ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
3 ore

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
5 ore

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
5 ore

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
6 ore

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
9 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
11 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
14 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
18 ore

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
18 ore

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
18 ore

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
1 gior

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
1 gior

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
1 gior

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
1 gior

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
19.10.2021 - 19:31
Aggiornamento: 20:41

Ha truffato il principe di Genova, condannato a 24 mesi

La sentenza è stata emessa dalla Corte delle Assise criminali di Lugano nei confronti di un 66enne che gli ha sottratto 817mila franchi

ha-truffato-il-principe-di-genova-condannato-a-24-mesi
archivio Ti-Press
La pena è stata sospesa per un periodo di prova di due anni

L’ultimo principe di Genova, una marchesa (nel frattempo deceduta) e l’imputato, da anni loro uomo di fiducia. Sono i protagonisti della truffa ricostruita oggi davanti alla Corte delle Assise criminali di Lugano presiedute dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti. L’uomo, un 66enne del Luganese, è stato riconosciuto colpevole di truffa, appropriazione indebita e falsità in documenti e condannato a 24 mesi di detenzione sospesi per un periodo di prova di 2 anni e al risarcimento delle parti civili. Dopo essersi battuto per un proscioglimento totale, l’avvocato Filippo Ferrari ha già annunciato che si rivolgerà alla Corte di appello e revisione penale. La procuratrice pubblica Chiara Borelli ha presentato una richiesta di pena di 28 mesi, di cui 8 da espiare ritenuti già esauriti tra carcere preventivo e misure restrittive applicate dopo la scarcerazione. L’imputato ha presentato un certificato medico chiedendo di essere esentato dalla presenza.

I fatti

I fatti esaminati davanti alla Corte riguardano una truffa commessa a Lugano e Zurigo dal luglio 2007 al gennaio 2008. Sfruttando il suo ruolo di consulente svolto da decenni per i beni che il principe deteneva in Svizzera, l’imputato gli ha prospettato un investimento in un non meglio precisato fondo. La bontà dell’operazione è stata garantita con un primo trasferimento di capitale, successivamente rientrato, facendo così diventare l’operazione neutra. Vi è poi stato un secondo trasferimento di 500mila euro, somma transitata da una società di Panama di cui l’imputato era il solo avente diritto economico. Dopo altri passaggi e transazioni, la somma è stata parzialmente utilizzata a favore di suoi clienti o amici quale parziale restituzione delle perdite a loro occorse a seguito di un altro investimento, in Germania, risultato fallimentare. Il danno causato al principe è stato di 817’750 franchi. «Non ci sono dubbi sul fatto che ci sia stato un inganno astuto – sono state le parole della giudice –. È stato lo stesso imputato ad ammettere più volte che si è trattato di un investimento e che né il principe né l’allora presidente del Consiglio d’amministrazione della società sapessero». Sempre ai danni del principe, l’imputato ha commesso appropriazione indebita per la vendita della società, il prezzo era stato fissato in 1’550’000 franchi, appropriandosi di 400 azioni al portatore. In questo caso «la Corte ha riconosciuto il risarcimento solo nel principio – ha aggiunto Verda Chiocchetti –. Toccherà al foro civile quantificare l’entità». L’imputato ha inoltre venduto 4 lingotti d’oro che gli erano stati affidati dalla marchesa, tenendosi il provento di 147mila franchi. La Corte lo ha però prosciolto in merito ad alcune relazioni bancarie che avrebbero portato nelle sue tasche oltre 65mila euro. «Quella del 66enne è una colpa tendenzialmente grave – ha concluso la giudice – considerata la cospicua entità del maltolto e il tradimento alle sue vittime».

Chi è il principe?

L’avvocato Luca Marcellini, patrocinatore dell’ultimo principe di Genova, ha presentato un ritratto di quest’ultimo: «Un benestante un po’ eccentrico». Le proprietà in Svizzera del nobile sono legate al nonno. «Sono state comprate - ha ricordato Marcellini - nel 1937 quando, a fronte del peggioramento della situazione in Italia e di un irrigidimento del sistema nazi-fascista, ha voluto crearsi una sicurezza in Svizzera, dove ha messo al sicuro gioielli e oggetti storici di famiglia». Per avere un erede, il principe ha deciso di adottare un cugino che ha voluto assumere informazioni complete sulla situazione. La marchesa, come ha spiegato l’avvocato Clarissa Indemini, legale degli attuali possessori del patrimonio leso appartenuto alla vedova, «rispecchiava i requisiti: era sola, vedova e senza figli e si fidava dell’imputato visto che già la sua famiglia lavorava con il padre».

‘Ha tradito la fiducia di due clienti speciali’

La procuratrice pubblica Chiara Borelli non ha esitato a definire il 66enne come un «cantastorie» che ha raccontato «storie farfugliate» che lo hanno portato a «tradire la fiducia di queste persone che definiva clienti speciali». A essere mosse sono state «somme importanti, per impedire di scoperchiare un buco tappa buco, cercare di mantenere immacolata questa figura di nobile fiduciario genovese e di comportarsi come un principe che conosce i principi, mantenendo cosi la sua aurea in Italia». Di parere diverso l’avvocato Ferrari che ha esordito dicendo che il suo cliente «mi ha ripetuto in più occasioni che non ha voluto danneggiare nessuno, men che meno chi gli ha sempre dato fiducia: non ha commesso questi reati, è stato disordinato». Al momento dei fatti «senza nessuna competenza, si è accorto che c’era molta gente che aveva l’esigenza di nascondere i propri danari perché le banche stavano per dire basta alle cassette cifrate, si è inserito in questo ambito e ha cercato di sopravvivere».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved