cassette-di-sicurezza-alleggerite-truffa-milionaria
TI-PRESS
Tanti soldi al vaglio degli inquirenti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
26 min

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
3 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
7 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
11 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
20 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
21 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
21 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
21 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
laR
 
18.08.2021 - 05:20
Aggiornamento : 17:09

Cassette di sicurezza ‘alleggerite’: truffa milionaria

Chiusa l’inchiesta penale nei confronti di un 44enne italiano estradato a febbraio che ha parzialmente ammesso i raggiri nei confronti di decine di clienti

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

È cresciuta, raggiungendo cifre da capogiro – alcune milioni di franchi – l’inchiesta sulla presunta truffa che vede sotto accusa un 44enne italiano, arrestato ed estradato lo scorso febbraio dalla vicina Penisola, in seguito alla denuncia di decine di clienti che si sono visti raggirati dopo aver affidato i loro investimenti all’uomo, ai vertici di tre società di Lugano, in cambio di guadagni finanziari che nella realtà non si sono mai realizzati, ma che anzi hanno prodotto gravi perdite. Le società si chiamavano, dal momento che nel frattempo sono finite in liquidazione o fallite, Ad Valorem Vault Sa, Ad Valorem Premium e Globus I.M.G. Sa, tutte con sede a Lugano.

Le ipotesi di reato: truffa qualificata e furto

L'indagine – titolare dell’inchiesta è la procuratrice pubblica, Raffaella Rigamonti – è conclusa. E per il 44enne, una volta firmato l’atto d’accusa da parte del magistrato, si prospetta il rinvio a giudizio, con tutta probabilità davanti a una Corte delle assise criminali di Lugano per i titoli di reato di truffa qualificata e, in parte subordinatamente, di furto. Complessa la dinamica del caso in odor di reati patrimoniali ma, in estrema sintesi, alle decine di clienti, a fronte dei loro investimenti che avrebbero dovuto generare buoni redditi, veniva prospettata dall’amministratore delle società una “garanzia di affidabilità”: le loro somme, infatti, venivano depositate in banca, in “sicure” cassette di sicurezza. Salvo poi sparire, assieme all’autore dell’ingente voragine finanziaria, riparato in Italia e poi acciuffato a inizio anno in Toscana e da quel momento in detenzione preventiva al penitenziario La Farera. Il 44enne, dopo aver rastrellato le somme dai clienti – tutti cittadini italiani che avevano riposto piena fiducia nel ‘professionista’ e nel frattempo costituitisi accusatori privati nella causa penale – con i loro averi realizzava investimenti in oro, le cui ‘riserve’ avrebbero dovuto fare da garanzia, venendo tuttavia sempre meno. Dopo importanti perdite, infatti, il 44enne avrebbe tentato di risollevare gli affari con il classico (e quasi sempre fallibile) metodo del ‘buco tappa buco’, fino a perdere ogni controllo della situazione finanziaria. Di qui la vicenda ha assunto sempre più i toni della presunta truffa.

Il 44enne è difeso dall’avvocato luganese Costantino Castelli. L’uomo ha chiarito durante l’inchiesta agli inquirenti i fatti, la cui qualifica giuridica dovrà essere dibattuta in aula, in un processo in programma nei prossimi mesi.

 

Leggi anche:

Cassette di sicurezza svuotate, 44enne preso e estradato

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lugano truffa
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved