. Ora, la stessa Sem dovrà riformulare un nuovo giudizio.

Prove di connessioni non consistenti

“L’amministrazione delle prove svolta risulta carente e gli oneri di istruzione derivanti dal principio inquisitorio sono stati in parte disattesi". Non lascia dubbi questa citazione della sentenza pubblicata oggi dal Taf. La Sem aveva revocato la naturalizzazione all’Imam di Lugano basandosi anche su un preavviso negativo formulato dal Servizio delle attività informative della Confederazione (Sic, l’acronimo dei servizi segreti elvetici). In estrema sintesi, la Sic aveva sostenuto che Jelassi avesse intrattenuto “legami con islamisti radicali, con persone sospettate di partecipare ad attività legate al terrorismo, mantenendo contatti con giovani radicalizzati o in fase di radicalizzazione, che sarebbero in seguito divenuti combattenti della Jihad islamica” e che quindi rappresenterebbe una "compromissione duratura della sicurezza interna ed esterna della Svizzera”.

Accuse ridimensionate contro Jelassi

Jelassi, patrocinato dall’avvocato Paolo Bernasconi, invece aveva pubblicamente respinto tali presunte collusioni, affermando che la Sem nel suo giudizio si «fondava acriticamente sul rapporto del SIC senza analizzarlo e senza suffragarlo con elementi concreti a sostegno». Era l’inizio di novembre del 2019, quando i sospetti a carico dell’Imam fecero scorrere fiumi d’inchiostro, senza peraltro sfociare in procedimenti di natura penale. Nella sentenza odierna, i giudici del Taf hanno fatto chiarezza e ridimensionato le accuse mosse nei confronti dell’Imam di Lugano. Una sentenza che di fatto, invita la Sem ad approfondire le indagini per circostanziare i sospetti avanzati dai servizi segreti, alla luce del fatto che la presunta pericolosità dell’imam non trova riscontro fattuale. Le connessioni contestate, quantomeno indirette, con ambienti radicali e legati al terrorismo sono basati sul fatto che una persona che apparentemente orbitava attorno alla moschea è stata condannata per infrazione alla Legge federale che vieta il gruppo «Stato Islamico» e che almeno due persone che frequentavano la moschea si sono uniti a dei gruppi armati radicali.

Jelassi: ‘Ho sempre condannato il terrorismo’

Tali Incontri non sono mai stati negati dall’imam, che ha sempre affermato di essersi prodigato per veicolare in loro una visione più moderata della religione, quindi cercando di contrastare la loro radicalizzazione. «Sono una persona civile, ho sempre condannato il terrorismo. Non sono responsabile per chi frequenta o ha frequentato la moschea», aveva sostenuto l’Imam nel novembre 2019, rivelando di aver segnalato alle autorità due casi di radicalizzazione, uno con tanto di denuncia al Ministero pubblico. Tuttavia, la Sem ha intravvisto “una compromissione della sicurezza svizzera. Una conclusione parziale che si scosta dal tenore reale dei fatti», secondo il Tribunale: «In effetti non è stato chiarito quali fossero le finalità e il contesto oggettivo di questi incontri». I giudici non concludono che "l’idoneità del richiedente sia da considerarsi data. Rimangono non chiari alcuni elementi che non sono certo privi di rilevanza per la valutazione circa l’esistenza di una possibile compromissione della sicurezza interna o esterna della Svizzera”. Elementi che ora la Sem è chiamata a circonstanziare e provare.

Naturalizzazione, verso un nuovo giudizio

Eloquenti alcuni passaggi della sentenza: “Nel limite della confidenzialità richiesta, essa ne indicherà le generalità o quantomeno elementi che permettano di ricondurre gli addebiti a delle evenienze concrete. Deluciderà poi in modo dettagliato la questione del finanziamento della Moschea dopo aver fatto ragionevole uso di tutte le possibilità a sua disposizione per raccogliere le prove, rispettivamente contesterà al ricorrente una violazione dell’obbligo di collaborare dopo averne comminato puntualmente le conseguenze dell’inosservanza”. Successivamente i giudici del Taf scrivono che “laddove le considerazioni al soggetto del ricorrente permarranno inconcludenti, la Sem potrà mantenere la sua posizione quanto all’attitudine dell’interessato nel corso degli accertamenti preventivi svolti, ma salvo nuove evidenze, non dedurre da tale singolo aspetto l’assenza di idoneità alla naturalizzazione. In esito alle ulteriori misure istruttorie e previa nuova consultazione dell’incarto del Sic, la Sem prenderà infine posizione sull’entità della compromissione della sicurezza interna o esterna della Svizzera in concreto”.

In altre parole, “qualora la Sem intenda confermare i motivi che hanno condotto al diniego dell’autorizzazione federale, essa è richiesta ad avvalorare le proprie argomentazioni sulla base di riscontri oggettivi e di considerazioni giuridiche e fattuali chiare, non speculative e non arbitrarie". Dovrà precisare e di "accertare il tenore, il contesto e le finalità dei contatti intrattenuti dal ricorrente con le persone sospettate di essersi votate ad attività reprensibili. Particolare attenzione andrà, se del caso, posta su coloro che hanno interessato la giustizia, l’eventuale frequentazione della Moschea da parte di questi o il cui sostegno alla causa jihadista è da ritenersi assodato”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
imam jelassi lugano paolo bernasconi radouan jelassi sentenza taf
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved