monteceneri-guai-militari-per-il-furto-di-mascherine
TI-PRESS
Il caso approderà davanti al Tribunale militare 3
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Sebastiano Gaffuri: ‘Otto anni a Bellinzona possono bastare’

Il sindaco di Breggia non correrà alle prossime elezioni cantonali. Con Natalia Ferrara, il Plr del Mendrisiotto perde così due uscenti su tre
Ticino
3 ore

‘Pensione statali, compensazioni necessarie e urgenti’

Il Ps: il Gran Consiglio va coinvolto tempestivamente sulle misure contro il peggioramento delle rendite a causa della riduzione del tasso di conversione
Ticino
3 ore

Dormiamo meno e peggio. Con gravi rischi, specie per i giovani

Il mito della performance e i dispositivi elettronici stanno compromettendo sempre più qualità di sonno e veglia dei ticinesi. Il punto col Prof. Manconi
Locarnese
14 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
14 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
14 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
14 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
15 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
16 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
16 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
16 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
17 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
17 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
18 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
laR
 
12.08.2021 - 17:32
Aggiornamento: 18:58

Monteceneri, guai militari per il furto di mascherine

Per l'ex consigliere comunale della Lega pena pecuniaria per appropriazione indebita aggravata. Ma lui si è opposto e sarà dunque rinviato a processo

La giustizia militare si è mossa sul clamoroso caso di sparizione di mascherine e di altro materiale dalla caserma di Airolo un anno fa e che vede al centro della vicenda un ex consigliere comunale della Lega dei ticinesi del comune di Monteceneri e dipendente in forze alla sezione sanitaria. L'uomo è stato raggiunto nei giorni scorsi da un decreto d'accusa con la proposta di una pena pecuniaria, posta al beneficio della sospensione condizionale per il reato di appropriazione indebita aggravata, ma l'indagato ha interposto opposizione. Così ora, come da prassi in questi casi, la vicenda approderà a processo davanti alla giustizia militare, al Tribunale militare 3. Il dibattimento pubblico non è ancora stato aggiornato, ma dovrebbe svolgersi nei prossimi mesi. 

Il caso scoppiato la scorsa estate con la perquisizione in Municipio 

Il caso è scoppiato la scorsa estate, più o meno di questi periodi, quando la polizia militare aveva operato un vero e proprio blitz negli uffici di palazzo civico a Monteceneri. Al termine dell'intervento è spuntato il maltolto, in un locale del Municipio: uno stock di mascherine sanitarie, diverse centinaia, flaconi di disinfettanti e altro materiale ancora. Materiale che è stato sottratto senza autorizzazione - questa è l'accusa sulla quale ha fatto luce l'inchiesta militare - dalla caserma di Airolo per mano del funzionario della sezione dei sanitari. Il furto risalirebbe al mese di marzo 2020, proprio poco dopo lo scoppio della prima ondata della pandemia di Covid-19. L'ex consigliere comunale leghista - che ad aprile non ha più sollecitato un nuovo incarico in Consiglio comunale, abbandonando così la politica - si sarebbe prodigato in un "regalo" di mascherine al Comune, danneggiando il legittimo proprietario, vale a dire Armasuisse, ignaro di questa iniziativa non richiesta. 

"Violato l'articolo 130 del codice penale militare"

Interpellato dai media, lo scorso agosto, il funzionario della caserma militare di Airolo finito sotto inchiesta aveva spiegato l'intento del trasferimento della massiccia quantità di mascherine sanitarie dalla sede di Airolo al locale del Municipio: metterle a disposizione della collettività e sui fatti aveva adottato il classico sintagma, "non confermo né smentisco". Salvo incorrere in quello che ora la giustizia militare definisce, stando all'atto d'accusa spiccato nei confronti dell'indagato, un atto riprovevole, segnatamente una violazione dell'articolo 130 del codice penale militare, che configura il reato di appropriazione indebita aggravata. L'ex consigliere comunale, che come detto si è opposto al decreto d'accusa, nega dal canto suo sostanzialmente responsabilità penali. Resta il fatto che ora il suo ricorso prevede per lui un rinvio a processo davanti alla giustizia militare. Il dipendente dell'esercito, secondo nostre informazioni, era stato perquisito nella propria abitazione a Monteceneri. All'alba la polizia militare aveva fatto irruzione al suo domicilio, alla ricerca delle mascherine e di altro materiale militare scomparso dalla caserma. L'imponente operazione era durata a lungo e aveva visto gli agenti perlustrare l'intera abitazione dell'indagato. 

Se riconosciuto colpevole, il dipendente della sezione sanitaria, che dovrà presentarsi a processo accompagnato da un avvocato, come impone la giustizia militare, il prelievo delle mascherine dal deposito militare potrebbe avere conseguenze anche professionali. I responsabili della caserma di Airolo potrebbero infatti ordinare nei suo confronti sospensioni, trasferimenti o, persino il licenziamento. Ma questo è un argomento che esula invece dalle competenze dell'autorità giudiziaria militare, la quale - ci è stato spiegato dalla stessa - non si occupa di questi aspetti, analogamente a quanto avviene nell'ambito della giustizia civile. Secondo la ricostruzione della sottrazione delle centinaia di mascherine dai locali della caserma, di confezioni di disinfettante e di altro materiale militare, il dipendente avrebbe comunque consentito agli inquirenti di risalire rapidamente al maltolto, permettendo così la restituzione della merce sparita, contenuta in diversi pacchi, al legittimo proprietario, vale a dire Armasuisse. Resta il fatto che la giustizia militare, al termine della sua inchiesta, ha ravvisato gli estremi per la proposta di una pena pecuniaria al beneficio della sospensione condizionale e a una multa da pagare. Il caso approderà, verosimilmente ancora entro la fine del 2021, in un processo per l'ipotesi di reato di appropriazione indebita aggravata. I processi vengono aggiornati mensilmente. Al momento il caso delle mascherine di Monteceneri non è ancora stato agendato.

 

 

 

 

 

 

 

Leggi anche:

Imbarazzo a Monteceneri per le mascherine militari

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved