infermiere-del-cardiocentro-oltre-il-confine-delle-corsie
Raffaele Mautone
+2
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
19 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
20 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
2 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
2 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
2 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
2 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
laR
 
10.11.2021 - 05:20
Aggiornamento: 07:50

Infermiere del Cardiocentro ‘oltre il confine delle corsie’

Raffaele Mautone, dopo essere stato accolto in Vaticano da Papa, ha ricevuto dal presidente della Repubblica italiana l’onorificenza di cavaliere

Dopo il Papa, il presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella. «Una nuova grande emozione», Raffaele Mautone, infermiere comasco impiegato al Cardiocentro di Lugano, ha la voce spezzata dall’emozione quando lo raggiungiamo l’indomani della consegna da parte del prefetto e del sindaco della città lariana del papiro che attesta il conferimento, su proposta del presidente del Consiglio dei ministri italiano, Mario Draghi, dell’onorificenza di Cavaliere. Registrato al numero 17’291 (serie VI) Mautone entra così, per meriti professionali, nel prestigioso ordine istituito nel 1951 e volto a "ricompensare benemerenze acquisite verso la Nazione nel campo delle lettere, delle arti, della economia e nel disimpegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici e umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari”. Con lui sono stati premiati tutti e tre i fratelli, anch’essi infermieri e al fronte pandemico, fra il Ticino, il Lario e Napoli, nel pieno dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. «Porterò nel cuore le bellissime motivazioni, quelle cioè di aver portato una luce di speranza in uno dei periodi più bui dell’umanità» continua il racconto di quell’indimenticabile giornata.

Raffaele fu il protagonista della raccolta di una serie di toccanti lettere scritte dal corpo infermieristico nei giorni più dolorosi della pandemia, quando nelle corsie si registrava sofferenza e morte. Sentimenti e timori che furono poi consegnati direttamente nelle mani del Pontefice: «Fu un gesto semplice che va al di là della professione e delle competenze specifiche di ciascuno di noi, ma che ha dato un‘energia in più sia ai pazienti sia ai miei colleghi». Ora, il nuovo riconoscimento, riporta quei camici nel loro ruolo di protagonisti. Raffaele è però tornato in Ticino senza medaglia: «Ho voluto regalarla alla vedova del dottor Luigi Frusciante, medico di base e uomo di sport, morto a Como agli albori della terribile malattia, nel marzo 2020. Lei mi ha detto ‘i nostri figli già sapevano quanto era bravo il loro papà, questo gesto ce ne dà conferma e ci aiuta ad andare avanti e a ricordarlo con gioia’. Mi ha toccato il cuore... Finalmente, dopo tanti anni di lavoro duro, le professioni sanitarie, da sempre caratterizzate dall’umanità, ma non sempre riconosciute come tali, trovano un apprezzamento, anche istituzionale, per quell’impegno, di medici e infermieri, dal Cardiocentro a Bellinzona, da Locarno alla Clinica Moncucco, a non tirarsi mai indietro rischiando anche la propria vita. Perché assistere alla sofferenza degli altri, me lo faccia dire, è tosta! Non è mai facile, penso a mio padre e ai trent’anni passati nei reparti di rianimazione che finiscono per segnarti nell’animo. E, quindi, ben venga questo riconoscimento che ci ricompensa, seppur in piccola parte, dei sacrifici».

A gennaio una nuova associazione volta all’ascolto

Due anni intensi, impegnativi, coinvolgenti, anche pesanti. Eppure Raffaele Mautone continua a guardare al futuro con fiducia tanto da fondare, insieme al fratello, a gennaio, l‘associazione ‘Il sentiero dell’infermiere’: «Questo perché abbiamo scoperto che con la pandemia abbiamo superato il confine delle corsie e abbiamo capito che per uscire da questa emergenza sanitaria, ma anche da altre malattie e disagi come la solitudine, bisogna percorrere insieme una strada che, seppur resa tortuosa dalle difficoltà dovute al virus, ha lasciato una traccia, ovvero quella del bisogno l’uno dell’altro. A quasi due anni da quell’inizio mi rendo conto che i pazienti continuano a riconoscere questo aspetto, e noi infermieri ad aver necessità di vivere appieno questo percorso. Quando un infermiere lavora in reparti fra i più difficili, cerca di alzare un muro, così da distaccarsi una volta a casa. Ma se, invece, si cerca di affrontare questo percorso insieme ai pazienti, come abbiamo realizzato attraverso le lettere e nel pellegrinaggio che abbiamo portato a termine quest’anno verso Roma, non possiamo che riappropriarci della nostra libertà, sia spirituale sia emotiva. Una necessità di cammino che si fa ascolto e condivisione piena, la fratellanza che noi rappresentiamo anche concretamente. La nostra associazione avrà, dunque, lo scopo, anche passata la pandemia, di ascoltare le persone».

Ascoltare proprio tutti, anche coloro che si dicono ‘no vax’? Come reagisce un infermiere che quella malattia l’ha vissuta e sofferta in prima persona? «Probabilmente coloro non accolgono l’invito a vaccinarsi sono persone che hanno paura. Io non posso far altro quando li incontro in ospedale, o per essere stati contagiati dal coronavirus o perché accompagnano familiari, di spiegare loro le difficoltà e i pericoli insiti in questa malattia. Dunque, non li contrasto nella loro scelta, ma porto anche la mia visione su quella che è una concreta e tremenda malattia».

Leggi anche:

'La terapia per il Covid? La somministrazione di umanità'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cardiocentro cavaliere coronavirus lugano raffaele mautone sergio mattarella
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved