ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
18 min

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
2 ore

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni, ma sempre pendente al Tram il ricorso dell’ex sindaco. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss
Luganese
19 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
19 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior

Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’

A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Locarnese
1 gior

Cordoglio per la morte di Pierino Tomatis

Ingegnere, già sindaco di Lavertezzo per diverse legislature, era molto attivo in ambito energetico
Luganese
1 gior

Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%

Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
Locarnese
1 gior

Attive della Sfg Losone sugli scudi a Zugo e a Veyrier

Ginnastica, ottimi risultati delle ragazze locarnesi, impegnate oltre Gottardo in due gare di livello nazionale
gallery
Bellinzonese
1 gior

Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto

Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Locarnese
1 gior

Lento fumo, due argenti nazionali per Paolo Dova

L’esponente del Gruppo ‘PipapassioneTuri’ di Minusio si è distinto al 47° Campionato svizzero svoltosi nel Canton Zurigo
Luganese
1 gior

Un credito supplementare per la rotatoria al Piano della Stampa

Il Municipio di Lugano chiede oltre mezzo milione di franchi per una pista provvisoria che garantirà anche l’accesso al cantiere del Dsu
Mendrisiotto
1 gior

Valera verde, L’AlternativA: ‘Seguiremo con occhio vigile’

Verdi e Sinistra insieme: ‘Il fondovalle del Mendrisiotto ha bisogno di questo polmone verde. Non molleremo la presa’
Ticino
1 gior

In pensione il caposezione Circolazione, bando per sostituirlo

L’avvocato Cristiano Canova lascerà la carica il 1° aprile 2023, dopo oltre 30 anni di servizio. Pubblicato il concorso per trovare il suo successore
Bellinzonese
1 gior

Incontro con Raffaele De Rosa a Lodrino

L’evento, organizzato dal Centro di Riviera, si terrà giovedì 29 settembre dalle 18 all’ex Vetreria
Ticino
1 gior

Le settimane passano, ma non i radar, ed è ottobre

Comune per comune i punti ‘osservati speciali’ dell’azione di controllo della velocità in un’ottica di prevenzione
Grigioni
1 gior

La teleferica Arvigo-Braggio chiusa per controlli alle funi

L’esercizio dell’impianto presente nel comune di Calanca sarà sospeso lunedì 24 ottobre dalle 9 alle 11
Mendrisiotto
1 gior

Castel San Pietro, Progetto Monte: villaggio per tutte le età

Appuntamento per sabato 1º ottobre alle 9.15 in cui verranno presentati gli interventi. L’iscrizione al pranzo è obbligatoria entro il 23 settembre
Bellinzonese
1 gior

Ps Riviera: ‘Cosa farà la Ses per abbassare i prezzi?’

José Del Romano in un’interrogazione chiede al Municipio di ‘intervenire in favore della popolazione e delle aziende’
Mendrisiotto
1 gior

A Chiasso per rilevare glicemia e pressione arteriosa

Appuntamento al centro diurno socioassistenziale Villa Olimpia in via Franscini 5, a partire dalle 8.30 fino alle 11
Locarnese
1 gior

Largo Zorzi, l’autosilo dà utili ma ha bisogno di cure

Chiesti al Consiglio comunale 730mila franchi per interventi di manutenzione straordinaria e modernizzazione. Dal 2017 al ’21 più ricavi che costi
Bellinzonese
1 gior

A Biasca si chiede di risparmiare energia di notte

Il gruppo Insieme a sinistra in Consiglio comunale presenta una mozione per ridurre allo stretto necessario l’illuminazione pubblica e privata
Locarnese
1 gior

Ascona, nuovo percorso temporaneo per la linea 1

Lunedì dalle 11.45 soppresse tre fermate e bus su via Baraggie a causa dei lavori di pavimentazione su viale Monte Verità
Luganese
1 gior

Lavori notturni a Lugano

Il cantiere durerà fino al 21 ottobre su via Zurigo e all’incrocio tra via Madonnetta e corso Elvezia
Locarnese
1 gior

A Gordemo si festeggia San Nicolao della Flüe

Sabato alla chiesa del paese dalle ore 20 si terrà una proiezione sulla vita del Patrono della Svizzera, seguita il giorno seguente dalla messa
Luganese
1 gior

Melide, apre lo Scoiattolo 9: il nuovo centro extrascolastico

La struttura può ospitare fino a 30 bambini dai 3 ai 12 anni per venire incontro alle famiglie anche durante le vacanze scolastiche
Bellinzonese
1 gior

Stazione di Biasca senza biglietteria, per il CdS va bene così

Sportelli fisici usati solo dal 5% dei viaggiatori: il governo non entra nel merito della decisione adottata dalle Ffs
Mendrisiotto
1 gior

Con la cocaina dal Belgio a Marcetto, 53enne espulso

L’uomo ha trasportato e detenuto più di 3,5 chili con una purezza all’80%. Inflitta una pena di tre anni e nove mesi e otto anni di espulsione
Bellinzonese
1 gior

Nuove scuole a Lodrino entro il 2028

Il progetto Meta si è aggiudicato il concorso per la progettazione del comparto scolastico. Investimento complessivo di 38 milioni di franchi
laR
 
28.10.2021 - 05:30
Aggiornamento: 15:27

Lugano, Pse ma quanto mi costi?

Srotolata la matassa finanziaria dell’investimento che rivoluzionerà il comparto di Cornaredo (se vincesse il sì il prossimo 28 novembre)

lugano-pse-ma-quanto-mi-costi

Siamo a un mese esatto dalla votazione sul Polo sportivo e degli eventi (Pse) e balza all’occhio l’ingente discrepanza di spesa di 76 milioni di franchi, tra le posizioni dei favorevoli e quelle dei contrari. Il prossimo 28 novembre i cittadini di Lugano saranno chiamati alle urne, dopo il referendum riuscito dell’Mps, per approvare o bocciare il tanto discusso progetto. La popolazione avrà l’ultima parola sui contenuti del messaggio votato dal Consiglio comunale il marzo scorso che comprende il Partenariato pubblico privato (Ppp) fra la Città e il gruppo Hrs con il Credito svizzero e le spese di 167 milioni di franchi per l’arena sportiva e il palazzetto dello sport, 127 milioni, per le due torri, la nuova sede della Polizia comunale, il parco urbano da 12’000 metri quadrati e 80 milioni per residenze e uffici. Ma cominciamo dalle tempistiche.

Quando verrà realizzato il Pse?

Come noto, la realizzazione è prevista a tappe. Venisse bocciato il referendum, dapprima sorgerebbero i “contenuti sportivi“: lo stadio nel 2023-2025 e il palazzetto dello sport nel 2024-2026. Nel 2025-2028 sarà il turno dei “contenuti complementari”: le due torri (una delle quali riservata agli uffici comunali), il blocco servizi (Polizia comunale e contenuti legati alle attività sportive), l’edificio sud (contenuti gastronomici e commerciali), i principali spazi pubblici esterni. Infine, nel 2026-2029, i “contenuti privati”: l’edificio ovest con l’autosilo e le aree esterne private.

Perché, secondo i contrari, i costi totali sarebbero di 450 milioni di franchi?

I due comitati contrari aggiungono una serie di voci di spesa non incluse nel messaggio oggetto di referendum. Fra la posizione del Municipio, che parla di un costo totale 374 milioni di franchi, e quella dei contrari che contestano la cifra e la fanno lievitare a 450 milioni di franchi, la discrepanza è di ben 76 milioni di franchi. Una discrepanza da attribuire, soprattutto al centro sportivo al Maglio di Canobbio, per il quale però il Consiglio comunale di Lugano ha già votato il credito di costruzione di 37 milioni di franchi (considerando compravendita e progettazione salgono a 42 milioni) e l’investimento è cresciuto in giudicato senza contestazioni. I contrari ritengono tuttavia che l’opera, così come la futura pista di atletica e i contenuti sportivi nel comparto sud di Cornaredo (la cui spesa è stimata in 10 milioni, ma non c’è ancora il messaggio) rientri nell’operazione Pse. Da un certo punto di vista, è comprensibile, visto che lo stesso esecutivo afferma che sarebbe impossibile realizzare tutto a Cornaredo, ma il Maglio non è oggetto del referendum. Alla cifra di 52 milioni supplementari, bisogna aggiungere, i costi di progettazione del Pse (approvati dal legislativo, cresciuti in giudicato e in buona parte spesi) di 14 milioni. Così, si arriva a 233 milioni di franchi, per la prima fase dei lavori. Questo resoconto, come i successivi argomenti dei contrari, ricalcano più o meno il rapporto di minoranza della Gestione firmato il 22 marzo da Ferruccio Unternährer (Plr).

Quali sono le altre differenze di costo?

Nella tappa 2, come precisato dalla documentazione della Città, si prevede la costruzione dei contenuti privati obbligatori dal costo complessivo di 127 milioni di franchi, così ripartiti: due torri, il blocco servizi con i relativi autosili, l’edificio sud e il parcheggio pubblico a nord e la sistemazione esterna con il parco pubblico. I contrari precisano che, per la fase due, il totale sarebbe invece di oltre 137 milioni di franchi, perché occorrerebbe un’altra decina di milioni per realizzare le finiture della torre est (8,14 milioni) e del blocco servizi (2,45 milioni). Per la terza tappa, invece, le posizioni dei due fronti combaciano: l’onere è di 80 milioni di franchi.

Quanto ammonta l’onere per la cittadinanza?

Come noto, l’arena sportiva è concessa in leasing alla Città per circa 27 anni, mentre il palazzetto per lo stesso tempo ma in locazione. Entro tale termine il Comune verserà annualmente un ammortamento e remunererà il finanziamento residuo dell’investitore. Per il calcolo dell’aumento del fabbisogno annuo, i contrari evocano le voci di spesa elencate sopra, degli affitti, del leasing, della riconversione dell’edificio in via alla Posta 8 (ex Dogane), senza però tener conto dei diritti di superficie della riconversione dello stesso stabile che oggi ospita circa 115 dipendenti comunali e dell’aumento del gettito fiscale. Sostengono che, per il palazzetto dello sport, bisogna considerare 3,4 milioni all’anno d’interessi, più 1,8 milioni annui di manutenzione e gestione. Per l’arena sportiva, invece, secondo i contrari, l’onere annuale ammonta a poco meno di cinque milioni, più circa 6,2 milioni per manutenzione e gestione. Il centro al Maglio competerebbe un onere totale di 3,3 milioni, mentre per il comparto Cornaredo sud, il blocco servizi e la torre est l’onere sarebbe di 2,74 milioni. Si giunge così a 17,17 milioni di franchi. Nel rapporto di maggioranza della Commissione della Gestione, la cifra di partenza che considera il caso peggiore supera di poco i 16 milioni. Ora è decisamente più basso, secondo il Municipio, che stima di poter contenere le spese a circa 10 milioni l’anno (indicativamente 2-3 punti del moltiplicatore d’imposta), grazie all’aumento dei contributi, saliti a 23 milioni (21 per il Pse, 2 per il Maglio), alle ottimizzazioni dei costi di realizzazioni, degli ammortamenti straordinari, delle maggiori entrate da diritti di superficie indicizzati.

Dal Ppp quanto prevede di incassare la Città e qual è l’impatto sull’economia locale?

I privati, come detto, finanzierebbero il Pse per un totale di 374 milioni: la cifra tiene conto dei costi delle altre strutture previste nell’area. La Città avrebbe anche delle entrate: 83 milioni di diritti di superficie (920mila franchi all’anno) nei 90 anni della concessione. Inoltre, è previsto per l’economia locale un apporto di circa 60 milioni all’anno per diversi anni. Il 75-80% dei lavori edili saranno infatti assegnati ad aziende della regione ed è prevista la creazione di alcune centinaia di posti di lavoro. Il Pse, agli occhi dell’esecutivo e dei favorevoli, rappresenta un importante investimento anticiclico. Per i contrari, invece, è un ingiustificato sperpero di soldi pubblici per un’opera sproporzionata.

Quanto aumenteranno le tasse?

Il Municipio prevede un aumento massimo di 3 punti del moltiplicatore, che per buona parte dei contribuenti equivale a un incremento pari a circa 50 franchi all’anno. Un aumento peraltro necessario anche nel caso di realizzazione in proprio del Pse, o con un nuovo progetto (per il quale occorrerebbe ripartire dal concorso di progettazione), che comprenda solo le strutture sportive.

Perché la Città fa un leasing invece di finanziare gli impianti sportivi in proprio?

Secondo la Città, è una scelta obbligata a causa dell’elevato indebitamento di Lugano, che nel 2013 aveva raggiunto il miliardo di franchi, oggi ridotto a 900 milioni, grazie al piano di risanamento del Municipio. L’evoluzione favorevole consente alla Città di sottoscrivere rifinanziamenti di prestiti in scadenza a condizioni molto vantaggiose e di stipulare contratti per le necessità di liquidità a breve termine con interessi negativi a favorevoli. Un finanziamento diretto della Città al Pse, avrebbe come conseguenza l’aumento dell’indebitamento strutturale e un peggioramento della solvibilità e dell’affidabilità finanziaria di Lugano (rating), riportando la Città a un livello di indebitamento sostenibile solo bloccando altri investimenti o vendendo beni patrimoniali. Questa situazione penalizzerebbe altri settori della società. L’accordo generale di Ppp non vincola la Città alla soluzione del leasing e della locazione. I costi di finanziamento sono flessibili, sia con ammortamenti straordinari (iniziali o durante il contratto), sia con il riscatto anticipato. Sarà possibile riacquistare lo stadio e il palazzetto subito alla consegna oppure, dopo 5 anni, lo stadio a ogni scadenza annuale e il palazzetto a ogni scadenza quinquennale. Con possibilità quindi di abbattere gli oneri.

Perché, non realizzare solo i nuovi stadio e palazzetto dello sport?

Dal punto di vista del committente, ossia la Città, il Pse è considerato nel suo insieme: comprende l’offerta sportiva adeguata alle necessità delle associazioni, stadio a norma per le partite di Super League, ma anche miglioramenti architettonici e urbanistici di un comprensorio da vivere e frequentare non solo durante le competizioni e gli allenamenti e vuoti il resto del tempo. L’autorità politica ha voluto (e votato) per un comparto vivo 7 giorni su 7 e ha pertanto inserito i “contenuti complementari” (commerci, servizi amministrativi, residenze, spazi pubblici per lo svago e lo sport all’aperto).

C’è un piano B nel caso il progetto venisse bocciato il 28 novembre?

Non esiste un’alternativa: o prendere o lasciare. Malgrado le tesi dei contrari, convinti che il Municipio nasconda nel cassetto l’opzione, non ci sono indizi in tal senso. Nemmeno modificare il progetto in corso d’opera è possibile: occorrerebbe ripartire da zero e rifare tutta la procedura, con spreco di denaro pubblico (una ventina di milioni di franchi già spesi) e l’inevitabile allungamento dei tempi di realizzazione. Oltre a restare senza stadio e senza palazzetto, Lugano perderebbe gli investimenti fatti, i sussidi federali e, sempre secondo i favorevoli, una preziosa possibilità di sviluppo urbanistico, economico, sportivo e della qualità di vita. L’Fcl dovrebbe retrocedere in serie B. Non da ultimo, la Città non ha la forza finanziaria sufficiente per realizzare stadio e palazzetto in proprio.

La certezza

Lo stadio di Cornaredo è fuori norma

Partiamo dal fatto che l’attuale stadio non è conforme agli standard della Swiss Football League (Sfl) per le partite di Super League. Un fatto incontestabile: nel 2015 la Sfl ha rilasciato al Football club Lugano (Fcl) una deroga per giocare a Cornaredo fino al termine della stagione in corso. A novembre 2020, la Sfl ha modificato il regolamento delle licenze su richiesta di Fc Lugano (e Fc Aarau) e concesso un’autorizzazione straordinaria a condizione che il progetto del nuovo stadio si realizzi. Il vecchio stadio verrà invece mantenuto fino a quando non sarà pronto quello nuovo.

Leggi anche:

Lugano, primo mattone (virtuale) alla Casa dello sport

Lugano, due rapporti sul Polo sportivo

Lugano, criticità per i 859 milioni di investimenti

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved