lugano-venuti-accusa-quadri-di-mobbing
Adriano Venuti e Lorenzo Quadri (a destra)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
30 min

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
55 min

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
6 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
8 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
15 ore

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
15 ore

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
15 ore

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
22 ore

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
22 ore

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
1 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
1 gior

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
1 gior

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
1 gior

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
Luganese
1 gior

Hangar malmesso ad Agno, scatta l’interpellanza

Sara Beretta Piccoli, alla luce del rischio di rilascio di amianto nella struttura aeroportuale (lato fiume), chiede lumi al Municipio
Luganese
1 gior

Muzzano, prima tappa di Miss Tap Model

Sabato 20 agosto avrà luogo la manifestazione al Ristorante Tcs Vedeggio. Durante la serata ci sarà musica e intrattenimento
Ticino
1 gior

A Ferragosto il sole brucia, il radar pure

Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità
Luganese
1 gior

Cantoreggi, l’Appello conferma la condanna di primo grado

Pensione La Santa, la corte di secondo grado infligge 4 anni e tre mesi di carcere all’austriaco, per lesioni, omicidio colposo e omissione di soccorso
Locarnese
1 gior

Festa patronale a Brione Verzasca

Messa, aperitivo e incanto dei doni nel programma mattutino; nel pomeriggio vi sarà la lode vespertina
Mendrisiotto
1 gior

Vacallo, un’altra benna per smaltire carta e cartoni

Sarà introdotta da martedì 16 agosto nella piazza rifiuti di Vacallo Alta-via San Martino
laR
 
17.11.2021 - 05:30
Aggiornamento: 16:16

Lugano, Venuti accusa Quadri di mobbing

Il vicepresidente cantonale del Ps e dipendente della Città chiede al Municipio di intervenire nei confronti del direttore del ‘Mattino’

Continui attacchi personali, ripetute offese proferite a mezzo stampa e violazione della sfera intima. Sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto Adriano Venuti, dipendente della Città di Lugano, vicepresidente cantonale del Ps e municipale a Massagno, a chiedere all’esecutivo di intervenire nei confronti del municipale leghista Lorenzo Quadri, direttore del ‘Mattino della domenica’. Il dipendente comunale vorrebbe che l’autorità politica lo tutelasse dai continui attacchi contro la sua persona che vengono pubblicati, con una certa regolarità, sul domenicale del movimento di via Monte Boglia. Venuti si è pertanto rivolto al suo datore di lavoro, il Municipio di Lugano, siccome il foglio leghista non perde occasione per attaccarlo e denigrarlo, ridicolizzando le sue origini meridionali e mettendo in discussione il suo impiego professionale presso la Città di Lugano.

‘Attacchi che si ripetono da anni’

Al Municipio, il dipendente chiede: “Come è possibile che un municipale della Città di Lugano si permetta di fare mobbing nei confronti di un impiegato comunale? Come è possibile che l’intero Municipio, che il responsabile delle risorse umane e che il mio direttore (il vicesindaco di Lugano Roberto Badaracco, ndr) permettano che ciò accada”? Secondo Venuti ogni limite è stato superato: «Sono anni che questa storia si ripete. Mi aspetto che il Municipio reagisca. Intanto, mi sembra giusto informare l’opinione pubblica. Se mi si vuole attaccare politicamente lo si faccia pure ma non posso accettare che mi si metta in discussione professionalmente, nel ruolo di funzionario pubblico». Interpellato da laRegione, il sindaco di Lugano Michele Foletti si è limitato a dire che la questione verrà discussa in seduta di Municipio. Dal canto suo, il municipale di Lugano e direttore del ‘Mattino della domenica’ Lorenzo Quadri comprende che Venuti non possa essere contento, ma gli pare artificiosa l’accusa di mobbing: «Il Mattino della domenica non è il suo datore di lavoro». Il municipale leghista rincara la dose: «Da che pulpito! Adriano Venuti ha insultato l’ex leader della Lega Giuliano Bignasca, il sottoscritto e di recente, in merito all’ex Macello, ha definito ‘barbarie’ l’agire del Municipio, che è il suo datore di lavoro. In ogni caso, il ‘Mattino della domenica’ non è il suo datore di lavoro e nemmeno l’organo della Città di Lugano».

‘Insulti a Bignasca? Sono stato assolto!’

Venuti non è però stato condannato penalmente, né sanzionato a livello amministrativo e lui lo ribadisce nella missiva indirizzata all’esecutivo cittadino: “Ora, i fatti che mi hanno visto protagonista nel 2014 dovrebbero essere noti a tutti e noti sono anche gli esiti dell’inchiesta amministrativa aperta dalla Città di Lugano nei miei confronti e del procedimento penale promosso dagli eredi di Giuliano Bignasca, mio ex capodicastero. Il Municipio mi ha invitato a essere più attento e così ho fatto. Ho accolto con grande serietà l’invito a prestare maggiore attenzione quando nell’ambito della mia attività politica e privata mi esprimo in merito a persone o fatti legati al mio datore di lavoro, la Città di Lugano. Il secondo procedimento mi ha visto assolto sia in primo che in secondo grado: non sono un insultatore di morti! Che un municipale rappresentante del mio datore di lavoro si permetta di definirmi continuamente insultatore di morti, che dichiari che insulto l’intero Municipio è sconcertante oltre che falso e calunnioso”. «Il fatto che sia stato assolto non vuol dire che non abbia insultato Giuliano Bignasca, perché non ogni insulto è penalmente rilevante – ribatte Quadri –. Venuti è recidivo: la demolizione dell’ex Macello è stata decisa dal Municipio di Lugano, ossia il suo datore di lavoro e lui l’ha dipinta come barbarie. Nel settore privato, avrebbe già perso l’impiego il giorno dopo. Continuo a considerare che Venuti andava licenziato dopo le esternazioni che si è permesso di fare. Altri dipendenti della Città sono stati sanzionati per cose molto meno gravi».

Quadri: ‘Anche lui ha un doppio ruolo’

Ma al ‘Mattino’ pare l’abbiate preso di mira? «La questione è riemersa perché il socialista Aurelio Sargenti ha minacciato una querela nei confronti di un dipendente della Città di Lugano che in un post si è espresso sopra le righe nei confronti di un consigliere comunale – ribatte il municipale leghista –. Quindi, il ‘Mattino’ ha solo rimarcato che questi socialisti sono suscettibili e molto di parte, visto che sul loro vicepresidente cantonale che insultò il suo capodicastero morto non dicono nulla». Però, lei, come municipale in rappresentanza del partito che ha la maggioranza nell’esecutivo e come direttore del giornale della Lega, non convive con una certa ambiguità o ambivalenza di funzioni? «D’accordo, ma visto che non esiste il Berufverbot (divieto di lavoro) e considerato che l’attività di municipale è al 50%, evidentemente devo lavorare per l’altro 50%. Questa presunta ambiguità è la conseguenza del nostro sistema di milizia. Non è che, visto che io sono direttore del giornale e municipale di Lugano, il ‘Mattino’ debba rinunciare alla libertà di stampa e non scrivere più nulla a proposito del Municipio di Lugano. Peraltro, anche Venuti ha il doppio ruolo di dipendente comunale e di politico, vicepresidente del Ps e in questa veste si permette di esprimere pareri pesanti nei confronti del suo datore di lavoro».

Il codice che non vale per il Municipio

Il codice di comportamento relativo all’uso dei social che l’esecutivo ha diramato diversi anni fa a tutti i dipendenti non vale per il Municipio? «I municipali non sono dipendenti della Città di Lugano, non abbiamo un contratto di lavoro. In caso di non ricandidatura o di rielezione, non abbiamo diritto alla disoccupazione e comunque non mi sembra che Venuti lo rispetti», precisa Quadri. Stride comunque il fatto che il codice non venga rispettato da un membro dell’organo che lo ordina. Non le pare un accanimento che va oltre la dialettica politica, quello del ‘Mattino’ contro Venuti? «Non lo considero accanimento, fa parte del confronto politico». Beh, i continui riferimenti alle origini italiane di Venuti e al suo recente matrimonio non paiono questioni politiche. Se il Municipio la invitasse a non pubblicare più articoli su Venuti? «In quel caso, risponderei ‘caro Municipio la linea del Mattino non la decidi tu’».

Leggi anche:

Lugano, insulti social: consigliere comunale denunciato

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
datore lavoro mobbing venuti vicepresidente cantonale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved