polo-sportivo-di-lugano-come-ti-finanzio-la-campagna
Lanciata la campagna in vista del voto del 28 novembre
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
54 min

Locarno, alla Gestione piacciono gli orti comunali

Il rapporto commissionale preavvisa favorevolmente la richiesta di credito municipale per la realizzazione di 16 appezzamenti in zona Morettina
Bellinzonese
1 ora

Torna il Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

L’Associazione MeTeOra annuncia che il prossimo appuntamento è in programma per mercoledì 2 febbraio
Luganese
1 ora

Meditazione, silenzio e riflessioni al Convento del Bigorio

Nel mese di febbraio ci saranno tre appuntamenti. Il primo è dedicato a un aspetto della figura di S. Francesco d’Assisi
Locarnese
2 ore

Il presidente della Confederazione in visita da Rabinowicz

Nel Giorno della Memoria, Ignazio Cassis ha raggiunto nel suo domicilio di Locarno il 97enne artista, reduce dai campi di sterminio nazisti
Ticino
2 ore

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo
Luganese
2 ore

Paradiso, un corso per i giovani tiratori

Lo organizza la società San Salvatore e si rivolge a ragazzi e ragazze svizzeri nati tra il 2004 e il 2007
Bellinzonese
3 ore

‘Le mille e una notte’ sul palco dell’oratorio di Bellinzona

Il 4 febbraio saranno di scena nell’ambito della rassegna Minimusica gli attori di Storie di Scintille
Grigioni
3 ore

I fondisti (giovani e adulti) si sfidano a San Bernardino

Domenica mattina gara sul circuito di Fornas. La pista sarà poi nuovamente aperta al pubblico da mezzogiorno
Ticino
3 ore

In Ticino contagi in calo, pazienti Covid stabili e zero decessi

Restano 166 le persone positive al Covid in ospedale, una più nei reparti di cure intense dove sono 15 le persone con complicazioni più gravi da Covid
29.09.2021 - 18:550
Aggiornamento : 19:14

Polo sportivo di Lugano, come ti finanzio la campagna

Verso il 28 novembre: spunta un secondo sondaggio ‘per conto dei responsabili del progetto’ mentre i referendisti smentiscono sostegni milionari occulti

La campagna, in vista del voto del 28 novembre, è lanciata, ma «l’Mps ha preventivato una spesa che si aggirerà fra gli 8’000 e i 9’000 franchi», ci spiega Matteo Poretti, membro del comitato referendario. Non c’è invece nessun contributo finanziario a cinque o sei cifre da parte di fantomatici sostenitori. Si mette a ridere, Poretti quando gli prospettiamo di commentare la voce, che circola con insistenza nelle ultime settimane, secondo la quale dietro i referendisti ci sarebbe chi è pronto a sborsare almeno un milione di franchi. «La nostra campagna verrà autofinanziata e la concretizzeremo come facciamo sempre, ossia con volantinaggio militante, bancarelle e probabilmente attraverso un’informazione che manderemo a tutti i fuochi di Lugano e sui media. Abbiamo anche inviato email ai nostri simpatizzanti chiedendo di sostenerci», aggiunge Poretti. C’è chi è convinto che l’Mps si incontri regolarmente con il consigliere comunale Plr Fulvio Pelli per definire la strategia... «Confermo che alcuni contatti ci sono stati con il comitato referendario, visto che c’è un interesse comune, ma nulla di più». Poretti fa notare che, nel frattempo, l’azienda specializzata intervista.ch ha lanciato un secondo sondaggio, dopo quello contestato del maggio scorso, “condotto sempre per conto dei responsabili di progetto” (il Municipio di Lugano aveva smentito il suo coinvolgimento), che mette in palio tre buoni da cento franchi.

La Città non stanzia soldi

Mentre la fazione dei referendisti viene accusata – più o meno apertamente – di essere in combutta con certi ambienti immobiliaristi cittadini – preoccupati dal possibile deprezzamento degli stabili in centro città, in seguito alla nascita di un altro polo a nord – ci si può chiedere chi sostiene la campagna per il ‘sì’, dal momento che cartellonistica e aperitivi hanno un costo. Non la Città, eventuali dubbi in questo senso sono stati spazzati via dai diretti interessati. «Anzitutto ci autotassiamo: siamo circa 400 – spiega il presidente del comitato di sostegno Eugenio Jelmini –. A tempo debito presenteremo i conti in modo trasparente. Abbiamo contributi da persone e società direttamente interessate dal progetto, a partire dai promotori, ma anche commercianti ed esercenti». Di cifre, per ora, non ce ne sono, non resta che aspettare i ragguagli. Nessun sostegno finanziario da parte del Municipio di Lugano all’associazione ‘Io sostengo il Polo’. A scanso di equivoci, la conferma giunge dal titolare del Dicastero Cultura, sport ed eventi Roberto Badaracco: «Non vogliamo né possiamo stanziare soldi a favore o contro quando c’è in ballo una votazione popolare. Oltre che vietato è una questione di immagine, di opportunità e di rispetto della separazione dei poteri. Come Municipio ci limiteremo a organizzare una conferenza stampa, verso la seconda metà di ottobre, e una serata informatica aperta al pubblico, mentre, a titolo personale, ci esporremo e parteciperemo a incontri pubblici».

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved