a-lugano-gli-affitti-sono-sempre-piu-cari-ma-in-regalo
Lo sfitto abbonda (Archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
9 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
11 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
11 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
11 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
12 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
12 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
12 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
12 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
13 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
13 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
13 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
13 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
13 ore

Molestie all’Unitas, assemblea tesa

Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
15 ore

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
Grigioni
1 gior

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
1 gior

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
1 gior

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
2 gior

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
2 gior

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
2 gior

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
laR
 
16.11.2021 - 05:30
Aggiornamento : 08:51

A Lugano gli affitti sono sempre più cari, ma in regalo

Diversi annunci propongono mensilità gratuite o buoni trasloco ai nuovi inquilini. ‘Una gara per emergere tra le tante offerte’.

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“Vado a vivere da solo, ho preso un appartamento”. “Figo! Quanto paghi d’affitto?”, “1200 franchi, parcheggio incluso”. “Ti sei fatto regalare qualche mese?”, “no, perché?”. “Se chiedevi almeno il primo mese te lo concedevano secondo me, conosco tanta gente che l’ha fatto”, “allora ci provo, non sarebbe male. Così mi pago il salotto nuovo". Discorso tra due giovani al bar. Ubriachi? No, quello degli affitti gratuiti ai nuovi inquilini da parte dei locatori è una pratica piuttosto presente in Ticino. Basta infatti andare a farsi un rapido giro sui vari portali di annunci immobiliari per imbattersi in offerte come: “Lugano, 3,5 locali a pochi passi dal centro città. Primo affitto gratuito”. Oppure, “appartamento a pochi passi dalla stazione di Chiasso. Per chi stipula un contratto di almeno due anni, il primo mese è gratis!”. Resta però complicato dare una dimensione al fenomeno, come spiega a ‘laRegione’ il manager della comunicazione di ‘Homegate.ch’ Fabian Korn: «È difficile sapere se si può parlare davvero di un fenomeno. In ogni caso alcuni indicatori importanti ci sono».

‘Locatori sempre più creativi’

Uno dei dati a cui fa riferimento Korn è la durata delle inserzioni, decisamente più alta in Ticino rispetto alle altre regioni della Svizzera. Nel nostro cantone un annuncio restava pubblicato, secondo i dati forniti dal ‘Swiss real estate institute’, in media per 63 giorni nel 2019 e per 57 nel 2020. A titolo di paragone: nel canton Zugo i giorni erano 16 (2019) e 12 (2020), mentre in Vallese 37 e 40. «Fondamentalmente i locatari diventano sempre più creativi quando le loro proprietà risultano difficili da vendere o affittare a causa della situazione del mercato immobiliare. Uno di questi modi creativi è sicuramente quello di offrire uno o più affitti gratuiti». La lista delle promozioni possibili si potrebbe però allungare. Alcuni annunci offrono un ‘buono trasloco’ grazie al quale è possibile trasferirsi senza dover pagare i costi del trasporto dei mobili. Così si legge su un annuncio riguardante un appartamento a Davesco-Soragno: “Spazioso e luminoso 4,5 locali. Primi tre mesi gratuiti o buono trasloco”. «È interessante notare che, a differenza del Ticino nel suo complesso, i tempi d’inserimento degli appartamenti in affitto a Lugano non sono diminuiti negli ultimi due anni, ma sono continuati ad aumentare». I dati mostrano infatti 58 giorni di durata per un’inserzione nel periodo 2020-21, mentre nel 2018-19 si fermava a 52. La città sulle rive del Ceresio risulta inoltre essere la prima in un confronto sul tema tra i 12 principali centri urbani elvetici. Ma come spiegare questa differenza tra Lugano e il resto del cantone, con le due tendenze che vanno in direzioni diverse? «È complicato da determinare. Un’interpretazione possibile potrebbe essere che, complice la pandemia e l’incremento del lavoro da casa, la domanda di casa in zone rurali del Ticino è aumentata di più rispetto a Lugano», afferma Fabian Korn.

Costi degli affitti in netto aumento

Nonostante queste difficoltà nel riuscire a trovare un inquilino il costo degli affitti continua ad aumentare, con nuovi massimi raggiunti a livello nazionale e una crescita netta anche a Lugano. Secondo i dati elaborati dal portale Homegate.ch per il mese di settembre, in collaborazione con la banca cantonale di Zurigo, la variazione su base annua in Svizzera è in aumento dello 0,8%. Il parametro si è attestato a 115,7, salendo così al massimo rilevato da quanto viene calcolato, cioè il 2009. Grosse differenze, rivela lo studio, si riscontrano però a livello regionale. Il Ticino fa segnare una lieve contrazione (0,1%). Lugano, l’unica città ticinese considerata a sé stante, mostra invece una progressione annua delle pigioni addirittura del 3,2%.

Per capire quali sono le ragioni che portano a questo genere di promozioni, sulle quali non esistono ancora degli studi specifici, abbiamo sentito l’economista e docente della Suspi Amalia Mirante. È stata anche l’occasione per fare un bilancio sullo stato di salute del mercato immobiliare ticinese.

Come si spiegano annunci che propongono mensilità gratuite o altri tipi di promozioni?

Il motivo è presto detto: una grande offerta rispetto alla domanda. Sul mercato immobiliare ticinese troviamo disponibilità per tutti i tipi di appartamento, da quelli costosi fino a quelli a pigione moderata. Inoltre rispetto a 10 anni fa c’è una mobilità maggiore, si tende a restare meno in un’abitazione. Questo agita il mercato. Se si vuole vendere il proprio prodotto bisogna quindi convincere, fare promozione e accaparrarsi i clienti.

In questo modo il locatore non ci rimette del denaro?

Chi affitta non ci perde. Quello che conta è attirare l’attenzione del cliente, come nel marketing. Senza un’offerta che rende concorrenziali, il rischio è di avere il proprio immobile sfitto per magari diverso tempo. Rinunciando a incassare 1 o 2 mesi si può invece trovare più facilmente un locatario, la perdita iniziale è quindi ammortizzata senza problemi sul lungo periodo.

Non sarebbe più semplice ridurre l’affitto?

In questo periodo il mercato immobiliare, complici i tassi d’interesse negativi, è un po’ particolare. Per chi ha grossi patrimoni conviene di più investire in costruzioni e tenere sfitto piuttosto che lasciare i soldi in banca. Questa è una ragione che ha spinto verso una grande offerta, anche se la domanda non è cresciuta. L’idea di perdere un mese, quando sappiamo già che non verrà affittato, fa inoltre meno paura che abbassare il prezzo. La situazione potrebbe però cambiare, ad esempio se mutano i tassi d’interesse e torna l’esigenza di affittare. Adesso siamo ancora nell’idea del “convinco il cliente senza perderci”.

Sarà il mercato a regolarsi da solo oppure questa tendenza va corretta?

I ritardi nella consegna delle materie prime e l’aumento vertiginoso dei costi di produzione probabilmente diventeranno un freno naturale. Non possiamo però dirci contenti, vista l’importanza che ha in Ticino questo settore. Non sono inoltre convinta che si tratta di una situazione transitoria. Si sta sottovalutando la grande domanda di alloggi in Cina e in altri paesi in via di sviluppo. Regioni che sono anche grandi esportatori di materie prime e potrebbero decidere di dare la precedenza al mercato interno.

Come sta, in conclusione, il mercato immobiliare ticinese?

Non è ancora ammalato, ma bisogna fare attenzione. I salari medi nel nostro cantone sono i più bassi di tutta la Svizzera. Il rischio è che si generano sempre più offerte che i residenti non si possono permettere.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
amalia mirante fabian korn lugano mercato immobiliare promozioni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved