doppia-condanna-per-amministrazione-infedele
Archivio Ti-Press
Doppia sentenza di condanna
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
56 min

Il Serfontana si toglie le rughe: si progetta un maxilifting

Costruito nel 1974, il centro commerciale a Morbio Inferiore sarà oggetto di una ristrutturazione globale da oltre 55 milioni
Ticino
56 min

Il Plr: ‘Energia, sfruttare meglio la centrale della Verzasca’

Idroelettrico, con una mozione Terraneo chiede di aggiornare lo studio sulla costruzione di una stazione di pompaggio e turbinaggio: ‘Soluzione pratica’
Locarnese
56 min

Annegamenti nel Lago Maggiore: soccorsi e prevenzione

Nel giro di pochi giorni nel Verbano sono morte due persone. Considerazioni degli esperti di salvataggio e sicurezza
Luganese
11 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
12 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
12 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
12 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
13 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
13 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
18.10.2021 - 17:35

Doppia condanna per amministrazione infedele

I casi giudicati dalle Assise di Lugano. Per la Corte un imputato non si è pienamente assunto le sue responsabilità. L’altro si è autodenunciato

Ha utilizzato i valori patrimoniali di due sue società per altri scopi, in particolare per spese personali o per coprire debiti pregressi o quelli di altre società, causando un’amministrazione infedele di 1’775’903 franchi. Il responsabile, un 54enne cittadino italiano ora residente nel Bellinzonese, è comparso stamattina davanti alla Corte delle Assise criminali di Lugano. Con procedura di rito abbreviato, il giudice Mauro Ermani lo ha condannato a 36 mesi di detenzione, di cui 6 da espiare (e 30 sospesi per un periodo di prova di due anni) e al pagamento di una multa di 100 franchi. Per la Corte non c’è però stata una completa assunzione di responsabilità da parte dell’imputato. «Senza entrare nel merito dei fatti, sostanzialmente ammessi pur con qualche distinguo – ha spiegato Ermani –, il principio dell’assunzione di responsabilità è molto importante: prima si pensa ai debiti e poi ai beni non necessari». In questo ambito la Corte «non è rimasta impressionata» nel sapere che il figlio dell’uomo frequenta una scuola privata e che la moglie non lavora. La proposta di pena presentata dal procuratore pubblico Daniele Galliano e dall’avvocato Letizia Ghilardi è stata approvata «non senza qualche dubbio» dato che «gli importi sono importanti e l’assunzione di responsabilità nei fatti non è parsa così totale come mi sarei aspettato dopo più di un anno dall’atto d’accusa». Il 54enne è arrivato in Svizzera nel 2011. Gli atti riassunti nell’atto d’accusa – dove compare anche l’esercizio abusivo della professione di fiduciario, «non sapevo servisse l’autorizzazione, è stato un mio errore non informarmi» – sono iniziati nel 2014. «È il momento di assumersi le responsabilità di fronte alla società che l’ha accolta, le ha permesso di svolgere l’attività e che lei ha tradito», ha concluso il giudice.

‘Mi sono autodenunciato’

Si è invece autodenunciato «perché non riuscivo più a gestire la situazione e non stavo bene con me stesso» il 57enne chiamato a rispondere di amministrazione infedele aggravata ripetuta per aver danneggiato, tra il febbraio 2016 e l’ottobre 2018, il patrimonio della sua ditta per almeno 206’392 franchi. Il giudice Mauro Ermani, presidente della Corte delle Assise correzionali di Lugano, ha accolto l’accordo trovato da accusa e difesa e, con formula di rito abbreviato, ha condannato l’uomo a 10 mesi di detenzione sospesi per un periodo di prova di 2 anni e a una pena pecuniaria di 30 aliquote giornaliere pure sospesa. «La Corte si è chiesa se la proposta di pena non fosse un po’ generosa – ha ammesso Ermani –. Va comunque premiato chi si assume le sue responsabilità e gioca di trasparenza. Non siamo abituati a questo». Dopo aver esaurito la disoccupazione, se non troverà un lavoro per l’imputato potrebbe aprirsi la porta dell’assistenza. «Non sono felice di diventare un caso sociale», ha ammesso in aula. L’uomo ha anche ammesso di «avere a tutt’oggi paura dell’azionista».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
amministrazione infedele corte mauro ermani
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved