lugano-da-l-ultimo-saluto-a-marco-borradori
Il viaggio verso Cornaredo (Ti-Press/D. Agosta)
+20
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
57 min

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e lacuale.
Bellinzonese
22 ore

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
1 gior

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
1 gior

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
1 gior

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
1 gior

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
1 gior

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
1 gior

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
1 gior

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
1 gior

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
1 gior

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
1 gior

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
1 gior

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
1 gior

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
1 gior

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
17.08.2021 - 09:54
Aggiornamento : 19:40

Lugano dà l'ultimo saluto a Marco Borradori

Nel corso della cerimonia i ricordi istituzionali e personali di autorità politiche e amici

Lugano dà l'ultimo saluto al sindaco di Lugano ed ex Consigliere di Stato Marco Borradori. Esequie alle quali sono annunciati 500 ospiti delle istituzioni e circa 7mila partecipanti. La cerimonia, introdotta da Roberto Mazza, cerimoniere, ha visto per primo l'intervento del Consigliere federale Ignazio Cassis, che ha preso la parola, innanzitutto, come suo compagno di Liceo.

Cassis: 'Caro Marco, ci mancherai'

E la memoria è andata agli anni Settata, a un 1968 «edulcorato», agli inizi universitari e alla comune «infatuazione» per la politica, divenuta per lui poi innamoramento. Un politico di cuore, Borradori, nel corso della sua ascesa. «C'eri sempre, per chiunque con cortesia e disponibilità», ha annotato rivolto all'amico. «La bellezza della tua persona ha ben nascosto la fragilità del vivere». Ma «fa parte della vita, avresti detto con un sorriso. Caro Marco, ci mancherai», ha concluso Cassis accompagnato da un timido applauso.

Gobbi: 'Marco ha voluto bene al Ticino'

Di seguito è toccato al Consigliere di Stato Norman Gobbi ricordare il collega di partito (nella Lega dei ticinesi) e compagno di viaggio al tavolo del governo. Negli occhi delle persone, ha sottolineato, si è visto l'affetto e la vicinanza per un uomo, oltre che un politico, al servizio del Paese. Quindi Gobbi ha ripercorso i 18 anni di Borradori alla guida del Dipartimento del territorio, sintetizzabili con i quasi 700 messaggi licenziati, gli oltre 3 miliardi di franchi di investimenti stanziati e la sua 'impronta green' che lo ha portato anche a scontrarsi con il suo 'padre' politico Giuliano Bignasca. «Marco ha voluto bene al Ticino e il Ticino ha voluto bene a Marco».

Foletti ai cittadini luganesi: 'Fate sentire la vostra forza'

Il vicesindaco Michele Foletti, dal canto suo, ha ricordato come Marco facesse sentire importanti tutti i cittadini nel solco del bene di una Città, che ha sempre amato. «Per noi municipali - ha ribadito commosso - ha rappresentato un grande esempio di sindaco in un percorso difficile e irto di ostacoli, ma i risultati ci sono e sono apprezzati». Concedendosi poi una considerazione personale, ha sottolineato come Borradori sia stato «il compagno di una avventura iniziata insieme 30 anni fa». Nel prossimo futuro, ha aggiunto rivolto alla comunità luganese, quando il dolore si sarà stemperato, per superare questo lutto sarà importante «starci vicini; farci sentire la forza di una comunità unita. Solo così potremo potare avanti l'eredità di Marco Borradori».

Andrea Leoni: 'Un miracolo civile'

«Mica ci può essere Lugano e non esserci Marco (Borradori, ndr)» ha confessato l'amico Andrea Leoni, stordito dalla perdita. «Ti abbiamo conosciuto tutti e tutti sentiamo il desiderio irrefrenabile di restituirti qualcosa»: per Leoni si è trattato di un «miracolo civile» che oggi riunisce la comunità in un abbraccio corale. Per calcolare l'unità di misura in stima e affetto di Borradori, ha aggiunto, oggi ci vuole uno stadio. Infine, Leoni non ha potuto esimersi dal fare riferimento agli ultimi mesi di vita di Borradori, vissuti, ha fatto sapere, con sofferenza e incredulità per le polemiche che hanno scandito la vita cittadina e le accuse che gli sono state rivolte.

Dopo il ricordo del cugino di Borradori, Luca, accomunato a Marco dagli insegnamenti del nonno, la parola è passata al Vescovo di Lugano monsignor Valerio Lazzeri. 

Il vescovo Lazzeri: 'Il sindaco Marco, una testimonianza luminosa' 

«(...)solo la gioia di poterci incontrare e parlare ci fa vivere veramente. Basta molte volte un sorriso o una parola buona a farci risorgere dalla tristezza e a farci uscire dall’isolamento. Il sindaco Marco ce ne ha dato molte volte una testimonianza luminosa. Il suo tratto affabile verso tutti non era un artificio. Scorreva naturalmente dai suoi gesti e dalle sue parole. L’affabilità gli veniva da dentro, come un’esigenza segreta, a cui egli ha sempre voluto obbedire nello svolgere i diversi e importanti incarichi pubblici da lui ricoperti. Mancherà a molti questa sua umanità aperta e disponibile». Così il vescovo di Lugano, monsignor Valerio Lazzeri, intervenendo oggi alle esequie del sindaco di Lugano, Marco Borradori. Il vescovo ha inoltre sottolineato: «Non fermiamoci però al rimpianto e alla nostalgia. Volgiamoci alla nascosta sorgente, a cui Marco di fatto si è abbeverato per essere così come tutti noi lo abbiamo conosciuto. Osiamo scoprire anche in noi questa linfa preziosa e nutriente, che fluisce in noi senza fare rumore». «... La memoria del sindaco Marco sia uno stimolo per tutti. Incoraggi chi deve continuare il suo compito. Ci aiuti a evitare le sterili polemiche, a trovare la via per sanare le incomprensioni e a cercare sempre il modo positivo e fecondo per superare ciò che ci divide. Ricordiamo con riconoscenza. Preghiamo per lui». 

Monsignor Valerio Lazzeri, che ha aperto e concluso in preghiera il momento di commiato che ha visto i presenti alzarsi in piedi, ha dunque proceduto all'estremo saluto e alla benedizione del feretro di Marco Borradori. La cerimonia delle esequie si è conclusa con le note della Civica Filarmonica di Lugano e parole di omaggio: 'Che la terra le sia lieve, signor sindaco'. Poi il feretro si è allontanato dallo stadio di Cornaredo fra gli applausi dei presenti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
funerali marco borradori
Guarda 23 immagini e 1 video
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved