NY Rangers
1
SJ Sharks
0
1. tempo
(1-0)
WIN Jets
3
NJ Devils
2
1. tempo
(3-2)
ARI Coyotes
VEGAS Knights
03:30
 
lugano-e-la-seconda-citta-piu-rumorosa-della-svizzera
Traffico e rumori (Ti-Press)
Luganese
23.11.2021 - 16:180
Aggiornamento : 18:43

Lugano è la seconda città più rumorosa della Svizzera

Solo Ginevra ha una maggiore percentuale di alloggi esposta a elevato inquinamento acustico. Terza, più staccata, è Losanna

Lugano è la seconda città più rumorosa della Svizzera: solo a Ginevra è maggiore la percentuale di alloggi esposta a elevato inquinamento acustico. Terza, più staccata, è Losanna, seguita da Lucerna, Basilea e Zurigo. Più tranquilla è Berna. La fotografia emerge da un’analisi della Banca cantonale di Zurigo che mette per esempio in luce come a Lugano un alloggio su cinque sia esposto a un rumore di oltre 60 decibel, equivalente a quello provocato da un tosaerba a una distanza di 10 metri, che dovrebbe essere percepito anche tenendo le finestre chiuse. In generale quasi l’80% delle unità abitative della regina del Ceresio risulta esposto a molto rumore, cioè oltre i 50 decibel.

Il fatto che la pace e la tranquillità siano apprezzate può essere dimostrato statisticamente. Sulla base delle inserzioni sul portale Homegate i ricercatori hanno potuto stabilire che a partire da 50 decibel gli appartamenti in affitto costano l’1% in meno per ogni 5 decibel in più. Gli esperti della Banca cantonale hanno calcolato che le relative perdite di introiti per i proprietari ammontano a oltre 320 milioni di franchi all’anno a livello svizzero. Ginevra risulta avere l’ammanco più elevato, con 40 milioni, seguita da Zurigo, che perde 28 milioni.

Il rapporto mette inoltre in evidenza altre tendenze già note: per esempio quella dell’aumento dei prezzi degli alloggi in proprietà, che secondo l’istituto dovrebbero salire del 6% in Svizzera nel 2021, con punte del 7,5% a Zurigo. Una crescita dettata dalla forte domanda, a sua volta alimentata dalla voglia di maggiori spazi sulla scia della pandemia. Per quanto riguarda i problemi delle catene di rifornimenti lo studio sottolinea come a soffrire della situazione siano soprattutto i privati. Nell’ambito dei lavori edili gli artigiani danno infatti la priorità ai grandi progetti, sperando in ulteriori commesse. Altro punto interessante: i professionisti immobiliari mettono meno inserzioni sui portali, perché possono contare su una domanda sufficiente attraverso i propri canali. Gli appartamenti di edifici in costruzione vengono a volte già venduti ancora prima che si comincino i lavori.

© Regiopress, All rights reserved