ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
48 min

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
57 min

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
1 ora

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
1 ora

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
2 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
2 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
2 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
2 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
2 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
3 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
Ticino
3 ore

Mobilità aziendale, in vigore il nuovo credito di 2 milioni

Il Consiglio di Stato informa sulle novità e sulle attività oggetto di questo secondo finanziamento. Aumenta il cofinanziamento per posteggi di bici
Ticino
3 ore

Pensioni del Cantone, ‘in piazza per opporci a un altro taglio’

Il gruppo per la difesa delle rendite (ErreDiPi) chiama a raccolta gli affiliati all’Ipct. Il portavoce: ‘Si rischia di impoverire la società ticinese’.
Bellinzonese
3 ore

Domande e risposte sulla sessualità nei luoghi di cura

Giovedì 13 ottobre questa tematica delicata sarà al centro del convegno annuale della Fondazione Sasso Corbaro. Si rifletterà su limiti e approcci diversi
Luganese
3 ore

Ex direttore indagato, incontro informativo per i genitori

Domani sera è prevista una riunione riservata ai familiari della sede delle scuole Medie. Intanto il docente ha incaricato un avvocato di fiducia
Locarnese
3 ore

Alla Magistrale la Festa del libro per bambini e ragazzi

Una giornata dedicata, con letture, incontri con gli autori, mercatino, workshop e firmacopie, sabato 1° ottobre dalle 10 alle 18 a Locarno
Locarnese
3 ore

Ascona, incontro con il vincitore del premio Amalago

Per presentare gli obiettivi del riconoscimento letterario e annunciare l’apertura della seconda edizione
Locarnese
3 ore

Caffè riparazione dell’Acsi a Quartino

Per far durare di più oggetti e materiali; per un’economia circolare pro ambiente
Ticino
3 ore

Sabato l’evento ‘Anziani sicuri e agili sulle proprie gambe’

Nell’ambito della Giornata internazionale degli anziani, al Centro diurno Atte di Lugano l’incontro organizzato da Dss, Upi e altre associazioni
Locarnese
4 ore

Losone, per lo Zandone ‘pochi bus e niente ciclopista’

Interpellanza del Centro (Ppd+Gg) per l’uso dei mezzi pubblici e della bicicletta verso la zona industriale
Luganese
4 ore

Lugano, a processo per un buco da oltre 8 milioni

Rinviato oggi, a causa dell’assenza dell’imputato principale, il procedimento a carico di quattro persone accusate di reati finanziari e patrimoniali
Grigioni
4 ore

Nasce il Club Soroptimist Moesano

Progetti nel settore dell’industria tessile con conferenze per tutti e giornate di studio nelle scuole
Bellinzonese
4 ore

A Biasca il nuovo avvincente giallo di Monica Piffaretti

‘La memoria delle ciliegie’ sarà presentato il 28 settembre alla Bibliomedia: protagonista la detective Delia Fischer
20.10.2021 - 18:30

‘Lugano dimostri di avere una visione per il futuro’

Il Municipio invita la popolazione a votare sì, il 28 novembre, alla realizzazione del Polo sportivo e degli eventi

lugano-dimostri-di-avere-una-visione-per-il-futuro
Ti-Press
Cornaredo oggi

«Siamo a cinque mesi dal primo colpo di piccone: questa Città deve tirare fuori l’orgoglio e dimostrare di avere una visione per il futuro». Il Municipio di Lugano, per bocca del sindaco Michele Foletti, non ha dubbi. In occasione del referendum sul Polo sportivo e degli eventi (Pse), il 28 novembre i cittadini devono votare sì. L’indicazione è arrivata questa mattina in occasione di una conferenza stampa che ha visto la partecipazione dell’esecutivo in corpore. «Questo è il frutto più concreto che possiamo raccogliere – ha detto Foletti –. Si tratta di una proposta estremamente vantaggiosa che non ha solo valenza luganese, ma regionale, ed è anche l’unico progetto concreto pronto a partire l’anno prossimo in tutto il cantone». L’obiettivo della Città è realizzare un polo per garantire alle società sportive strutture moderne e conformi alle esigenze delle leghe nazionali, spazio attrezzato e adatto allo svolgimento delle attività individuali e associative, una sede unificata per l’Amministrazione comunale, spazi per eventi, un parco urbano e aree verdi per lo svago e l’incontro a beneficio della popolazione, la riqualifica di un ampio comparto del quartiere di Cornaredo. Il Pse avrà contenuti pubblici (stadio, palazzetto dello sport, servizi amministrativi) e contenuti privati (commerci, uffici, albergo e strutture residenziali).

Il nodo dei costi

Il Pse è frutto di un accordo di partenariato pubblico-privato. «La Città non può finanziare il Pse da sola. Questo sistema ci permette di guardare al futuro senza fermarci con gli investimenti – ha precisato Foletti –. Grazie al Municipio, il debito del 2013 (1 miliardo di franchi) è stato ridotto a poco meno di 900 milioni. Un’evoluzione positiva che permette di sottoscrivere rifinanziamenti di prestiti in scadenza a condizioni molto vantaggiose e di stipulare contratti per le necessità di liquidità a breve termine con interessi negativi a favore della Città». L’aumento massimo del moltiplicatore «sarà di 3 punti a partire dal 2026. Un incremento che ci sarebbe in ogni caso, anche realizzando il Pse senza un accordo con i privati». La realizzazione di tutto il Pse «è responsabilità del partner privato: non sarà la Città a pagare il totale dei costi, stimati in 374 milioni». L’investimento della Città relativo ai contenuti sportivi è di 167 milioni. «L’obiettivo della Città è contenere il fabbisogno dei costi di manutenzione a circa 10 milioni grazie ai contributi, al contenimento delle spese di costruzione e all’indicizzazione dei diritti di superficie – ha spiegato ancora Foletti –. Stiamo lavorando per diminuire in modo importante l’onere dell’opera e il Municipio si è già fissato un obiettivo». Se il progetto venisse bocciato, per ritrovarsi in uno stato di avanzamento della realizzazione del Pse parificabile a quello odierno, nella migliore delle ipotesi ci vorranno almeno 4 anni e una spesa di diversi milioni di franchi (da 5 a 10), è stato spiegato. Oltre a restare senza stadio e senza palazzetto, Lugano perderebbe gli investimenti fatti (18 i milioni già spesi), i sussidi federali (che al momento, uniti a quelli cantonali, raggiungono i 23 milioni tra sicuri e/o promessi) e una preziosa possibilità di sviluppo urbanistico.

‘Il Ticino è il fanalino di coda’

Le infrastrutture sportive attuali sono «vecchie, inadeguate, datate e da diverso tempo al limite – sono state le parole del vicesindaco e capodicastero Cultura, sport ed eventi Roberto Badaracco –. È il momento di darci una mossa e andare avanti». In tutta la Svizzera «sono state costruite strutture nuove e funzionanti, mentre il Ticino è il fanalino di coda assoluto: Cornaredo risale al 1951 e dopo i fasti del basket manca un palazzetto dello sport». Non costruire un nuovo stadio avrebbe quale prima conseguenza «la retrocessione del Football Club Lugano e la nuda e cruda verità è che il Ticino rischia di non vedere una partita di Super League per una decina d’anni». Per questo «associazioni sportive e Fcl hanno bisogno del Pse e del Centro sportivo al Maglio». Il nuovo stadio avrà una capacità di 10mila posti. «Non è vero – ha sottolineato Badaracco – che lo stadio costerà più degli altri in Svizzera». Il costo per posto a sedere (6’013 franchi) è paragonabile a quello di altri stadi già realizzati o progettati come quello di Thun (6’096), Aarau (6’031) o Losanna (6’028). Oltre alla «riqualifica totale di una zona di Lugano lasciata andare, quasi abbandonata», il nuovo centro sportivo al Maglio garantirà la continuità dei settori giovanili dell’Fc Rapid e Fc Lugano. «Un’opera indispensabile, il cui finanziamento di 37 milioni è cresciuto in giudicato, complementare al Pse», ha concluso Badaracco non prima di ricordare che grazie al Pse la Città di Lugano avrà uno spazio «super adeguato per gli eventi» visto che il palazzetto potrà ospitare fino a quattromila spettatori e la nuova area sportiva fino a 15-16mila (sfruttando anche gli spazi piani).

Uno ‘sviluppo armonioso’ per Cornaredo

Uno degli obiettivi primari del Pse è «dare uno sviluppo armonioso a un importante quartiere della Città, Cornaredo, con una maggiore fruibilità per la popolazione che attorno a questo quartiere è numerosa», ha spiegato la capodicastero Immobili Cristina Zanini Barzaghi. Oggi l’Amministrazione comunale è dislocata in 14 edifici «con difficoltà anche per la popolazione, una situazione insoddisfacente dal punto di vista logistico anche per il nostro personale». Il trasferimento di 113 collaboratori a Cornaredo permetterà di offrire ai cittadini un’Amministrazione unificata. Anche la polizia trasferirà dalla sede di via Beltramina («siamo stretti») 176 collaboratori e avrà spazio per un organico di 222 collaboratori nel 2025. Al Pse rimarrà una superficie libera di circa 14mila metri quadri. Di questi, 12mila saranno destinati al parco urbano. «Non è vero che ci sarà una cementificazione di Cornaredo – sono state le parole della capodicastero Sicurezza e spazi urbani Karin Valenzano Rossi –. Offriremo alla popolazione un parco fruibile che sarà una continuazione della rinaturazione del Cassarate e dove saranno piantumate 278 piante ad alto fusto». Oltre al potenziamento dei mezzi pubblici, «una rete di percorsi per la mobilità lenta permetterà di spostarsi in tutta sicurezza – ha spiegato il capodicastero Sviluppo territoriale Filippo Lombardi –. Siamo in attesa dell’approvazione, da parte del CdS, della variante di Piano regolatore per l’introduzione della residenza. Non abbiamo segnali in merito alla sua messa in discussione, per cui dopo il 2025 potremo partire con i contenuti residenziali». Il Polo sportivo «offrirà anche nuovi spazi per imprese sociali e associazioni che operano sul territorio», ha ricordato Lorenzo Quadri, responsabile del Dicastero formazione, sostegno e socialità. Al Pse ci sarà spazio pure per l’informatica. Come spiegato dal capodicastero Tiziano Galeazzi, «lo spostamento dell’Amministrazione avrà ricadute positive in termini economici e di servizio».

Lunedì una serata informativa

In vista della votazione comunale, il Municipio ha organizzato una serata informativa per la popolazione. L’appuntamento è per lunedì 25 ottobre, con inizio alle 18.30, a Palazzo dei congressi. Seguirà un momento conviviale di scambio.

Leggi anche:

Pse, Foletti: ‘L’orgoglio dei luganesi deve venire fuori’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved