ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
14 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
14 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior

Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’

A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Locarnese
1 gior

Cordoglio per la morte di Pierino Tomatis

Ingegnere, già sindaco di Lavertezzo per diverse legislature, era molto attivo in ambito energetico
Luganese
1 gior

Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%

Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
Locarnese
1 gior

Attive della Sfg Losone sugli scudi a Zugo e a Veyrier

Ginnastica, ottimi risultati delle ragazze locarnesi, impegnate oltre Gottardo in due gare di livello nazionale
gallery
Bellinzonese
1 gior

Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto

Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Locarnese
1 gior

Lento fumo, due argenti nazionali per Paolo Dova

L’esponente del Gruppo ‘PipapassioneTuri’ di Minusio si è distinto al 47° Campionato svizzero svoltosi nel Canton Zurigo
Luganese
1 gior

Un credito supplementare per la rotatoria al Piano della Stampa

Il Municipio di Lugano chiede oltre mezzo milione di franchi per una pista provvisoria che garantirà anche l’accesso al cantiere del Dsu
Mendrisiotto
1 gior

Valera verde, L’AlternativA: ‘Seguiremo con occhio vigile’

Verdi e Sinistra insieme: ‘Il fondovalle del Mendrisiotto ha bisogno di questo polmone verde. Non molleremo la presa’
Ticino
1 gior

In pensione il caposezione Circolazione, bando per sostituirlo

L’avvocato Cristiano Canova lascerà la carica il 1° aprile 2023, dopo oltre 30 anni di servizio. Pubblicato il concorso per trovare il suo successore
Bellinzonese
1 gior

Incontro con Raffaele De Rosa a Lodrino

L’evento, organizzato dal Centro di Riviera, si terrà giovedì 29 settembre dalle 18 all’ex Vetreria
Ticino
1 gior

Le settimane passano, ma non i radar, ed è ottobre

Comune per comune i punti ‘osservati speciali’ dell’azione di controllo della velocità in un’ottica di prevenzione
Grigioni
1 gior

La teleferica Arvigo-Braggio chiusa per controlli alle funi

L’esercizio dell’impianto presente nel comune di Calanca sarà sospeso lunedì 24 ottobre dalle 9 alle 11
Mendrisiotto
1 gior

Castel San Pietro, Progetto Monte: villaggio per tutte le età

Appuntamento per sabato 1º ottobre alle 9.15 in cui verranno presentati gli interventi. L’iscrizione al pranzo è obbligatoria entro il 23 settembre
Bellinzonese
1 gior

Ps Riviera: ‘Cosa farà la Ses per abbassare i prezzi?’

José Del Romano in un’interrogazione chiede al Municipio di ‘intervenire in favore della popolazione e delle aziende’
Mendrisiotto
1 gior

A Chiasso per rilevare glicemia e pressione arteriosa

Appuntamento al centro diurno socioassistenziale Villa Olimpia in via Franscini 5, a partire dalle 8.30 fino alle 11
11.08.2021 - 22:43
Aggiornamento: 23:35

Borradori, 'Lugano è in lutto per il suo sindaco'

Il vicesindaco Michele Foletti: 'Vogliamo elaborare la disgrazia' mentre gli altri municipali ricordano la signorilità dell'uomo e del politico

borradori-lugano-e-in-lutto-per-il-suo-sindaco
Tante persone hanno voluto manifestare affetto a Marco Borradori oggi a Palazzo Civico (Ti-Press)

«La Città di Lugano è in lutto per il suo sindaco che se n'è andato. Abbiamo assistito a tanto affetto manifestato dalle numerose persone che oggi sono accorse a Palazzo Civico o sono andate ai vari sportelli della Città a esprimere il loro sostegno a Marco. La Città spero riesca e possa elaborare il proprio lutto in pace e senza polemiche aspettando il momento di salutare definitivamente Marco». Sono le prime parole del vicesindaco Michele Foletti, facente funzione di sindaco, dopo l'annuncio della morte di Marco Borradori e la giornata terribile vissuta. Verrà probabilmente deciso nell'odierna seduta di Municipio l'eventuale Giornata di lutto cittadino, mentre non si sa ancora quando sarà il funerale. «Vogliamo capire quali sono le volontà della famiglia e nel rispetto del nostro sindaco, in seguito l'esecutivo prenderà le decisioni istituzionali del caso», dice Foletti che per il momento non vuole parlare degli scenari futuri, che ricorda Marco Borradori come un amico, un compagno d'avventura: «Politicamente sarò una persona più sola e più in difficoltà. Ora però, personalmente e mi sento di interpretare il pensiero di tutto il Municipio, umanamente, vogliamo soltanto poter elaborare il lutto, questa disgrazia che ci ha colpiti in maniera fortissima».

Il municipale Lorenzo Quadri nemmeno si capacita ancora di quanto successo: «Per me è stato un esempio. Marco è stato protagonista e ha segnato un'era con i suoi trent'anni di storia politica di questo cantone. Era già presente ben prima che mi affacciassi sulla scena. Era considerato come un'istituzione quasi immutabile della politica che non t'immagini che un domani improvvisamente possa non esserci più. È stato il primo consigliere di Stato leghista e quindi è stato un modello e un punto di riferimento». Non solo. «È stata una persona molto apprezzata al di fuori del partito, come hanno dimostrato i risultati elettorali e i messaggi di affetto. È chiaramente una perdita non solo per la Lega e per la Città di Lugano ma per tutto il Cantone». Sempre aperto al dialogo e disponibile, prosegue Quadri, «Marco era una persona molto entusiasta e credeva fermamente in quello che faceva, nel suo lavoro di sindaco che lo assorbiva totalmente. Seguiva tutto, i grandi progetti come i dettagli. Era il sindaco di tutti e questo già non è scontato». Difficile guardare avanti, per il municipale leghista: «Ha lasciato un grande vuoto, bisognerà cercare di colmarlo nel migliore dei modi possibile ma evidentemente un secondo Marco Borradori non esiste».

«Ce lo aspettavamo purtroppo e ci stavamo preparando psicologicamente ma quando poi la notizia arriva davvero è durissima – è il commento a caldo del municipale Roberto Badaracco –, ti rendi conto che è tutto vero e ti passano dalla mente i momenti belli. Da lui ho imparato tanto: dal modo di affrontare la carica ai problemi, dossier, questioni, tante volte anche le polemiche, con quella calma e massima oggettività capace di sopportare momenti non facili uscendone anche molto bene. Non è da tutti... rimanevo peraltro sempre colpito dalla sua incredibile popolarità, chiaramente dovuta anche dalla sua lunga militanza. Conosceva tutti, il Ticino perde certamente uno dei politici più popolari degli ultimi decenni». Non siamo invece riusciti a raggiungere l'altra municipale Plr, Karin Valenzano Rossi.

La municipale socialista Cristina Zanini Barzaghi che ha vissuto gli ultimi otto anni di Municipio assieme a Marco Borradori ricorda quando entrarono in carica a Palazzo Civico nel 2013, come nuovi eletti: «Nelle prima seduta, quando c'era con Giorgio Giudici in imbarazzo vedendo Marco sedersi sulla poltrona del sindaco. Ma Borradori si dimostrò in quell'occasione e anche in seguito molto cortese, signorile e corretto. Quasi troppo. Era una persona capace di dirti di no e andava bene così. L'ho sempre ammirato per la sua capacità comunicativa, anche se su certo dossier come l'ex macello o l'aeroporto non eravamo sulla stessa linea. Comunque in otto, quasi sempre quando c'erano discussioni, alla fine si trovava sempre il modo di arrivare a una sintesi, perché lui ascoltava tutti. Questa era una sua dote che probabilmente mancherà. Io spesso ho assunto la veste di 'rompiscatole' in Municipio, ma lui mi ha sempre ascoltato su temi a me cari come la socialità e l'ambiente. Su altri temi, come la pedonalizzazione del lungolago eravamo sulla stessa linea». Anche Zanini Barzaghi sottolinea la cordialità di Marco Borradori, sempre sorridente, «una sua caratteristica che aiuta tantissimo in qualsiasi situazione. Ci siamo sentiti qualche giorno per questioni legate al Polo sportivo. La sua scomparsa è completamente inaspettata perché conduceva una vita sana, faceva sport, non beveva non fumava. Ultimamente era un po' tirato, forse per la vicenda dell'ex Macello o forse avrebbe dovuto riposare di più».

Dal canto suo, il municipale popolare democratico Filippo Lombardi ricorda invece «i trent'anni di amicizia con Marco Borradori, prima come giornalista, poi in veste di politico e l'ottimo rapporto instaurato fin dall'inizio. Del resto, tutti gli hanno riconosciuto la sua signorilità. Arrivai a Berna 8 anni dopo di lui e con lui c'è sempre stata fiducia reciproca senza mai un dissapore. Quando venni eletto a Berna entrai nelle commissioni delle comunicazioni, dei trasporti, dell'ambiente e del territorio, temi che erano di competenza del Dipartimento del territorio che conduceva Borradori e riuscimmo a fare un ottimo lavoro di squadra con i suoi funzionari di Bellinzona. Un lavoro che si rivelò costruttivo. Quando venne eletto sindaco di Lugano restai in contatto con lui e nei mesi scorsi mi ha accolto nel Municipio a braccia aperte e calorosamente». Lombardi rievoca anche l'anno e mezzo condiviso nel Consiglio di amministrazione di Lugano Airport Sa (Lasa): «Cercammo di fare tutto il possibile per salvare la baracca. Abbiamo maturato conoscenze che serviranno oggi, assieme a Michele Foletti, e nel prossimo futuro per far uscire l'aeroporto dall'impasse. Marco mancherà soprattutto nelle discussioni con gli altri Comuni, e nelle relazioni con il Cantone e con la Confederazione». Lombardi in un tweet ha voluto salutare e ringraziare Marco, "per la tua amicizia trentennale, per il tuo forte impegno per questo Paese, per la preziosa collaborazione di questi pochi e intensi mesi nel "tuo" Municipio, in cui mi hai accolto con grande disponibilità e con la tua consueta cortesia. Buon viaggio, Marco, e arrivederci di là!"

Leggi anche:

Marco Borradori è morto

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved