Ambrì
2
Langnau
6
2. tempo
(2-1 : 0-5)
Lakers
5
Zurigo
3
3. tempo
(2-1 : 3-1 : 0-1)
La Chaux de Fonds
6
Ticino Rockets
0
2. tempo
(1-0 : 5-0)
Kloten
5
GCK Lions
2
3. tempo
(2-0 : 2-1 : 1-1)
Visp
2
Zugo Academy
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
Olten
5
Winterthur
0
3. tempo
(0-0 : 2-0 : 3-0)
Turgovia
0
Sierre
1
2. tempo
(0-1 : 0-0)
autosilo-di-carabbia-monta-il-malcontento-dei-residenti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

L‘Imam di Lugano è ’completamente riabilitato’

Paolo Bernasconi, legale di Radouan Jelassi, esprime soddisfazione per la sentenza del Tribunale amministrativo federale
Ticino
3 ore

Disagio giovanile, il Sisa (ri)sollecita lo Stato

Alves: occorre contrastare con misure urgenti e concrete il malessere psichico nella popolazione studentesca. Campagna del sindacato nelle scuole
Locarnese
4 ore

Locarno, ‘mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale’

Non è un episodio isolato, i pestaggi in Piazza Castello sono filmati e messi sui social da una banda. Accertamenti in corso e misure incisive da adottare
Luganese
4 ore

Lugano, condannato il complice del furto al Mary

Inflitti tre anni di reclusione, di cui sei mesi da espiare, a un 52enne italiano riconosciuto colpevole di truffa, furto e falsità in documenti
Bellinzonese
4 ore

220 milioni in più per le Officine Ffs a Castione

L‘investimento previsto cresce in maniera cospicua. Gli impieghi a tempo pieno passano da 300 a 360. ’Più lavoro grazie alle componenti tecniche’
Ticino
4 ore

Domani i primi fiocchi, ‘automobilisti siate prudenti’

Attese nevicate in pianura, la fase più intensa si verificherà nelle ore centrali della giornata
Bellinzonese
7 ore

Carì, gli impianti si confermano nelle cifre nere

La scorsa stagione invernale ha fatto segnare il record di primi passaggi, un risultato possibile probabilmente grazie all’annullamento dei carnevali
Ticino
8 ore

Mascherine, il Cantone sostiene l’obbligo nei luoghi affollati

Il Consiglio di Stato invita i Comuni a introdurre ‘una misura di prevenzione molto efficace in occasione degli eventi natalizi’
Bellinzonese
8 ore

Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti

La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Bellinzonese
9 ore

Assemblea impianti Campo Blenio

Si terrà sabato 11 dicembre alle 18, al termine dei lavori è prevista una cena
Locarnese
9 ore

Il ragazzo pestato è tornato a casa

La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Bellinzonese
9 ore

Dopo un anno di pausa torna Gospel & Spirituals

Per la 31esima edizione sono previsti sei concerti con artisti di varia provenienza
Bellinzonese
9 ore

La Lingera (per ora) ha deciso di non decidere

L’edizione 2022 del carnevale di Roveredo è in sospeso, il comitato riunitosi ieri deciderà entro la metà di gennaio
Ticino
11 ore

Coronavirus, 188 casi in più e 11 pazienti in terapia intensiva

Nelle case per anziani gli ospiti attualmente positivi sono 5
Bellinzonese
16 ore

Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo

Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Ticino
16 ore

Babbo Natale è alle prese con qualche grattacapo

A causa di colli di bottiglia nella distribuzione globale, alcuni regali sono difficili da reperire. Ma i commercianti rassicurano: l’offerta resta ricca
Luganese
 
20.10.2021 - 05:300
Aggiornamento : 15:20

Autosilo di Carabbia, monta il malcontento dei residenti

Dopo il voto del legislativo, la soluzione della Città non piace ai promotori della petizione, né alla Commissione di quartiere né ai mozionanti

Non ci siamo. Aumentano a Carabbia i malumori relativi all’autosilo, per colmare la cronica carenza di posteggi, e alla mancanza di una piazza pubblica in paese. La soluzione proposta in un recente incontro non piace a nessuno nel quartiere. Questo, in estrema sintesi, è l’esito di una recente riunione fra il titolare del Dicastero dello sviluppo territoriale Filippo Lombardi, i promotori della petizione, la Commissione di quartiere e i mozionanti. Una riunione nella quale si è tentato di trovare una via d’uscita alla votazione del Consiglio comunale di Lugano che lo scorso marzo ha deciso di dar seguito alla mozione presentata dalla Lega chiedendo al Municipio di rivalutare la decisione presa in base al concorso pubblico e di seguire i passi necessari per realizzare un autosilo coperto con uno spazio aggregativo che permetta manifestazioni di interesse pubblico in sicurezza. Interpellato da laRegione, Filippo Lombardi, intervenuto come supplente all’incontro chiesto dalla Commissione, si limita a ricordare che «siamo già al secondo concorso pubblico, se si vorrà mettere nel cestino anche questo, pagheremo gli indennizzi ai progettisti vincitori e ne faremo un terzo, così forse tra dieci anni arriveremo a una soluzione. La competenza del dossier sarebbe della collega Zanini Barzaghi, ma siccome lei è confinante, come supplente, ha partecipato alla riunione, con i suoi funzionari. Ora faremo le nostre valutazioni e riflessioni e quando s’insedierà la nuova Commissione di quartiere, la incontreremo».

In fondo al paese non va bene

L’incontro si è svolto un mese fa con un intento conciliatorio, per evitare di rifare tutta la procedura e ricominciare daccapo, ma come detto, non ha avuto il risultato sperato dai residenti che volevano sapere cosa avrebbe fatto l’esecutivo, spiega la presidente della Commissione di quartiere Antonella Ambrosini-Calvaresi: «Il signor Lombardi è stato molto attento e corretto nella raccolta delle nostre osservazioni. Però, la risposta ottenuta non ci ha soddisfatto molto, perché il Municipio si è reso disponibile a rivedere la creazione dell’autosilo senza specificare dove». I cittadini di Carabbia, lo ricordiamo, avevano raccolto ben 241 firme (unicamente di persone residenti di nazionalità svizzera e dunque aventi il diritto di voto), per chiedere una revisione del concorso d’architettura vincitore denominato “Riqualifica area pubblica e sistemazione posteggi a Carabbia”. Una sistemazione richiesta da anni dai cittadini, come ricorda Alfonso Foglia, primo firmatario della petizione consegnata alla Cancelleria di Palazzo civico e vicesindaco di Carabbia nella legislatura che condusse all’aggregazione con la Città: «La nuova casa comunale, una piazza centrale funzionale a disposizione della cittadinanza per manifestazioni come luogo di aggregazione, perché piazza Balmelli è troppo piccola, e la creazione di posteggi era una priorità già allora. Tanto che avevamo pianificato la sistemazione dell’unica piazza principale del paese progettando un autosilo che potesse ampliare l’attuale piazza Balmelli e che eliminasse per sempre il problema parcheggi».

Era una condizione per l’aggregazione

La presidente della commissione, nella legislatura 2004-2008, era consigliera comunale a Carabbia e ricorda che, negli accordi per l’aggregazione, «una delle condizioni era proprio la creazione di un autosilo. Prima dell’aggregazione avevamo già progettato l’opera senza però mettere il vincolo. Abbiamo sbagliato: avremmo dovuto votare il credito e poi firmare». A inizio 2007, nelle schede modulari relative all’aggregazione fra Lugano e Carabbia, divenuta effettiva dall’aprile del 2008, si parla espressamente di poco più di 8 milioni di franchi di investimenti, da diluire in tre legislature, di cui 4 milioni solo per il Centro comunale. Ora le tre legislature sono passate ma l’autosilo non c’è ancora. Peggio ancora: la struttura è prevista, con posti auto a cielo aperto, dove ora c’è il campo giochi, unico luogo di socialità visto che nel nucleo di Carabbia c’è poco spazio. Oggi, la piazza in fondo al paese, dove sono posizionati anche i contenitori per i rifiuti, è principalmente utilizzata per la sosta degli autoveicoli. «Noi lo vorremmo (l’autosilo) nel terreno che abbiamo appositamente acquistato, dopo aver atteso anni per poterlo avere e abbiamo perso tempo anche per questa ragione – sottolinea Ambrosini Calvaresi –. Quando la Città ha allestito il bando di concorso non ha tenuto conto di queste prerogative e aspettative della cittadinanza. Il nostro dispiacere sta tutto qui. Siamo noi che abitiamo a Carabbia, era meglio prestare attenzione a questi aspetti. Ci manca pure un luogo di aggregazione per le feste di paese».

Minotti: ‘Si rispetti la volontà popolare’

«La soluzione proposta non va bene né alla Commissione di quartiere né alle persone che hanno sottoscritto la petizione – afferma la consigliera comunale leghista Lucia Minotti –. Capisco che sarebbe la soluzione meno costosa e più velocemente realizzabile ma non possiamo essere d’accordo, bisogna rispettare le volontà di più della metà del paese. Durante l’incontro è emerso il potenziale conflitto con i beni culturali, incredibile che dopo vent’anni emerga ora questo problema». Una recente interrogazione interpartitica (primo firmatario il consigliere comunale Plr Paolo Toscanelli) chiede al Municipio se non sia il caso di procedere con un nuovo concorso che tenga in considerazione le reali esigenze del quartiere e se al contrario si ritengono più importanti i costi che deriveranno dall’annullamento del progetto vincitore o la volontà popolare (e politica) di avere una struttura che rispecchi le esigenze del quartiere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved