eroina-sul-treno-a-lamone-condanne-fino-a-6-anni
archivio Ti-Press
Sul treno diretto a Milano è intervenuta anche l’unità cinofila
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
13 min

Luci e Ombre, altri eventi e la copertura del ‘buco’ pandemico

L’Ente iniziative del Locarnese, in assemblea al Fevi, ha annunciato gli estremi della grande festa che torna dopo 2 anni, dal 7 al 9 luglio
Bellinzonese
21 min

A Giubiasco sarà costruita una centrale a biogas

L’impianto promosso da Amb e Ses permetterà di smaltire i rifiuti verdi e organici urbani producendo allo stesso tempo pregiata energia
Bellinzonese
44 min

Ritom, la funicolare riprende l’attività dopo la pausa invernale

Da sabato 21 maggio sarà di nuovo possibile raggiungere il comprensorio e i suoi innumerevoli laghetti alpini
Mendrisiotto
52 min

Mendrisio: Ata in assemblea, con dibattito su PoLuMe e Tir

L’evento è previsto domani sera alla Filanda e avrà come ospiti Maurizio Agustoni (Ppd) e Ivo Durisch (Ps). Modera Daniela Carugati.
Luganese
1 ora

Record per la Comano Run con oltre 500 partecipanti

La manifestazione podistica si è tenuta ieri e ha visto il trionfo di Ivan Boggini per gli uomini e Sara Solari per le donne
Ticino
1 ora

Coronavirus, 173 casi e un decesso da venerdì

Rispetto a lunedì della settimana scorsa si registra un calo dei test positivi e delle ospedalizzazioni
Bellinzonese
1 ora

Spettacolo dei liceali di Bellinzona al Teatro Sociale

Venerdì 20 e sabato 21 maggio alle 20.30 andrà in scena ‘Rinoceronte’ del drammaturgo Eugène Ionesco
Locarnese
2 ore

Il traguardo della Pro Monti: l’assemblea numero 100

Giovedì sul Piazzale delle Scuole un appuntamento di portata storica per l’associazione di quartiere di Locarno
Grigioni
2 ore

San Vittore, trovati 5 kg di marijuana su un autobus

La polizia cantonale grigionese ha scoperto la sostanza stupefacente durante una verifica al centro controllo veicoli pesanti grazie a un cane antidroga
Luganese
2 ore

Accoltellamento a Lugano, arrestato un 32enne

L’uomo è stato fermato a Paradiso. Tra le ipotesi di reato quella di lesioni gravi tentate.
Mendrisiotto
7 ore

Parroco rimosso, tra ‘bicchieri di troppo’ e palpeggiamenti

Emergono nuovi dettagli sul fermo di sabato al sacerdote del Mendrisiotto. Quello della discoteca non l’unico caso sopra le righe
Locarnese
8 ore

Finisce in rissa la festa dei liceali al Bagno pubblico

Sabato sera amaro in via Respini a Locarno, a causa di poche teste calde che hanno scatenato la violenza. Un ragazzo ferito al volto
18.10.2021 - 16:45
Aggiornamento : 18:13

Eroina sul treno a Lamone, condanne fino a 6 anni

La Corte delle Assise criminali di Lugano ha condannato i ‘muli’ intercettati il 15 aprile con tre chili di droga nascosti nello zaino

Un viaggio organizzato che i due imputati stavano effettuando insieme, anche se all’apparenza separati, per trasportare tre chili di eroina. «Un quantitativo ingente e non bagatella», come lo ha definito il giudice Siro Quadri, presidente della Corte delle Assise criminali di Lugano che oggi ha condannato i due imputati a processo da mercoledì scorso per infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti. Quelle emesse nei confronti dei due trasportatori, partiti dalla Germania e controllati dalle Guardie di confine e dall’unità cinofila su un treno diretto a Milano in territorio di Lamone, sono appunto due sentenze di condanna. L’uomo, un 29enne gambiano residente in Germania, è stato condannato a 6 anni di detenzione. La donna, una 21enne ceca residente in Germania, è invece stata condannata a 5 anni e 2 mesi di carcere. Entrambi sono stati espulsi dalla Svizzera per 10 anni, mentre solo la posizione dell’uomo, «che non ha nessuna relazione con l’Europa», sarà segnalata al sistema Schengen. Il procuratore pubblico Zaccaria Akbas aveva proposto condanne a 7 anni per lui e 7 anni e mezzo per lei. Gli avvocati difensori Luca Loser e Marina Gottardi si sono invece battuti per delle forti riduzioni delle condanne.

Modalità e ruoli definiti

A far scattare il controllo, il 15 aprile di quest’anno, è stato uno zainetto avvistato dalle Guardie. I controlli hanno permesso di identificare due ragazze – l’imputata e la sorella minorenne – e un uomo seduto in un altro scompartimento. I tre, ha ricordato Quadri leggendo la sentenza, hanno inizialmente negato di conoscersi. La polizia è risalita a loro grazie ai dati informatici a sua disposizione visto che il terzetto era stato intercettato nel mese di marzo su un altro treno in un’altra zona della Svizzera. «All’inizio c’è stata reticenza – ha aggiunto il giudice –. Con l’avanzare dell’inchiesta e l’emergere di elementi nuovi, negare l’evidenza è diventato sempre più difficile». La Corte si è chinata «sulle modalità di trasporto che hanno aggravato la situazione: c’erano comportamenti e ruoli che hanno caratterizzato la perpetrazione del reato. Come la presenza della sorellina minorenne, che ha trascorso 8 giorni in carcere in Ticino, per rendere più innocua l’apparenza in caso di controlli». Sapere chi era il capo «per la Corte non è un dettaglio fondamentale perché siete stati giudicati sul trasporto e non su chi ha preso decisioni». I due imputati erano già stati intercettati il 6 marzo, senza sostanze stupefacenti ma con 7’140 franchi in contanti. «Il procuratore pubblico ha effettuato delle ipotesi – ha ricordato Quadri –. La prima è che anche in questo caso ci sia stato un trasporto; la seconda è legata solo al denaro e quindi che il reato sia quello di riciclaggio». La Corte è arrivata alla conclusione che «quel giorno deve per forza essere stato fatto anche un trasporto, la cui quantificazione è indeterminata anche se la somma lascia pensare a un quantitativo non irrilevante: l’unica differenza con il 15 aprile, il giorno del fermo, è il luogo, mentre tutte le altre modalità sono identiche e sulle scarpe di entrambi sono state trovate tracce di cocaina». La donna è per contro stata prosciolta dall’accusa di aver effettuato altri due viaggi. «Il suo ruolo nell’organizzazione è comunque stato determinante – ha concluso Quadri rivolgendosi alla 21enne –. La Corte ha preso atto della sua depressione, ma nel contempo anche del fatto che il quantitativo di eroina era destinato a fare del male a una quantità immensa di persone».

Leggi anche:

Eroina sul treno, due ‘muli’ rischiano pesanti condanne

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assise criminali condanne eroina lamone siro quadri trasporto
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved