ricaricare-l-auto-elettrica-nel-condominio-istruzioni-per-l-uso
Archivio Ti-Press
Aumenta sempre di più la richiesta di veicoli elettrici
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
7 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
8 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
8 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
8 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
9 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
9 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
9 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
9 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
9 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
10 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
10 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
10 ore

Molestie all’Unitas, assemblea tesa

Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
12 ore

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
laR
 
26.12.2021 - 21:39

Ricaricare l’auto elettrica nel condominio, istruzioni per l’uso

Collegare diversi veicoli alla corrente può sovraccaricare la rete. Le Ail: ‘un sistema unico è la soluzione, ma serve il permesso del proprietario’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Rinunciare all’auto a benzina per passare alla propulsione elettrica. Una strada che sempre più persone decidono d’intraprendere per contribuire a migliorare la qualità dell’aria che respiriamo. Si calcola infatti che il 70% dell’inquinamento proviene dal traffico dei veicoli a benzina. Cambiare tipologia di veicolo, passando “all’opzione verde”, non è però così semplice come si pensa. Specialmente se si vive in un condominio con numerosi vicini di casa. Possedere un veicolo elettrico richiede infatti (più per comodità che per necessità) una colonnina di ricarica presso il proprio posteggio. Operazione che tuttavia non può essere effettuata in maniera immediata come invece avviene per chi vive in abitazioni singole. «In effetti sì, c’è bisogno del permesso da parte del proprietario o dell’assemblea dei condomini. A dipendenza se ci si trova in affitto o si possiede l’appartamento», spiega il product manager di Ail Milton Barella. Una procedura che ha creato differenze tra case singole e palazzine, con queste ultime che in proporzione sono meno fornite di colonnine di ricarica nei posteggi. «Nelle abitazioni private l’installazione è più veloce. Non sono infatti necessari particolari interventi». L’interesse per l’elettrico sta però crescendo da parte di chi vive in una palazzina, nonostante i passi da compiere siano diversi e non esista una legge che obbliga il locatore a offrire la possibilità d’installare una colonnina di ricarica, anche se nel contratto è prevista la possibilità di parcheggio all’interno.

‘Giocare d’anticipo’

«Quattro o cinque anni fa c’è stato il primo boom di vendite di automobili elettriche. Ora ci troviamo nella situazione dove c’è un nuovo aumento della richiesta. È un momento importante, perché le palazzine si devono ora dotare di un sistema di ricarica unico, in modo da evitare problemi». Quella a cui fa riferimento Barella è un sovraccarico del sistema. «Facciamo un esempio: se io carico la mia macchina con una colonnina Tesla, il mio vicino con una di Bmw e un altro inquilino con una Peugeot si crea un richiesta enorme che la rete non riesce a soddisfare. Le colonnine, essendo di marche diverse, non sono infatti programmate per ‘parlarsi’ tra loro. La soluzione è dotarsi di un sistema di ricarica unico che ottimizzi l’erogazione dell’energia, che poi in ogni caso funziona con tutti i tipi di veicoli, non bisogna pensare che si sia tutti obbligati ad avere la stessa automobile». A indicare la strada che porta a un sistema unico non sono solo le aziende municipalizzate luganesi, ma lo stesso quaderno tecnico ‘Sia 2060’ che ha valenza nazionale. «È importante che la scelta sia fatta da tutto il condominio e questo è il momento giusto per farlo. Il consiglio è di parlarne e interessarsi a questa tematica, anche se non si ha intenzione di prendere un veicolo elettrico nell’immediato». Un’altra decisione da adottare è quella legata a quale contatore legare la colonnina. «Collegare la ricarica al contatore dell’appartamento è la soluzione più semplice: io pago quello che consumo. Questa possibilità è però possibile, per ragioni logistiche, solo in palazzine che hanno al massimo tre o quattro appartamenti. Se gli inquilini sono di più allora bisogna creare un contatore apposta per la ricarica dei veicoli al quale si allacciano le varie colonnine, il conto finale viene poi diviso in base al suo utilizzo. Un’ultima opzione è quella di creare una sola stazione comune di ricarica, ma il rischio è di trovarla occupata e di non poter ricaricare il veicolo».

‘Manca una legge’

Ma cosa succede se un inquilino intende installare una colonnina di ricarica e il proprietario dell’immobile si oppone? «Un caso del genere fortunatamente non ci è ancora stato segnalato. Nell’ultimo anno abbiamo ricevuto una ventina di richieste di questo tipo e nessuno ci ha detto di aver avuto grossi problemi. Magari qualche discussioni legata alle guarnizioni o altri piccoli dettagli, ma nessuno si è opposto al principio. Meglio così. D’altra parte non esiste una legge che obbliga il locatore a concedere la possibilità all’inquilino d’installare un impianto per ricaricare la sua macchina elettrica». La soluzione alternativa comunque esiste, e si chiama ‘supercharger’. «È l’opzione più comoda e che meglio risponde alle necessità di tutti, anche di chi magari vive in città e non ha un posteggio coperto con una presa vicino. Si tratta di una ricarica che impiega meno di mezz’ora, a differenza di quella classica che dura diverse ore. In questo modo ricaricare il veicolo sarà come fare benzina, un’operazione da ripetere circa una volta alla settimana in un luogo pubblico. A Zurigo, ad esempio, questo sistema ha già preso piede».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ail auto milton barella ricarica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved