il-dss-apre-un-procedimento-nei-confronti-del-dr-nussbaumer
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
10 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
11 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
11 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
15 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
18 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
22 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
11.11.2021 - 15:41
Aggiornamento : 16:51

Il Dss apre un procedimento nei confronti del dr. Nussbaumer

Sotto inchiesta le frasi pronunciate a ‘Matrioska’ lo scorso 7 settembre sul legame fra il vaccino e la morte del sindaco di Lugano Marco Borradori

Potrebbero costare care al dottor Werner Nussbaumer le affermazioni sul legame fra la morte del sindaco di Lugano Marco Borradori e la vaccinazione pronunciate durante la puntata di Matrioska di TeleTicino del 7 settembre scorso. Come anticipato da Ticinonews, e come ci conferma l’Ufficio di sanità del Dipartimento sanità e socialità, è stato aperto un procedimento nei confronti del medico membro dell’associazione “Amici della Costituzione” e notoriamente contrario alle misure anti-Covid.

“Abbiamo purtroppo visto anche in Ticino dei morti dovuti alla vaccinazione. Ho delle prove quasi certe che Borradori si era vaccinato pochi giorni prima della morte. Lui era contro la vaccinazione, si era vaccinato solo perché doveva andare alla maratona a New York. Abbiamo anche altre persone in coma [...] Se non si fosse vaccinato probabilmente non sarebbe capitato quello che è capitato”. Queste le parole di Nussbaumer durante la trasmissione, già smentite a distanza di un paio di giorni dal fratello del compianto sindaco, che aveva dichiarato che Marco Borradori, per sua stessa ammissione, aveva ricevuto la seconda dose due mesi prima del decesso.

“Il Dipartimento ha aperto un procedimento amministrativo per i fatti antecedenti la trasmissione 60 Minuti” conferma a laRegione la capoufficio Patrizia Bottinelli Cancellara. “Questo vuol dire che ha dato un mandato alla commissione di vigilanza sanitaria che avrà il compito di istruire la pratica: fra questi compiti ci sarà anche l’ottenere le osservazioni del dottor Nussbaumer o la valutazione di altre prove: come assumere i fatti, se sentire l’interessato sono comunque valutazioni della commissione. Una volta che avrà finito l’iter potrà fare un preavviso nei confronti del dipartimento prospettando dall’archiviazione a una misura”. Cosa rischia dunque, in concreto, Nussbaumer? “Fra le misure c’è di tutto, in questo caso non si sa ancora perché siamo ai piedi della scala”, risponde la capoufficio, “si va dall’ammonimento, alla multa, fino alla revoca o alla sospensione”. E cosa dire circa le ultime dichiarazioni rese alla Rsi pochi giorni fa? “Quando si apre un procedimento, non significa che le verifiche si fermino al momento dell’apertura di esso: non è escluso che venga ampliato anche a recenti o future esternazioni”. Non è previsto alcun provvedimento cautelativo, dunque al momento non ci sono effetti immediati.

Non è possibile al momento conoscere se il dottor Nussbaumer è l’unico medico ticinese nei cui confronti sia stato aperto un procedimento amministrativo: dall’Ufficio sanità viene riferito solo che “ci sono altre segnalazioni che arrivano”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
dss marco borradori werner nussbaumer
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved