borradori-lugano-e-in-lutto-per-il-suo-sindaco
Tante persone hanno voluto manifestare affetto a Marco Borradori oggi a Palazzo Civico (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Pandemia, sette persone in più negli ospedali ticinesi

Due in più nei reparti di cure intensive. Stabile il numero di nuovi casi nelle ultime 24 ore: aumentati di quattro unità (1’266)
Luganese
5 ore

‘Campione era un deserto. Ora è tornato il sorriso in paese’

Reportage dall’enclave a due giorni dalla riapertura del casinò. E intanto l’amministratore delegato Ambrosini: ‘Debiti rimborsati entro cinque anni’.
Mendrisiotto
9 ore

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Anche se l’inchiesta è ancora in corso, il vescovo Lazzeri ha ritenuto che ci sono i presupposti per il ritorno, nel fine settimana, in parrocchia
Locarnese
9 ore

Ronco s/Ascona: e vissero tutti felici e contenti

Col progetto ‘Comune sano’ lanciato dalla Confederazione, il Municipio intende migliorare la qualità della vita e soddisfare le aspettative dei cittadini
Ticino
9 ore

Sergi: ‘Livelli, il no all’emendamento è stato coerente’

I tre voti contrari alla sperimentazione dell’Mps sono stati decisivi. Il coordinatore ribatte colpo su colpo alle accuse da sinistra: serve vera riforma
Ticino
17 ore

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
19 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
19 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
19 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
20 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
20 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
20 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
21 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
21 ore

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
Ticino
21 ore

I radar della prima settimana di febbraio

Da Polmengo a Balerna i controlli della Polizia cantonale e di quelle comunali
Locarnese
21 ore

Agarone, interruzione di corrente ma non per tutti

Il 2 febbraio dalle 8.15 alle 11.15 soltanto una parte degli stabili rimarrà senza elettricità per lavori sulla linea di trasporto bassa tensione
Bellinzonese
22 ore

Bellinzona, no a un Quartiere Officine ‘senz’anima’

Tuto Rossi chiede alle autorità di ‘lanciare un concorso internazionale su chiamata fra i migliori studi d’architettura e di urbanistica del mondo’
Locarnese
23 ore

Riazzino, il Vanilla riapre le sale del club

Prima serata dopo quattro mesi di chiusura forzata, domani sera sabato 29 gennaio, con Guè Pequeno, Tony Effe e Dj Matrix
Mendrisiotto
23 ore

Un Piano energetico comunale per Riva San Vitale

Una mozione chiede al Municipio di dotarsi dello strumento. Prima tappa la creazione di un gruppo di lavoro
11.08.2021 - 22:430
Aggiornamento : 23:35

Borradori, 'Lugano è in lutto per il suo sindaco'

Il vicesindaco Michele Foletti: 'Vogliamo elaborare la disgrazia' mentre gli altri municipali ricordano la signorilità dell'uomo e del politico

«La Città di Lugano è in lutto per il suo sindaco che se n'è andato. Abbiamo assistito a tanto affetto manifestato dalle numerose persone che oggi sono accorse a Palazzo Civico o sono andate ai vari sportelli della Città a esprimere il loro sostegno a Marco. La Città spero riesca e possa elaborare il proprio lutto in pace e senza polemiche aspettando il momento di salutare definitivamente Marco». Sono le prime parole del vicesindaco Michele Foletti, facente funzione di sindaco, dopo l'annuncio della morte di Marco Borradori e la giornata terribile vissuta. Verrà probabilmente deciso nell'odierna seduta di Municipio l'eventuale Giornata di lutto cittadino, mentre non si sa ancora quando sarà il funerale. «Vogliamo capire quali sono le volontà della famiglia e nel rispetto del nostro sindaco, in seguito l'esecutivo prenderà le decisioni istituzionali del caso», dice Foletti che per il momento non vuole parlare degli scenari futuri, che ricorda Marco Borradori come un amico, un compagno d'avventura: «Politicamente sarò una persona più sola e più in difficoltà. Ora però, personalmente e mi sento di interpretare il pensiero di tutto il Municipio, umanamente, vogliamo soltanto poter elaborare il lutto, questa disgrazia che ci ha colpiti in maniera fortissima».

Il municipale Lorenzo Quadri nemmeno si capacita ancora di quanto successo: «Per me è stato un esempio. Marco è stato protagonista e ha segnato un'era con i suoi trent'anni di storia politica di questo cantone. Era già presente ben prima che mi affacciassi sulla scena. Era considerato come un'istituzione quasi immutabile della politica che non t'immagini che un domani improvvisamente possa non esserci più. È stato il primo consigliere di Stato leghista e quindi è stato un modello e un punto di riferimento». Non solo. «È stata una persona molto apprezzata al di fuori del partito, come hanno dimostrato i risultati elettorali e i messaggi di affetto. È chiaramente una perdita non solo per la Lega e per la Città di Lugano ma per tutto il Cantone». Sempre aperto al dialogo e disponibile, prosegue Quadri, «Marco era una persona molto entusiasta e credeva fermamente in quello che faceva, nel suo lavoro di sindaco che lo assorbiva totalmente. Seguiva tutto, i grandi progetti come i dettagli. Era il sindaco di tutti e questo già non è scontato». Difficile guardare avanti, per il municipale leghista: «Ha lasciato un grande vuoto, bisognerà cercare di colmarlo nel migliore dei modi possibile ma evidentemente un secondo Marco Borradori non esiste».

«Ce lo aspettavamo purtroppo e ci stavamo preparando psicologicamente ma quando poi la notizia arriva davvero è durissima – è il commento a caldo del municipale Roberto Badaracco –, ti rendi conto che è tutto vero e ti passano dalla mente i momenti belli. Da lui ho imparato tanto: dal modo di affrontare la carica ai problemi, dossier, questioni, tante volte anche le polemiche, con quella calma e massima oggettività capace di sopportare momenti non facili uscendone anche molto bene. Non è da tutti... rimanevo peraltro sempre colpito dalla sua incredibile popolarità, chiaramente dovuta anche dalla sua lunga militanza. Conosceva tutti, il Ticino perde certamente uno dei politici più popolari degli ultimi decenni». Non siamo invece riusciti a raggiungere l'altra municipale Plr, Karin Valenzano Rossi.

La municipale socialista Cristina Zanini Barzaghi che ha vissuto gli ultimi otto anni di Municipio assieme a Marco Borradori ricorda quando entrarono in carica a Palazzo Civico nel 2013, come nuovi eletti: «Nelle prima seduta, quando c'era con Giorgio Giudici in imbarazzo vedendo Marco sedersi sulla poltrona del sindaco. Ma Borradori si dimostrò in quell'occasione e anche in seguito molto cortese, signorile e corretto. Quasi troppo. Era una persona capace di dirti di no e andava bene così. L'ho sempre ammirato per la sua capacità comunicativa, anche se su certo dossier come l'ex macello o l'aeroporto non eravamo sulla stessa linea. Comunque in otto, quasi sempre quando c'erano discussioni, alla fine si trovava sempre il modo di arrivare a una sintesi, perché lui ascoltava tutti. Questa era una sua dote che probabilmente mancherà. Io spesso ho assunto la veste di 'rompiscatole' in Municipio, ma lui mi ha sempre ascoltato su temi a me cari come la socialità e l'ambiente. Su altri temi, come la pedonalizzazione del lungolago eravamo sulla stessa linea». Anche Zanini Barzaghi sottolinea la cordialità di Marco Borradori, sempre sorridente, «una sua caratteristica che aiuta tantissimo in qualsiasi situazione. Ci siamo sentiti qualche giorno per questioni legate al Polo sportivo. La sua scomparsa è completamente inaspettata perché conduceva una vita sana, faceva sport, non beveva non fumava. Ultimamente era un po' tirato, forse per la vicenda dell'ex Macello o forse avrebbe dovuto riposare di più».

Dal canto suo, il municipale popolare democratico Filippo Lombardi ricorda invece «i trent'anni di amicizia con Marco Borradori, prima come giornalista, poi in veste di politico e l'ottimo rapporto instaurato fin dall'inizio. Del resto, tutti gli hanno riconosciuto la sua signorilità. Arrivai a Berna 8 anni dopo di lui e con lui c'è sempre stata fiducia reciproca senza mai un dissapore. Quando venni eletto a Berna entrai nelle commissioni delle comunicazioni, dei trasporti, dell'ambiente e del territorio, temi che erano di competenza del Dipartimento del territorio che conduceva Borradori e riuscimmo a fare un ottimo lavoro di squadra con i suoi funzionari di Bellinzona. Un lavoro che si rivelò costruttivo. Quando venne eletto sindaco di Lugano restai in contatto con lui e nei mesi scorsi mi ha accolto nel Municipio a braccia aperte e calorosamente». Lombardi rievoca anche l'anno e mezzo condiviso nel Consiglio di amministrazione di Lugano Airport Sa (Lasa): «Cercammo di fare tutto il possibile per salvare la baracca. Abbiamo maturato conoscenze che serviranno oggi, assieme a Michele Foletti, e nel prossimo futuro per far uscire l'aeroporto dall'impasse. Marco mancherà soprattutto nelle discussioni con gli altri Comuni, e nelle relazioni con il Cantone e con la Confederazione». Lombardi in un tweet ha voluto salutare e ringraziare Marco, "per la tua amicizia trentennale, per il tuo forte impegno per questo Paese, per la preziosa collaborazione di questi pochi e intensi mesi nel "tuo" Municipio, in cui mi hai accolto con grande disponibilità e con la tua consueta cortesia. Buon viaggio, Marco, e arrivederci di là!"

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved