in-coda-per-l-ultima-immagine-di-marco-borradori
Fotoservizio TI-PRESS
L'ultimo saluto
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
5 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
10 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
11 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
15 ore

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
15 ore

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
17 ore

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
17 ore

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
15.08.2021 - 19:21
Aggiornamento : 19:44

In coda per l'ultima immagine di Marco Borradori

Diverse centinaia di persone in visita alla camera ardente del sindaco di Lugano disposta a Palazzo civico. Quattro registri per omaggi e dediche

Stamattina, all'apertura della camera ardente e per almeno le prime due ore delle visite, la coda delle persone che hanno voluto tributare il proprio omaggio a Marco Borradori, morto mercoledì dopo un arresto cardiaco, arrivava oltre Piazza della Riforma, all'imbocco di via Nassa. Poi il flusso si è fatto più fluido ma sta proseguendo di ora in ora - c'è tempo ancora fino alle 22 e domani dalle 8 alle 22 per vedere per l'ultima volta il politico, scomparso prematuramente a 62 anni. Il cordoglio, silenziosamente e con compostezza, vede sfilare uomini, donne, giovani di ogni età; attendere il proprio turno e giungere davanti al feretro.

Corone di rose tutt'intorno

L'ultima immagine del sindaco, oltre il vetro della bara disposta sotto un gazebo bianco al centro del patio di Palazzo civico, restituisce il suo celebre volto, cravatta viola e un elegante completo scuro, le mani unite. Accanto al feretro una lunga rosa e davanti una corona di rose bianche e rosse. Dietro, a far da sentinella, un uomo del Corpo Volontari Luganesi, con la carabina messa di traverso e al suo fianco un ufficiale della Città. E poi tutt'attorno al recinto che delimita lo spazio allestito per la camera ardente, altre corone di rose con nastri sui quali sono indicati i mittenti dei rispettivi omaggi: la Lega dei Ticinesi, il Collegio degli esperti del Piano direttore della Nuova Lugano, i Taxi della Città di Lugano, "I tuoi City Angels", la Lega in Consiglio comunale, e altri ancora.

Patrick Bossola è uno dei rappresentanti del Corpo Volontari Luganesi in servizio. «Facciamo turni di due ore. Sono in molti ad entrare nel patio, arrivano a flusso continuo» - assicura, al suo quarto anno in seno all'organismo cittadino. «Se conoscevo Borradori? Certo, una persona che lascia un vuoto incolmabile. L'ultima volta l'ho visto per la festa del 1. agosto». Il nostro interlocutore osserva che i «fischi ricevuti durante la cerimonia devono avergli fatto parecchio male»  e di aver visto quella sera un «sindaco insolitamente stanco. Sicuramente le pressioni ricevute in questi mesi hanno inciso». Uno dei due custodi di Palazzo civico, Paolo Medica, fa osservare dal canto suo quanto «quasi tutti coloro che hanno deciso di partecipare al momento di commiato hanno apposto una firma, una dedica e chi persino scritti di mezza pagina su uno dei quattro libri-registro disposti all'ingresso e all'uscita della camera ardente». Parole che resteranno impresse nella Storia.

 

Leggi anche:

Marco Borradori è morto

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
borradori camera ardente lugano palazzo civico
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved