mario-borradori-marco-si-era-vaccinato-oltre-2-mesi-prima
Mario Borradori davanti a Palazzo civico adornato di omaggi per il fratello
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
12 min

Monte Verità, presentazione libraria

Martedì alle 18.30 sarà illustrato il romanzo storico di Mattia Bertoldi ‘Il coraggio di Lilly’
Mendrisiotto
25 min

Il Plr di Mendrisio si riunisce in assemblea

Tempo di bilanci per la Sezione locale. In programma le relazioni del sindaco e dei municipali
Mendrisiotto
35 min

Il racconto della mafia negli occhi delle donne

A Vacallo va in scena uno spettacolo di teatro-canzone nel trentesimo delle stragi di Capaci e via D’Amelio a Palermo
Luganese
17 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
18 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
23 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
1 gior

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
1 gior

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
1 gior

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
1 gior

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
laR
 
09.09.2021 - 17:45
Aggiornamento : 21:14

Mario Borradori: 'Marco si era vaccinato oltre 2 mesi prima'

Il fratello del sindaco silenzia le speculazioni dei No vax che insinuano legami tra il vaccino e la morte del sindaco. L'autopsia completa non è ancora arrivata

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Lui la seconda dose l'aveva fatta oltre due mesi prima dell'accaduto. Ne sono certo perché me lo aveva detto. Assolutamente non c'è nessuna correlazione tra il suo decesso e il vaccino. Sono parole improprie chi le sostiene». Così dichiara da noi raggiunto nel suo studio di avvocatura, Mario Borradori, fratello del sindaco di Lugano, silenziando le speculazioni dei No vax che insinuano legami tra il vaccino e la morte del sindaco. Fra questi, il dottor Werner Nussbaumer - come pone in rilievo oggi in un articolo il portale web di Tio, riprendendo le affermazioni del medico martedì sera alla trasmissione di Teleticino, Matrioska: "Probabilmente, c'ho delle prove quasi certe che Borradori si era vaccinato pochi giorni prima». A microfoni spenti, poche ore dopo la morte di Borradori, avvenuta l'11 agosto, all'indomani di un arresto cardiaco durante una corsa alla Tenuta Bally di Vezia, lo stesso vice-sindaco e candidato a ereditare la funzione del collega di partito, Michele Foletti, aveva buttato là una frase che oggi suona profetica: «Vedrete che i No vax diranno che Marco è morto a causa della vaccinazione». 

Gli ultimi mille metri 

Intanto, lo stesso articolo pubblicato da Tio rivela come dall'autopsia sarebbero emerse - citiamo - "tracce di piccoli infarti precedenti sul cuore del sindaco". «Che io sappia no. Non mi risulta» - risponde l'avvocato Mario Borradori. «Io d'altro canto non ho il referto e nemmeno uno parziale, anche se è già trascorso un mese dal decesso. Io ho richiesto di conoscere il rapporto, anche se non sono erede ma familiare stretto. Penso che arriverà. Poi magari ci sono già gli atti della perizia e qualcuno li ha visti. Questo è verosimile». Secondo le stesse indiscrezioni giornalistiche, la corsa di Marco Borradori alla tenuta Bally di Vezia sarebbe durata due minuti e mezzo, un tempo che appare insufficiente a sostanziare l'affaticamento. «So che la polizia ha esaminato l'orologio Garmin che Marco aveva al polso, ma io non conosco ancora il risultato. So che al momento del ritrovamento l'orologio era scarico e che dovevano procedere a una ricostruzione. Girava anche la voce che mio fratello avesse corso per 10 chilometri. Difficile dirlo al momento». Dalle ricostruzioni appare invece che Borradori non abbia potuto correre che un chilometro scarso, ossia la distanza che sepera il posteggio delle auto al punto in cui il suo corpo è stato rinvenuto a terra e dove è stata posta una foto in sua memoria. Lei, avvocato Borradori, quando ha visto suo fratello per l'ultima volta? Risponde il nostro interlocutore, con animo pacato e gentile: «L'avevo visto un mese prima, era un po' che non lo incontravo. L'ultima volta è stato per un caffè in un bar della piazza, dopo pranzo.  Quando è successo io ero assente, ero in vacanza a Riccione. Io e Marco - prosegue il fratello minore, che con il sindaco ha condiviso gli studi in giurisprudenza a Zurigo - eravamo in ottimi rapporti, anche se poi ognuno aveva la propria vita. Abbiamo condiviso la politica nella Lega, quando ero in Consiglio comunale a Lugano, dove sono rimasto per dodici anni. Poi sono uscito». Intanto, da noi interpellato, il Ministero pubblico fa sapere che «l'autopsia completa non è ancora arrivata», ricordando come il referto sia stato ordinato come da prassi, dal momento che l'arresto cardiaco è avvenuto senza la presenza di testimoni. Come noto, il sindaco di Lugano si stava allenando per partecipare alla maratona di New York il prossimo 7 novembre. 

'Andiamo a New York. Ci inventeremo qualcosa per Borradori'

Proprio su quel sogno che Borradori cullava di correre alla manifestazione statunitense, Fabio Schnellmann, tra i partecipanti alla spedizione che avrebbe dovuto riunire quattro amici, sindaco incluso, dichiara: «Proprio la settimana scorsa abbiamo disdetto l'iscrizione di Marco, dopo aver chiesto ad altri se avessero voluto prendere il suo posto, ma non abbiamo trovato nessuno di disponibile. Noi comunque abbiamo deciso di partecipare. Qualcosa per ricordare il sindaco ce lo inventeremo». Vi allenavate insieme in vista della maratona di New York? «Proprio la sera prima dell'incidente, Marco mi aveva chiesto se l'indomani mattina venivo anch'io a correre alla Tenuta Bally, ma gli ho risposto di no, perché io mi allenavo quella sera stessa. Ogni tanto mi viene il rimorso e penso, magari se ci fossi stato... Anche se con il senno di poi non vai da nessuna parte». «A New York - prosegue il deputato Plr in Gran Consiglio - avremmo già dovuto andarci l'anno scorso, sarebbe stato il 50esimo della maratona di N.Y, ma poi è stata annullata a causa della pandemia. Io ho già partecipato nel 1988, per Marco quest'anno sarebbe stata la sua prima edizione. C'è da dire che lui andava. Correva forte, salvo un breve stop per problemi alle ginocchia. Non c'era nessun segnale contrario...». 

Leggi anche:

Marco Borradori è morto

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
borradori no vax sindaco
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved