ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
23 min

Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’

Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
36 min

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza
Luganese
1 ora

Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1

Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
1 ora

Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi

La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
2 ore

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Luganese
2 ore

Lugano, assegnate le tre residenze musicali allo Studio Foce

Ai vincitori, tutti della Svizzera italiana, viene dato per cinque giorni un supporto per preparare un tour di almeno cinque date
Bellinzonese
2 ore

Altro appuntamento a Bellinzona con ‘Una volpe in Città’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 a Castel Grande Andrea Fazioli svelerà il secondo capitolo del racconto. Venerdì 2 dicembre aprirà la pista di ghiaccio
Bellinzonese
2 ore

L’inverno porta 13 nuovi percorsi per gli amanti delle ciaspole

L’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese a Alto Ticino lancia la stagione fredda, ancora una volta segnata dall’attenzione per le passeggiate
04.11.2021 - 14:16
Aggiornamento: 15:17

‘L’auto elettrica? Non è la panacea di tutti i mali’

Negli ultimi anni la rete di colonnine per la ricarica dei veicoli è stata potenziata. L’interesse per il tema continua a crescere

l-auto-elettrica-non-e-la-panacea-di-tutti-i-mali
Ti-Press
In carica

Nel corso degli ultimi anni non sono mancate le misure messe in campo per offrire un’alternativa ecologica all’utilizzo dell’automobile privata. Oltre a un potenziamento dell’offerta per quanto riguarda il trasporto pubblico, passi avanti sono stati fatti nel campo dei mezzi a propulsione elettrica. Oltre agli incentivi per l’acquisto, si è agito per estendere la rete di colonnine per la ricarica. Solo a Lugano, nel comprensorio gestito dall’azienda municipalizzata Ail, sono 80 i punti dove è possibile collegare il proprio veicolo presenti sul suolo pubblico. «L’interesse da parte della popolazione su questo tema è aumentato in modo importante negli ultimi anni, sempre più persone hanno intenzione di acquistare un’auto elettrica o anche solo avere informazioni più precise», spiega a ‘laRegione’ Milton Barella, product manager per la mobilità delle Ail. Discorso simile anche per quanto riguarda Chiasso, dove dal 2018 sono state installate 11 colonnine sul territorio. Un’offerta che copre la maggior parte dei parcheggi pubblici della città di confine. «In queste postazioni l’utente può lasciare il proprio veicolo per alcune ore e ottenere così una ricarica parziale», spiega il direttore di Age Corrado Noseda. Le tariffe a livello cantonale, per chi non dispone di un abbonamento, variano dai 42 ai 70 centesimi al chilowatt a dipendenza della potenza erogata.

‘Anche la propulsione a gas è un’alternativa’

L’operazione più praticata resta comunque la ricarica presso il proprio domicilio, effettuata magari durante gli orari notturni quando i costi dell’elettrico sono inferiori. L’Age ogni mese riceve circa due richieste per l’installazione di colonnine di ricarica presso abitazioni private. E la tendenza è in forte aumento anche nel Luganese. «Non bisogna però pensare all’automobile elettrica come alla panacea per tutti i mali. Bisogna infatti tenere conto della tematica dello smaltimento delle batterie e della provenienza dell’elettricità. Se questa è prodotta da centrali a carbone, il discorso ecologico viene un po’ a cadere. Non è comunque il caso in Ticino dove l’elettricità utilizzata è certificata», ci ha tenuto a precisare Corrado Noseda. Una visione simile è anche quella di Milton Barella: «Non esiste solo l’alternativa elettrica. Anche la propulsone a gas è una possibilità più ecologica rispetto alla benzina, per lo meno a breve termine. In Ticino abbiamo 5 punti di rifornimento distribuiti sul territorio». Un cambiamento che devo però avvenire attraverso un’informazione corretta e completa. «Come azienda vogliamo sensibilizzare. È importante capire tutti i pro e i contro prima di acquistare un veicolo», ha concluso il direttore di Age.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved