traffico-sette-etti-di-droga-condannato-26enne
L'uomo è stato condannato per aver trasportato parecchi etti di eroina e cocaina (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
17 min

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
27 min

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
48 min

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
56 min

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
1 ora

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
Locarnese
1 ora

La tragedia nel ghetto di Roma in scena al Teatro Paravento

Mercoledì 26 gennaio dalle 19 il lavoro di Franco di Leo “Portico d’Ottavia 13”, seguito da un dibattito con Anna Foa
Locarnese
1 ora

Muralto, la Sant’Andrea ha un nuovo presidente

La società di pesca sarà guidata da Giorgio Cossi, che subentra al compianto Ivan Pedrazzi
Locarnese
1 ora

Muralto, il moltiplicatore può scendere al 78%

Nell’ambito della discussione sui conti preventivi, la Commissione della gestione sostiene la riduzione della pressione fiscale
Luganese
2 ore

Lugano, Ignazio Cassis in visita ai pazienti Covid-19

Il presidente della Confederazione si è recato all’Ospedale regionale dove ha ringraziato tutto il personale sanitario per l’enorme impegno
Luganese
2 ore

In leggera flessione gli abitanti di Capriasca

Il 31 dicembre scorso il Comune contava 6’829 abitanti, ossia 26 in meno di un anno prima. Il quartiere più popolato resta Tesserete, seguito da Lugaggia
08.09.2021 - 15:070
Aggiornamento : 17:14

Trafficò sette etti di droga, condannato 26enne

Al corriere, che faceva parte di una banda, sono stati inflitti 30 mesi di prigione (sette da espiare). Resterà in carcere fino a inizio dicembre

È una storia inverosimile, con molti 'non ricordo', quella narrata oggi in aula penale dal giovane albanese accusato di traffico di eroina e cocaina. Il 26enne imputato, per dirla con la procuratrice pubblica Pamela Pedretti, non la racconta giusta. Meglio, non l'ha mai raccontata giusta, nemmeno durante l'inchiesta. Di fronte a Siro Quadri, presidente della Corte delle Assise criminali di Lugano (giudici a latere Renata Loss Campana e Aurelio Facchi), è parso titubante, probabilmente per paura di ritorsioni quando uscirà di prigione. L'accusa, sostenuta dalla procuratrice, è convinta che l'uomo sia soltanto una pedina della banda di albanesi attiva nel traffico di stupefacenti in Svizzera, in particolare eroina e cocaina: «Il ruolo dell'imputato era quello di corriere, purtroppo verrà sostituito da qualcun altro».

A carico del 26enne ci sono oltre sette etti di droga trasportati in nove occasioni, in meno di due mesi. Inevitabile, la condanna. La Corte gli ha inflitto una pena di 30 mesi di reclusione, di cui sette da espiare, da dedurre il carcere sofferto, e l'espulsione dalla Svizzera per sette anni. L'uomo sarà pure segnalato al Sistema d'informazione di Schengen. Il processo è parzialmente indiziario, ha spiegato il giudice, ma gli indizi e sette etti di droga, indicati nell'atto d'accusa, rappresentano un quantitativo fatto proprio dalla Corte.

Veniva pagato da 'ignoti'

All'inizio del dibattimento, il giovane ha raccontato di essere arrivato in Svizzera con un'auto noleggiata proveniente dalla Germania. Al momento dell'arresto, nelle sue tasche c'era la chiave di una camera d'albergo, dove la polizia aveva trovato un'altra persona che l'imputato dice di non conoscere, sostenendo che l'hotel era stato pagato da amici connazionali. Al giudice ha detto di aver cercato lavoro in Svizzera nel settore edile ma senza fare regolare domanda di permesso perché «è inutile». Era residente in Svizzera tedesca, in Ticino si è recato per trasportare qualcosa ma sostiene di non sapere cosa stesse trasportando: «Erano piccoli pacchetti che recuperavo, nascosti in precedenza da qualcun altro. Il luogo mi veniva indicato tramite Gps». Veniva pagato dopo i viaggi ma non sa dire da chi: «Erano persone con la maschera a Lugano».

Le attenuanti invocate dalla difesa

Dall'ultimo viaggio effettuato in Ticino prima dell'arresto, avrebbe ricevuto un compenso fra i 400 e i 500 euro, ma il suo racconto non è credibile, ha ribadito Pedretti che al termine della requisitoria ha richiesto una pena di 32 mesi, di cui 8 da espiare, il resto della pena sospeso con la condizionale per due anni, e sei anni di espulsione dalla Svizzera. Secondo la difesa, sostenuta dall'avvocato Christopher Jackson, l'imputato aveva invece lo scopo di sostenere la sua famiglia in Albania, non è sicuramente un pezzo grosso dell'organizzazione ed è incensurato. Nell'arringa, il legale ha contestato le quantità di droga trasportate e il numero di viaggi effettuati in Ticino e ha chiesto una condanna più mite rispetto a quella richiesta dall'accusa: la scarcerazione immediata dell'imputato e non più di 18 mesi di carcere integralmente sospesi con la condizionale, dedotta la detenzione sofferta dal 26enne (è in prigione dallo scorso 7 aprile e in carcerazione di sicurezza dal 21 giugno). Al termine del processo, l'uomo si è scusato: «Non succederà mai più, tornerò in Albania dalla mia famiglia».

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved