il-tram-treno-scontenta-di-nuovo-gli-ingegneri
Ti-press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

Il Serfontana si toglie le rughe: si progetta un maxilifting

Costruito nel 1974, il centro commerciale a Morbio Inferiore sarà oggetto di una ristrutturazione globale da oltre 55 milioni
Ticino
2 ore

Il Plr: ‘Energia, sfruttare meglio la centrale della Verzasca’

Idroelettrico, con una mozione Terraneo chiede di aggiornare lo studio sulla costruzione di una stazione di pompaggio e turbinaggio: ‘Soluzione pratica’
Locarnese
2 ore

Annegamenti nel Lago Maggiore: soccorsi e prevenzione

Nel giro di pochi giorni nel Verbano sono morte due persone. Considerazioni degli esperti di salvataggio e sicurezza
Luganese
12 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
13 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
13 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
14 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
14 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
14 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
14 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
15 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
15 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
15 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
15 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
16 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
16 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Luganese
laR
 
04.10.2021 - 05:30
Aggiornamento: 10:20

Il tram-treno scontenta di nuovo gli ingegneri

Nessuna analisi dell’affidabilità dell’offerta nel bando di concorso, contestato durante l’assemblea dell’Otia

Dopo la bocciatura in tribunale del primo bando di concorso, lo scorso 17 settembre è andata nuovamente in pubblicazione la gara d’appalto per la progettazione esecutiva della ‘tappa prioritaria’ del tram-treno del Luganese. Si tratta della cosiddetta ‘asta’ centrale, che dal piano del Vedeggio raggiungerà il centro di Lugano attraverso una nuova galleria ferroviaria. Un’allettante opportunità per gli studi d’ingegneria ticinesi viste anche le somme in gioco: 350 milioni per i lavori di costruzione, per un totale di 514 milioni di franchi.

Ma anche stavolta c’è del malcontento nella categoria. Se in prima battuta erano state contestate dai ricorsi l’assenza di valutazioni qualitative dell’offerente e le modalità per le richieste di referenze di lavori analoghi svolti in precedenza che i partecipanti erano tenuti a presentare – e che non era possibile ottenere, per esempio nel caso di progetti svolti per conto delle Ffs – stavolta a suscitare discussioni è la decisione del Dipartimento del territorio di non più considerare, quale parametro della gara, l’attendibilità dell’offerta che era invece previsto nel primo bando.

Una mossa che ha già prodotto le prime discussioni, per esempio in occasione dell’assemblea annuale dell’Otia, l’ordine ticinese degli ingegneri e degli architetti (il relativo video era visibile sul sito web dell’Otia fino a un paio di giorni fa), che ha sollevato la questione definendo questa scelta dipartimentale un ulteriore peggioramento. Tra l’altro, c’è l’impressione che questa politica sia il preludio di una nuova prassi per tutti i prossimi grandi appalti pubblici, chiaramente uno dei principali campi di lavoro per gli specialisti attivi nel campo per esempio dell’ingegneria civile.

Un gioco al ribasso?

Abbiamo quindi interpellato l’autore dell’intervento, l’ingegner Stefano Campana, per capire come mai togliere il parametro dell’attendibilità dell’offerta (gli altri sono il prezzo, le referenze delle persone chiave, l’organizzazione dell’offerente e l’analisi del mandato) rappresenterebbe qualcosa di nocivo. «Si tratta di un parametro che risulta fondamentale per limitare tendenze al ribasso delle offerte, che purtroppo spesso caratterizzano il nostro settore» ci risponde l’ingegner Campana. Sarebbero, questi, fattori ben noti a tutto il settore e a tutti i committenti. «In sostanza se un concorrente offre un prezzo molto basso, con il criterio di aggiudicazione legato al prezzo ottiene una nota alta rispetto a chi è più caro, ma se la sua offerta risulta molto più bassa del valore di riferimento (solitamente determinato facendo la media tra il preventivo del committente e la media delle offerte presentate) viene penalizzato nel criterio di aggiudicazione legato all’attendibilità. Con questa metodologia solitamente non è il miglior offerente a prendere il lavoro. È molto utile perché spesso a miglior offerta economica non corrisponde per forza né una miglior prestazione né una modalità etica di gestire la propria società: dumping, subappalti, inadempienze rispetto agli oneri…». In assemblea questo tema ha ricevuto delle prime risposte, abbastanza interlocutorie, da parte del presidente Otia Marco Del Fedele e dal direttore della Cat (Camera ticinese associazioni tecniche) Loris Dellea che si sono comunque ripromessi di affrontare la questione. Campana ha comunque fatto notare che per il più grande bando degli ultimi e dei prossimi decenni è ormai troppo tardi, e che un precedente di un anno fa, relativo a un bando di concorso per la progettazione del risanamento della Strada del Lucomagno, non era stato preso abbastanza seriamente da parte delle associazioni di categoria. In quell’occasione, erano anche stati pubblicati due bandi di gara successivi, il primo con il criterio di attendibilità e il secondo senza. Il risultato è stato che su 22 studi che hanno allestito un’offerta in entrambe le occasioni, nel caso della seconda offerta il fattore medio di riduzione delle offerte (per effettuare le medesime prestazioni) è stato di 1.6. Addirittura uno studio è passato da un’offerta di 833’000 franchi a una di 214’000. Campana ha pure evidenziato come a essere sbagliata fosse la seconda, ma purtroppo il committente potrebbe essere portato a pensare il contrario. Del tema si è riparlato, di transenna, pure all’assemblea della Società ticinese ingegneri e architetti, e sta facendo discutere nella categoria. Il timore in buona sostanza è quello di una forte riduzione degli onorari, fino a soglie ritenute insufficienti per dei professionisti estremamente qualificati.

E la linea di montagna?

Intanto il progetto di tram-treno attende gli sviluppi di un’altra controversia, quella sul tracciato, contestato da opposizioni in particolare per l’abbandono della tratta ‘di montagna’ che porta alla stazione di Lugano attraverso il ‘passo’ di Sorengo. Diventerà un ramo secco da potare una volta che Malcantone e centro di Lugano saranno collegati dal nuovo tunnel? Così non la pensano, ad esempio, l’Associazione traffico e ambiente (Ata) e i Cittadini per il territorio che minacciano di portare il caso fin davanti al Tribunale federale. Ma questa è un’altra storia.

Leggi anche:

Il Tram ferma il treno: sospeso l'appalto

Maxi-opposizione al progetto di tram-treno

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bando concorso contestato ingegneri tram-treno
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved