ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
24 min

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiede di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
Locarnese
41 min

Restauro del giardino del Papio, lavori a buon punto

Prevista una presentazione pubblica del progetto che ridarà splendore a uno dei rari esempi di ‘arredamento verde’ di stile borromaico
Locarnese
49 min

Karate, riconoscimento europeo per il 7° Dan Mario Campise

Già organizzatore del Campionato del mondo a Locarno e di due Wuko Day, ha avvicinato in modo decisivo la disciplina ai disabili
Locarnese
50 min

Apprendisti vodesi in visita all’Ida Foce Ticino a Gordola

Una sessantina fra apprendisti operatori di edifici e infrastrutture e addetti alle pulizie in viaggio di studio
Bellinzonese
1 ora

Da oggi a Bellinzona i castelli si spengono alle 22

Il Municipio ha deciso di introdurre da subito misure per risparmiare energia: illuminazione pubblica più fioca e massimo 20 °C negli uffici comunali
Locarnese
1 ora

Vita e arte di Pierre Casè, genesi di una biografia

Intervista allo scrittore Martino Giovanettina, che ha pubblicato un libro sul pittore e curatore di mostre locarnese
Luganese
1 ora

Lugano, disagi al traffico per l’arrivo dell’Fc Basilea

Domenica pomeriggio e la sera, per la partita di Cornaredo, sono annunciate chiusure e deviazioni stradali dalla stazione allo stadio
Bellinzonese
1 ora

Biasca, conferenza sull’abolizione della pena di morte in Ticino

Appuntamento per martedì 25 ottobre alle 19 al Museo militare Forte Mondascia. Il relatore sarà il giudice Werner Walser
Locarnese
2 ore

Progettazione Museo di storia naturale, la seconda fase

Una procedura complessa, ricorda il Cantone: ‘Il Santa Caterina a Locarno è un comparto pregiato dal profilo storico-culturale’
Locarnese
2 ore

Ascona, Concerto della Vos da Locarno

Nell’ambito dei festeggiamenti per il 70esimo di fondazione, la formazione canora di scena nella Chiesa evangelica sabato sera
Locarnese
2 ore

Alla Galleria Mazzi di Tegna le opere di Cortesi

Vernice dell’esposizione ‘Diario dell’asfalto’ dell’artista locarnese domenica alle 10.30
09.11.2021 - 16:14
Aggiornamento: 18:10

Accusato di pedofilia, aveva ingiuriato la legale: condannato

Pensionato alle Correzionali di Lugano riconosciuto colpevole di reati contro l’onore. Le e-mail, ritenute minacciose, in copia a Gobbi e alla polizia

accusato-di-pedofilia-aveva-ingiuriato-la-legale-condannato
Ti-Press
Il giudice, Marco Villa

Era stato fermato dalla polizia con il sospetto di abusi sessuali sulla nipotina – sospetto poi decaduto – e aveva ricevuto l’ordine di non più vedere la bambina. Carico d’ira, aveva inviato e-mail di minacce, ingiurie, atti diffamatori e discriminatori all’indirizzo dell’avvocatessa che rappresentava la nuora e la minore nella vicenda giudiziaria. Non solo. I contenuti di offesa e discredito erano stati inviati in copia alle autorità cantonali e giudiziarie: fra cui, il consigliere di Stato Norman Gobbi, capo del Dipartimento delle istituzioni, e il vicecomandante della Polizia cantonale. Protagonista, un 65enne luganese, comparso stamane davanti alla Corte delle assise correzionali di Lugano. La vicenda risale alla primavera scorsa.

‘Ammetto il reato, ma se mi trovassi ancora in una situazione simile lo rifarei’

«Ho agito per il beneficio della mia nipotina. Sono state reazioni di pancia, uno sfogo», si è giustificato l’imputato, che ha proseguito: «Non ero in una bella posizione. Essere accusato di pedofilia, non lo auguro a nessuno, sapendo che era falso. Era uno sfogo e volevo che sapessero tutti di aver ricevuto una denuncia infamante. Agendo così, speravo che qualcuno mi aiutasse. Ho rischiato di essere arrestato e finire su tutti i giornali. Il fermo è stato un momento sofferto: sono arrivati al mio domicilio alle 14.30 del pomeriggio due poliziotti e sette-otto della polizia giudiziaria. Hanno esibito un ordine di perquisizione e così hanno perlustrato tutta la casa, sequestrato tutte le lenzuola, telefonini e computer. Sono stato interrogatorio per 6 ore e mezzo, e lo stesso trattamento è stato riservato a mia moglie e a mio figlio. Riconosco l’imputazione. Ma mi sono sentito aggredito, in maniera falsa e cattiva». L’imputato ha detto alla Corte di non aver ritenuto come minacce i suoi scritti e ‘se mi trovassi ancora in una situazione simile lo rifarei’.

Il giudice Marco Villa ha condannato il 65enne: «Nonostante la sua situazione, il suo comportamento è ingiustificato». Il 65enne è stato prosciolto dal reato di coazione come pure dall’accusa di discriminazione e incitamento all’odio, perché – ha spiegato il presidente della Corte – non ha reso pubblico il suo scritto. La giurisprudenza prevede che il pubblico sia di 40-50 persone e qui non è stato il caso. Riconosciuto invece il reato di minaccia, che si è compiuto con quattro epiteti, così pure il reato di diffamazione, nonché d’ingiuria. La condanna complessiva, che contempla inoltre un risarcimento di 500 franchi per torto morale a favore della legale, è di una pena pecuniaria di 90 aliquote di 40 franchi l’una sospese per un periodo di prova di due anni per i reati contro l’onore. L’imputato è stato inoltre condannato per reati societari e patrimoniali – il 65enne aveva prelevato gettoni per 30mila franchi dalla società, fallita e inattiva, del bar di sua proprietà in centro città; e per guida in stato d’inattitudine e infrazione alle norme della circolazione. Totale della ulteriore pena: 8 mesi di detenzione sospesi per due anni.

La procuratrice pubblica, Francesca Piffaretti-Lanz, in mattinata ha chiesto la conferma integrale dei tre atti d’accusa. Stessa conclusione quella alla quale è giunta l’avvocatessa in rappresentanza dell’accusatrice privata. L’avvocato di difesa, Tuto Rossi, ha dal canto suo contestato i reati di coazione e minaccia. «L’imputato non è certo una persona offensiva», ha evidenziato. Il legale non si è per contro opposto ai reati di ingiuria e diffamazione, battendosi infine per una riduzione della pena.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved