ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 min

79,5 milioni di disavanzo d’esercizio nel preventivo 2023

Inserita anche una spesa di 20,5 milioni per l’adeguamento dei salari dei dipendenti cantonali al rincaro. Il decifit totale ammonta a 164,4 milioni.
Locarnese
5 min

‘No vax’ in vetta al concorso letterario Salviamo la montagna

Il racconto di Carlo Bava si è imposto nella sezione Narrativa (premio Plinio Martini) dell’evento promosso dalla Fondazione Valle Bavona
Locarnese
14 min

Locarnese, la Classe 1947 sale in carrozza

Viaggio a bordo del trenino storico della Centovallina fino a Camedo il prossimo 16 ottobre. Vi sono ancora posti liberi
Bellinzonese
16 min

Coro DesDes e coro virile Scam: porte aperte

Possibilità di avvinarsi all’attività corale a Lavorgo ogni giovedì sera
Luganese
52 min

Lugano, alle porte il XV open scacchistico internazionale

Appuntamento a Villa Sassa venerdì per la quindicesima edizione con partecipanti provenienti da almeno sei nazioni. Montepremi: 8’000 franchi
Locarnese
54 min

Cosa farà la Ses per abbassare i prezzi dell’elettricità?

Lo chiede, unitamente ad altri interrogativi, al Municipio di Locarno (azionista dell’azienda elettrica) il gruppo in Consiglio comunale Sinistra Unita
Locarnese
1 ora

Locarno, prevenzione dei tumori al seno

L’Associazione Triangolo organizza il 6 ottobre un incontro informativo sulla malattia con possibilità di dialogo con il pubblico
Mendrisiotto
3 ore

Mercato d’anniversario a Mendrisio per Slow Food Ticino

L’associazione festeggia i suoi primi 35 anni di vita in piazza del Ponte, tra prodotti da difendere e un’etica del cibo
Locarnese
3 ore

Pedemonte, in due frazioni si abbassa il limite di velocità

Negli abitati di Cavigliano e Verscio presto si circolerà a 30km/h. La misura consentirà di ridurre i rischi d’incidente e meglio tutelare i pedoni
Bellinzonese
3 ore

Incidente prima dell’alba, effetto domino sul traffico ticinese

Solo danni materiali per un’auto finita contro il guardrail, ma la rimozione dei detriti sta ancora causando notevoli disagi in direzione nord
Ticino
4 ore

Orari, si va verso negozi più aperti

Chiusura posticipata e deroga per i commerci nelle località turistiche: la maggioranza commissionale con la proposta del Plr. Ma c’è aria di referendum
Luganese
6 ore

Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’

Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
6 ore

‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’

Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Ticino
12 ore

‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’

Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Mendrisiotto
15 ore

Castel San Pietro, ‘Troppi rifiuti... facciamo la nostra parte’

Conferenza indetta dal Ppd e Gg per mercoledì 5 ottobre. Si parlerà anche del progetto dell’Acsi, “Comune Zero Rifiuti”
laR
 
23.08.2021 - 21:10

Un'estate da quasi tutto esaurito a Lugano

Mai visti così tanti turisti per una stagione finora da incorniciare. Stella, presidente di Lugano Region: 'Quasi raddoppiati gli ospiti confederati'

un-estate-da-quasi-tutto-esaurito-a-lugano
Tanti turisti a Lugano quest'anno anche in agosto (Ti-Press)

Sta andando a gonfie vele l'estate in città. Circola tanta gente, addirittura ancora di più dell'anno scorso. Ai residenti che hanno rinunciato alle vacanze all'estero, si aggiungono i numerosi turisti confederati giunti alle nostre latitudini per trascorrere le ferie. E non è soltanto una percezione che si constata passeggiando in centro a Lugano. Da diversi anni non si ricorda un mese di luglio così buono, confermato dalle prime settimane di agosto. Lo testimoniano gli addetti ai lavori e gli operatori che manifestano soddisfazione per i risultati parziali da tutto esaurito (o quasi) della stagione estiva 2021.

'Non più tutto chiuso in agosto'

A cominciare da Michele Unternährer, presidente di GastroLugano e titolare di un bar in centro: «Negli ultimi giorni la clientela sta cambiando, le famiglie sono tornate in Svizzera interna dove alcune scuole hanno già ripreso l'attività, ma sono arrivati e continuano ad arrivare tanti adulti da Oltre Gottardo e diversi stranieri». Sono passati nel dimenticatoio i periodi estivi durante i quali la città era quasi deserta... «Ai tempi, si reclamava perché in agosto era tutto chiuso mentre quest'anno sono davvero pochi quelli che hanno tenuto le serrande abbassate, perché c'è tanto lavoro» osserva il presidente di GastroLugano. Tanti esercenti, da mesi, hanno poi approfittato dell'esenzione dal pagamento della tassa per l'uso del suolo pubblico predisponendo più posti a sedere all'esterno dove hanno allestito arredamenti che hanno reso più bella la città. A nord di via Balestra il discorso cambia e i commenti degli esercenti non sono così entusiasti. «Beh, in effetti, il lungolago e il centro fanno la differenza nell'accoglienza dei turisti. Anche oggi si lavora bene e i ristoranti sono pieni con le persone che fanno la colonna per andare a mangiare», chiosa Unternährer.

Cifre ancora 'dopate'

E a livello di pernottamenti come procede? «I risultati sono molto confortanti: erano anni che non si registravano cifre del genere, che sono probabilmente ancora 'dopate' dal fatto che non è così facile viaggiare all'estero anche se molti l'hanno fatto – risponde Lorenzo Pianezzi, presidente di hotelleriesuisse Ticino –. La buona tendenza a livello cantonale, quest'anno, è cominciata a maggio ma lo stesso discorso vale per il Luganese. Tutto sommato, la maggioranza della popolazione ha preferito restare all'interno dei confini nazionali. Se l'anno scorso abbiamo registrato un 95% di ospiti svizzeri, quest'anno la percentuale si aggira sul 90%, quindi c'è qualche straniero in più: francesi, tedeschi, arabi». E il turismo locale come procede? «Abbiamo riproposto quest'anno la campagna pubblicitaria 'Vivi il tuo Ticino', che nel 2020, ricordiamo, ha fatto registrare dai 5 ai 7'000 pernottamenti». Ci sono invece segnali di ripresa del turismo congressuale? «Temo che bisognerà aspettare il 2022, ma abbiamo già richieste, riservazioni e offerte», annota Pianezzi.

Stella: 'Meglio del 2019'

Il polso della situazione lo abbiamo chiesto anche ad Alessandro Stella, direttore di Lugano Region. «Riceviamo ottimi segnali per i pernottamenti negli alberghi e nei campeggi della regione. In generale, la stagione sta andando meglio del previsto, gli operatori sono quasi stupiti per i risultati al di sopra delle attese». Di più: «Nel 2020, purtroppo, fino a maggio si è potuto combinare poco, poi la situazione si è risollevata da giugno. Possiamo fare un confronto con il mese di luglio che quest'anno è stato migliore dell'anno scorso e del 2019 mentre in agosto il trend sembra positivo anche dopo Ferragosto con una clientela cambiata ma soprattutto svizzera». Statistiche ancora non ce ne sono ma la presenza di turisti tedeschi, francesi, olandesi e qualche arabo è confermata... «La provenienza dei turisti è più variegata rispetto all'anno scorso quando era predominante la presenza di turisti confederati che, solitamente (in anni 'normali', intendiamo senza pandemia), sono meno presenti nel Luganese rispetto alle regioni del Ticino: la media del 45% quest'anno è quasi raddoppiata e ha compensato il calo vertiginoso degli stranieri – dichiara il direttore dell'ente turistico luganese –. Lo scorso anno la stagione era andata bene anche in settembre e in ottobre, ma è chiaro che l'incognita resta l'evoluzione della pandemia e le relative restrizioni».

Una situazione inedita fino a qualche anno fa che si riverbera anche nei negozi della città: «Stiamo replicando la stagione del 2020: davvero tanti i turisti svizzeri e non era così scontato che ne arrivassero ancora così tanti – dichiara Lorenza Sommaruga, presidente di Federcommercio e titolare di un negozio in centro città –. L'apertura delle frontiere non ha provocato alcun esodo verso sud o altri Paesi, ma ha sicuramente dato la possibilità a tutti di trascorrere la vacanze in libertà: questo è un ottimo segnale, vuol dire che pian pianino stiamo assistendo al rifiorire della normalità. Luglio non era cominciato tanto bene a Lugano, eppure abbiamo recuperato». La presidente dei commercianti è entusiasta dei Lvga Points: «Stanno funzionando molto bene, speriamo di poterlo allargare anche ai non luganesi».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved