lugano-marco-borradori-e-la-lega-che-verra
Il sindaco con il fondatore della Lega Giuliano Bignasca (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
5 ore

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
5 ore

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
6 ore

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
7 ore

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
7 ore

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
8 ore

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
Locarnese
8 ore

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
12.08.2021 - 05:30
Aggiornamento : 16.08.2021 - 12:05

Lugano, Marco Borradori e la Lega che verrà

Il decesso del sindaco rappresenta l'ennesimo terremoto per il movimento che negli ultimi anni ha perso diversi esponenti di spicco.

È davvero un brutto colpo per la Lega dei Ticinesi la morte del sindaco di Lugano Marco Borradori, dopo l’arresto cardiaco di martedì a Vezia durante il suo allenamento per prepararsi a correre alla maratona di New York e il progressivo aggravarsi delle sue condizioni. Una tegola per il movimento di via Monte Boglia, perché Borradori era un personaggio politico che aveva dimostrato equilibrio, era amato e apprezzato dalla popolazione e sapeva sempre scegliere le parole giuste per ogni occasione, favorevole o spiacevole. Lo attestano le innumerevoli testimonianze di affetto e di sostegno giunte in redazione e apparse sui social provenienti da ogni parte del Ticino prima e dopo il suo decesso. Un profilo, il suo, che ricalca quello che lui stesso tracciò nel maggio 2017, quando parlò su queste colonne della persona ideale che avrebbe dovuto assumere il coordinamento della Lega: “Sui 40 anni e dunque con ancora molta energia da spendere. Un leghista convinto, ovviamente, che ha familiarità con la vita istituzionale, ma anche capace di dialogare con l’anima, chiamiamola così, più ‘barricadiera’. Qualità ideali che, a parte l’età, si attagliano piuttosto alla sua di figura, versatile, intelligente e dotato di una capacità dialettica al di sopra della media, in particolare quando è stato chiamato a più riprese a domare gli incendi capitati all’interno e all’esterno della Lega.

Dal Nano ad Attilio Bignasca

La giornata nera di Lugano e di tutto il cantone rappresenta anche l’ennesima scossa che subisce il movimento negli ultimi otto anni. Il primo terremoto cominciò il 7 marzo del 2013 con il decesso del fondatore della Lega Giuliano Bignasca che, per una beffa del destino, restò in lista e venne eletto nel Municipio il 14 aprile, proprio quando Borradori spodestò dalla poltrona di sindaco Giorgio Giudici e la Lega conquistò la storica maggioranza nell’esecutivo. Quell’anno fu nefasto: anche Michele Barra, che prese il posto di Borradori alla direzione del Dipartimento del territorio, morì di tumore in ottobre, solo qualche mese dopo l’entrata in carica in Consiglio di Stato. La Lega, che già era rimasta orfana di uno dei fondatori, con la scomparsa di Flavio Maspoli nel giugno 2007, in seguito pianse la dipartita del cofondatore Mauro Malandra il 30 agosto del 2016. L’addio a Silvano Bergonzoli, altro esponente di spicco, ex deputato e municipale a Locarno, è invece più recente: risale al gennaio di due anni fa. A fine marzo dello scorso anno si spense anche Attilio Bignasca, fratello di Giuliano, rieletto nel 2019 in Gran Consiglio, imprenditore e titolare della A+G Bignasca e leghista della prima ora. Ora, all’orizzonte si stagliano periodi di inevitabili rinnovi per il movimento che in trent’anni ha mutato gli equilibri politici del Cantone.

Leggi anche:

Marco Borradori è morto

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lega lugano marco borradori
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved