non-una-provocazione-ma-un-assist-per-lugano
Ti-Press/D. Agosta
I promotori
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 min

Mascherine, il Cantone sostiene l’obbligo nei luoghi affollati

Il Consiglio di Stato invita i Comuni a introdurre ‘una misura di prevenzione molto efficace in occasione degli eventi natalizi’
Bellinzonese
33 min

Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti

La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Bellinzonese
1 ora

Assemblea impianti Campo Blenio

Si terrà sabato 11 dicembre alle 18, al termine dei lavori è prevista una cena
Locarnese
1 ora

Il ragazzo pestato è tornato a casa

La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Bellinzonese
1 ora

Dopo un anno di pausa torna Gospel & Spirituals

Per la 31esima edizione sono previsti sei concerti con artisti di varia provenienza
Bellinzonese
1 ora

La Lingera (per ora) ha deciso di non decidere

L’edizione 2022 del carnevale di Roveredo è in sospeso, il comitato riunitosi ieri deciderà entro la metà di gennaio
Ticino
2 ore

Coronavirus, 188 casi in più e 11 pazienti in terapia intensiva

Nelle case per anziani gli ospiti attualmente positivi sono 5
Bellinzonese
7 ore

Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo

Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Ticino
7 ore

Babbo Natale è alle prese con qualche grattacapo

A causa di colli di bottiglia nella distribuzione globale, alcuni regali sono difficili da reperire. Ma i commercianti rassicurano: l’offerta resta ricca
Ticino
7 ore

Gole profonde... per legge

Whistleblowing, il Gran Consiglio si appresta a codificare le regole a tutela di chi nell’Amministrazione segnala irregolarità
Bellinzonese
7 ore

Officine di Castione, i tempi pieni salirebbero da 300 a 360

Oggi le Ffs comunicheranno i dettagli del Piano industriale: ecco le prime cifre, che richiedono tuttavia dei chiarimenti sul lato occupazionale
Locarnese
13 ore

Locarno, ancora un caso pestaggio in centro

Un ragazzo di 18 anni vittima di un gruppo di giovani. La denuncia della madre sui social media
Luganese
14 ore

Glamping a Carona, ‘scelta giusta ma ci sono questioni aperte’

Apprezzato anche dal promotore della petizione il progetto premiato dalla giuria e dal Municipio: ’È stato ridimensionato lo spazio ai privati’
Luganese
21.10.2021 - 17:220
Aggiornamento : 17:48

‘Non una provocazione, ma un assist per Lugano’

Un gruppo di cittadini ha presentato quattro proposte per il futuro culturale e sociale della città. ‘Usciamo dalla logica delle contrapposizioni’

Quattro proposte per migliorare Lugano e renderla “aperta, innovativa e accogliente”. È quanto ha realizzato un gruppo di cittadini che, dopo gli ultimi mesi segnati da tensioni e polemiche, vuole scendere in campo per portare un cambiamento al futuro della propria città. «Il nostro è un assist. Spetterà poi ad altri fare gol e regalare una vittoria a tutta la popolazione», ha usato una metafora calcistica Edo Carrasco per spiegare le intenzioni del gruppo di promotori. «Non è una provocazione, ma una serie d’idee interessanti che consideriamo anche ricevibili, in linea con l’apertura al dialogo dichiarata dal Municipio. Dobbiamo uscire dalla logica delle contrapposizioni e optare per un vero dialogo», ha proseguito il rettore dell’Università della Svizzera italiana (Usi) Boas Erez, tra i fautori dell’iniziativa. A far scoccare la scintilla, che ha portato a quattro proposte concrete basate su esempi virtuosi già presenti in Svizzera e all’estero, è stata la demolizione dell’ex Macello nel mese di maggio. «Personalmente è stato l’elemento scatenante. Sono sceso in piazza per protestare civilmente e ora sento il bisogno di fare qualcosa per la mia città», ha chiarito Carrasco.

‘Una cultura che parte dal basso’

«Come primo punto proponiamo di creare un’associazione che raggruppi diverse istanze culturali e parta dal basso, dai quartieri. Un’alternativa alla cultura tradizionale, apprezzata ma spesso elitaria», ha illustrato Erez. Un bisogno, a detta dei promotori, divenuto una necessità sempre più impellente visto che «dopo anni di movimento vivace la scena culturale alternativa si è un po’ spenta, con la demolizione del centro autogestito e la fine di altre esperienze», ha fatto notare l’operatore culturale Damiano Merzari. L’idea dei promotori è quella di coinvolgere il maggior numero possibile di persone, «non vogliamo parlare degli errori fatti in passato ma guardare avanti, senza puntare il dito contro qualcuno. Le nostre non sono proposte di sinistra o di destra ma un modo possibile per avanzare e creare qualcosa di nuovo», ha proseguito il rettore dell’Usi. Per raccogliere idee e spunti tra la popolazione è anche stato creato un indirizzo mail al quale rivolgersi: per.lugano@gmail.com. Un altro punto toccato durante la conferenza stampa di presentazione, tenutasi a Paradiso, è legato agli spazi abitativi. «L’abitabilità di Lugano va ripensata. Servono alloggi di utilità pubblica, che portino allo sviluppo di un’economia circolare e rendano attrattivi i quartieri dove il cittadino si senta responsabilizzato», hanno detto le architette Monique Bosco-von Allmen e Sophie Maffioli. «In questo senso le città della Svizzera interna, come Zurigo, offrono degli esempi molto interessanti».

‘Non sono progetti costosi’

Al momento ancora solo scritte su carta, i promotori sperano che le loro idee possano presto diventare realtà. «Non ci siamo dati una scadenza entro la quale ottenere dei risultati tangibili. Il limite è dato dalla quantità di energie disponibili», ha spiegato Erez. Proposte di questo tipo necessitano comunque di un sostegno finanziario e della collaborazione con le autorità cittadine. Gli altri due punti prevedono infatti l’organizzazione di eventi, per promuovere un’identificazione nella città di ampia parte della popolazione, e la creazione di un luogo di riflessione permanente e di dibattito su temi d’attualità. «La politica è importante ma non può fare tutto, è fondamentale che sia prima il cittadino ad agire. Per quanto riguarda i costi non stiamo parlando di cifre esorbitanti, con anche i privati che potrebbero essere interessati». Ma per un progetto che si vuole il più possibile inclusivo, perché si è deciso di limitarlo a Lugano e non estendere il discorso a tutto il cantone, magari nell’ottica della “città Ticino”? «Siamo cittadini luganesi e questa è la realtà che conosciamo meglio. Non è una questione di egoismo ma di conoscenza del territorio e delle sue dinamiche. Partendo da Lugano i progetti alternativi che proponiamo potrebbero espandersi nel resto del cantone creando una rete interconnessa e stimolante», hanno concluso i promotori.

Ti-Press/D. Agosta
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved