ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

La Imerys di Bodio taglia sei impieghi

Non sono attualmente noti i motivi dei licenziamenti, che seguono ai quattordici del 2018 ma anche agli ingenti investimenti di due anni fa
Ticino
5 ore

Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’

L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
6 ore

Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia

Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
7 ore

Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale

Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
7 ore

Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente

Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
8 ore

Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’

Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
8 ore

Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio

Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Mendrisiotto
8 ore

L’economia su scala locale e il coraggio di cambiare

Se ne è parlato a una tavola rotonda patrocinata a Chiasso dal Comune e dal Centro culturale
Mendrisiotto
9 ore

Mendrisio non ha un vicesegretario comunale

Dopo il pensionamento di Roberto Crivelli, la Città non ha ancora pubblicato il concorso per il successore e il gruppo Lega-Udc-Udf ne chiede conto
Luganese
9 ore

‘Degrado e abbandono’ lungo il sentiero di Gandria

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Indipendente) presenta un’interpellanza al Municipio di Lugano
Ticino
9 ore

Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione

La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Locarnese
9 ore

Poetica-MenteCuore, l’installazione teatrale

Domenica 5 febbraio a Vira Gambarogno in scena Stefania Mariani su testi di grandi autori di oggi e di ieri
Luganese
9 ore

Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’

Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
Luganese
10 ore

Incidente sulla A2, code in direzione sud

Si segnalano disagi al traffico tra Muzzano e la galleria di Collina d’Oro
27.08.2021 - 17:21
Aggiornamento: 19:33

Lugano, l'Mps stronca i 18 milioni del Cantone per il Pse

Dura presa di posizione del movimento che sottolinea la contraddizione con la necessità di rivedere le spese del Cantone evocata da Christian Vitta

lugano-l-mps-stronca-i-18-milioni-del-cantone-per-il-pse

"Da quando in qua il governo cantonale utilizza soldi pubblici per sostenere la speculazione edilizia?" È la domanda che pone il Movimento per il socialismo (Mps) nella sua presa di posizione odierna nettamente contraria al contributo cantonale di 18 milioni per il Polo sportivo e degli eventi (Pse) annunciato oggi dal consigliere di Stato Christian Vitta sul Cdt. Un contributo che era stato inizialmente fissato a 7 milioni. Precisiamo subito che stiamo parlando di soldi non ancora stanziati. Il direttore del Dipartimento delle finanze e dell'economia ha infatti dichiarato che l'investimento verrebbe erogato qualora il progetto dovesse superare lo scoglio del referendum di fine novembre. Occorrerà poi superare l'ostacolo del voto in Gran Consiglio. In ogni caso, l'Mps non ha perso l'occasione di dire la sua parlando di un "orientamento che non sorprende: da tempo le pressioni sul governo si erano moltiplicate affinché si andasse in questa direzione. Il fatto che questa posizione emerga ora è un elemento che i favorevoli al progetto (di fatto tutti i partiti che siedono in governo) gettano nella campagna a favore del Pse". Il direttore del Dipartimento delle finanze e dell'economia Christian Vitta ha peraltro precisato che la cifra proposta tiene conto delle dimensioni del progetto di Lugano, dei suoi contenuti sportivi, del carattere regionale e dei contributi stanziati per altre opere di questo genere in Ticino: "Abbiamo l'opportunità di creare un centro di competenza a livello svizzero", mentre ora bisognerà convincere i Comuni della regione a sostenere il progetto, almeno politicamente se non a livello finanziario. L'Ente regionale di sviluppo ne discuterà lunedì prossimo.

Un altro referendum all'orizzonte

L'Mps fa intendere di voler contrastare tale contributo "e, se sarà necessario e se saremo in grado di farlo (abbiamo altri importanti campagne che ci attendono), ricorreremo anche all’arma del referendum". Il movimento contesta la decisione anche da altri punti di vista: "Il governo non può nascondersi dietro l’idea che interviene con un importante contributo perché convinto della necessità di sostenere il progetto sportivo (stadio e palazzetto). In realtà, è un finanziamento non solo al “polo sportivo”, ma all’insieme del progetto, cioè a quel “quartiere speculativo” all’interno del quale è inserita la parte sportiva che, ricordiamo, rappresenta poco più di un terzo dell'insieme". L'Mps chiede pure "per quale ragione il denaro pubblico dei contribuenti di tutto il Cantone deve essere di fatto messo a disposizione di una grande impresa con capacità milionarie come la Hrs e di un colosso finanziario come il Credit Suisse che dirigono tutta l’operazione Pse?". Non solo. Di fronte "alle continue esternazioni del capo delle finanze cantonali, Christian Vitta, sulla necessità di rivedere strutturalmente le spese del Cantone, sulla necessità di concedere crediti e prestazioni in modo oculato, vagliandole sulla base di motivate priorità: il tutto alla luce delle conseguenze della pandemia sull’attività economica e sulle prospettive finanziarie che non sembrano delle migliori. Appare quindi perlomeno curioso che, in questo contesto, il governo trovi addirittura spazio per un contributo di 18 milioni di franchi per un progetto che (a parte le strutture sportive – il cui 'interesse cantonale' è ancora tutto da dimostrare) non ha nessuna urgenza e nessun interesse per lo sviluppo del Cantone".

Bertoli: 'Il nuovo impianto sportivo ha rilevanza cantonale'

A Manuele Bertoli, presidente del governo cantonale e direttore dell'educazione, della cultura e dello sport abbiamo posto alcune domande: quali sono i motivi che hanno indotto il Consiglio di Stato a incrementare il sostegno finanziario da 7 a 18 milioni di franchi al Pse? «Tenuto conto che 7 milioni vengono dal Fondo Sport toto, la novità riguarda l’importo restante. Il governo ritiene che il nuovo impianto sportivo abbia una rilevanza cantonale e quindi che sia corretto poterlo sostenere, ma dobbiamo vedere come il Parlamento accoglierà la proposta». Si considera tale investimento fra le priorità di fronte a un preconsuntivo cantonale che indica un disavanzo di 156 milioni e alla necessità di rivedere le spese del Cantone? «L’importo che supera l’intervento del Fondo Sport toto è una somma ‘una tantum’ e quindi non ha grande influenza sui conti, ritenuto che la problematicità finanziaria segnalata mercoledì riguarda principalmente la divaricazione tra costi ricorrenti e ricavi ricorrenti», risponde Bertoli. Se, e in quale misura, la recente cessione del Football club Lugano da Renzetti a Mansueto ha influenzato in qualche modo la decisione del Consiglio di Stato? «La cessione permette all'Fc Lugano di continuare la sua traiettoria nel massimo campionato, cosa che prima di questo fatto nuovo non mi pareva del tutto assodata, ma al di là di questo essa non ha avuto alcuna influenza».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved