Detroit Red Wings
1
NAS Predators
2
2. tempo
(0-2 : 1-0)
OTT Senators
1
NY Islanders
1
2. tempo
(0-0 : 1-1)
MON Canadiens
2
TB Lightning
1
2. tempo
(0-1 : 2-0)
TOR Leafs
3
COB Jackets
0
1. tempo
(3-0)
BUF Sabres
0
ANA Ducks
0
1. tempo
(0-0)
STL Blues
0
FLO Panthers
1
1. tempo
(0-1)
WIN Jets
0
CAR Hurricanes
1
1. tempo
(0-1)
CHI Blackhawks
NY Rangers
02:30
 
EDM Oilers
MIN Wild
03:00
 
marco-campione-del-tennis-tavolo-dall-estrema-tenacia
Una passione giovanile mai sopita
+2
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

L’audit e i poteri accresciuti di chi lo eseguirà

Caso ex funzionario del Dss, praticamente definita la bozza dell’articolato mandato
Luganese
7 ore

L‘Imam di Lugano è ’completamente riabilitato’

Paolo Bernasconi, legale di Radouan Jelassi, esprime soddisfazione per la sentenza del Tribunale amministrativo federale
Ticino
8 ore

Disagio giovanile, il Sisa (ri)sollecita lo Stato

Alves: occorre contrastare con misure urgenti e concrete il malessere psichico nella popolazione studentesca. Campagna del sindacato nelle scuole
Locarnese
8 ore

Locarno, ‘mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale’

Non è un episodio isolato, i pestaggi in Piazza Castello sono filmati e messi sui social da una banda. Accertamenti in corso e misure incisive da adottare
Luganese
9 ore

Lugano, condannato il complice del furto al Mary

Inflitti tre anni di reclusione, di cui sei mesi da espiare, a un 52enne italiano riconosciuto colpevole di truffa, furto e falsità in documenti
Bellinzonese
9 ore

220 milioni in più per le Officine Ffs a Castione

L‘investimento previsto cresce in maniera cospicua. Gli impieghi a tempo pieno passano da 300 a 360. ’Più lavoro grazie alle componenti tecniche’
Ticino
9 ore

Domani i primi fiocchi, ‘automobilisti siate prudenti’

Attese nevicate in pianura, la fase più intensa si verificherà nelle ore centrali della giornata
Bellinzonese
11 ore

Carì, gli impianti si confermano nelle cifre nere

La scorsa stagione invernale ha fatto segnare il record di primi passaggi, un risultato possibile probabilmente grazie all’annullamento dei carnevali
Ticino
13 ore

Mascherine, il Cantone sostiene l’obbligo nei luoghi affollati

Il Consiglio di Stato invita i Comuni a introdurre ‘una misura di prevenzione molto efficace in occasione degli eventi natalizi’
Bellinzonese
13 ore

Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti

La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Bellinzonese
14 ore

Assemblea impianti Campo Blenio

Si terrà sabato 11 dicembre alle 18, al termine dei lavori è prevista una cena
Luganese
13.08.2021 - 05:100
Aggiornamento : 16:04

‘Marco, campione del tennis tavolo dall’estrema tenacia’

Ennio Balmelli, allenatore negli anni 70, di Borradori, ricorda la timidezza e l’impegno enorme che il compianto sindaco di Lugano ci metteva in ogni cosa

Marco era un ‘ragnetto’. Braccia e gambe lunghissime, magrissimo, tanto agile che ci arrivava dappertutto». Lo disegna così Ennio Balmelli, riaprendo quelle ricche pagine di vita e di sport che scrissero insieme negli anni 70. Lui allenatore, diplomato a Macolin, Borradori, 5 anni più giovane, promessa della Società tennis tavolo di Lugano. «La sua gioventù ne fu completamente occupata. Aveva 13 anni quando approdò con il fratellino Mario. Ma lui ci mise un impegno enorme che lo portò a numerosi risultati a livello svizzero. Era veloce e, se devo essere sincero, pur non essendo tecnicamente dotatissimo, riusciva a supplire a questa debolezza con un allenamento costante e intenso. E proprio questa estrema tenacia l’ha portato a un livello notevole tanto da essere considerato uno dei migliori giocatori di sempre che ha avuto il nostro cantone». Con il piccolo Borradori, Balmelli raccolse tantissime soddisfazioni: «Incredibili quelle che mi diede questa prima covata di giovani. Marco l’ho accompagnato fino alla Nazionale juniores, quando già nella sua grande attività in Ticino non si perdeva una competizione. Vinse una ventina di titoli cantonali, fra juniores, doppio e individuali assoluti. A un certo punto decise di smettere... in parecchi tentammo di fargli cambiare idea ma non c’è stato nulla da fare. Quella pagina della sua vita la considerava ormai voltata, anche se ha sempre seguito le partite della squadra luganese».

‘Mai una parola fuori luogo’

Formatore e ‘fratello maggiore’, Balmelli ha continuato a frequentare il futuro sindaco anche quando da adulti le loro strade, pur prendendo percorsi diversi, si sono incrociate più volte: «Già da bambino Marco era molto timido, estremamente educato, mai una parola fuori luogo. Una timidezza per la quale non avrei mai scommesso su una sua ‘discesa in campo’. Da avvocato, mi chiedevo ‘come un timido potesse fare una professione così esposta...’. Anche per questo sono rimasto molto sorpreso quando ha abbracciato la carriera politica e dei risultati straordinari che poi ha ottenuto. A ogni passo che ha compiuto gli ho sempre scritto e lui mi ha sempre risposto. Si trovava bene in mezzo alla gente tanto che aveva una capacità comunicativa incredibile».

Ricordi del tennis tavolo. Dietro Ennio Balmelli

Dopo lo sport per Balmelli venne la musica: «Con Marco ho avuto molto a che fare come presidente dei Cantori delle Cime. Occupiamo da 20 anni uno stabile della Città. E lui è sempre stato un grandissimo amico dei Cantori non mancando mai un evento importante, prima al Palazzo dei congressi e poi al Lac. Teneva discorsi bellissimi ed era per noi un prezioso punto di riferimento». Sono molti gli episodi che riaffiorano da quel grosso volume di ricordi: «Uno lo tengo nel cuore. A Lugano era in corso un incontro della Nazionale juniores svizzera. Io ero lì come spettatore. Marco aveva perso la prima partita. Il suo allenatore per la successiva gli impose, lui giocatore d’attacco, di mettersi più in difesa. Ma Marco capiva che non era nelle sue corde e venne verso di me con fare interrogativo. Gli dissi: ‘Marco la testa è tua, fai il gioco che meglio credi!’ e vinse quella partita. Quando si metteva in mente di fare qualcosa non ce n’era per nessuno! Nella politica non sempre però è possibile e Marco ha patito le sue belle sconfitte. L’ho sempre considerato una persona profondamente onesta, se ha fatto qualche errore l’ha fatto sempre in buonissima fede. Senza dimenticare la sua gran cura della propria privacy, non aveva paura di metterci la faccia, come quella volta che ha affrontato la popolazione per i guai finanziari del padre che aveva deciso di sostenere moralmente. Insomma, questo gli va riconosciuto, non ha mai schivato l’oliva».

Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved