non-ho-una-mente-criminale-ma-truffo-29-clienti
Ti-Press
Lingotti d’oro
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
5 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
10 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
10 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
15 ore

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
15 ore

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
16 ore

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
16 ore

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
16 ore

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
1 gior

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
1 gior

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
1 gior

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
1 gior

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
02.11.2021 - 18:11

‘Non ho una mente criminale’, ma truffò 29 clienti

Condannato a 3 anni e 6 mesi l’amministratore 45enne di una società luganese che aveva fatto credere agli investitori di un redditizio commercio d’oro

Ai suoi clienti faceva credere di aver avviato un redditizio commercio d’oro in Africa. Peccato però che gli investimenti si erano poi rivelati sbagliati o inesistenti risucchiandolo in un vortice di indebitamento e di mancanza di liquidità dal quale non ha saputo riaffiorare. È così stato condannato a tre anni e sei mesi da espiare (espulsione per sette anni) l’amministratore unico di una società anonima con sede a Lugano. La Corte delle Assise criminali, presieduta da Amos Pagnamenta, affiancato dai giudici a latere Aurelio Facchi e Luca Zorzi, lo ha riconosciuto colpevole di ripetuta truffa qualificata e appropriazione indebita. Fra il 2014 e il 2019 l’uomo ha sottratto dalle tasche di 29 clienti e dalle loro cassette di sicurezza, fra contanti e metallo prezioso, una cifra pari a oltre 2 milioni e 200mila franchi.

L’operazione aurifera con la quale ha preso avvio la raccolta di fondi aveva «un’intenzione difforme da quanto pattuito con il cliente – ha spiegato il presidente nel commentare la sentenza –, ha infatti proseguito senza ammetterne mai il fallimento». Una colpa giudicata dunque grave dal punto di vista oggettivo, perché ha agito sull’arco di molti anni, compromettendo l’immagine della piazza finanziaria ticinese, e soggettivo per «la preoccupante propensione a delinquere» ha sottolineato Pagnamenta.

«Non ho una mente criminale – si è da parte sua smarcato l’imputato nel corso del dibattimento –, mi resta invece un grande senso di colpa e un forte disagio per il danno arrecato. Ho fatto tanti errori, ma non volevo che a pagare fossero i clienti così ho cercato di rimettere tutto in carreggiata, ma non ci sono riuscito. Mi dispiace essere additato come truffatore, faccio fatica a mandarlo giù. Ho cercato di recuperare gli errori, ma non ci sono riuscito, le operazioni non bastavano mai. Se avessi la bacchetta magica ripianerei tutto».

Per la procuratrice pubblica Raffaella Rigamonti, titolare dell’inchiesta che ha definito «di una certa complessità», il 45enne, cittadino italiano, «era consapevole sin dall’inizio degli investimenti che l’attività fosse compromessa, non si è trattato di un caso. Ha invece ingannato i clienti e i procacciatori sfruttando il rapporto di fiducia e mettendo in atto un vero e proprio castello di menzogne. L’imputato è partito fin dall’inizio con il piede sbagliato in quelli che, verrebbe da dire, erano dei non-investimenti, perché di investimenti ce ne sono stati davvero pochi. Ha fatto credere che andasse tutto bene e che ci fossero dei guadagni, invece agiva attraverso il classico sistema del buco tappa buco. Era una persona credibile in quanto sapeva vendersi bene, agendo senza scrupoli e per indebito profitto».

Negli anni, secondo l’accusa, che ha ricordato i procedimenti penali in atto in Italia, l’imputato ha incassato e utilizzato nella sua attività circa 10 milioni di franchi. È stato proprio grazie a un’inchiesta avviata nella Penisola che nel gennaio 2020 è stato estradato in Svizzera per mezzo di un ordine di arresto internazionale. «Se all’inizio ha rilasciato una piena collaborazione, tanto che sembrava ammettere e assumersi le responsabilità, successivamente ha poi contestato il tutto – ha ricordato la pp –, eppure era lui ad amministrare la società e sapeva che i fondi non sarebbero stati utilizzati per investimenti ma per coprire perdite, oltre che a suo favore. ‘Era l’unico modo di continuare con il business’ sono state le sue parole durante gli interrogatori». Da qui la richiesta di tre anni di carcere per truffa per mestiere: «Ha valicato il limite della legalità con leggerezza. Aveva tutte le possibilità per fermarsi ma si è ben guardato dal farlo, ledendo crassamente la fiducia dei clienti per anni» ha chiosato Rigamonti concedendo le attenuanti in considerazione «di una certa collaborazione almeno iniziale, del tempo trascorso dai fatti e dell’incensuratezza». Solidali nell’accusa i rappresentanti di parte civile presenti in aula, fra di loro l’avvocato Bruno Mazzola che ha paragonato i lingotti mostrati ai clienti «come i carrarmati esibiti durante la Seconda guerra mondiale...».

Proscioglimento è quanto chiesto, invece, dalla difesa per voce dell’avvocato Federico Forni: «Il mio assistito non ha mai cercato di nascondere nulla raccontando per filo e per segno i fatti e assumendosi le proprie responsabilità. Non ha mai fatto la cosiddetta bella vita, rimanendo sempre al comando e pagando gli errori di altri. È tuttora convinto che se non fosse stato arrestato sarebbe riuscito ad onorare i suoi impegni».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved