muzzano-nella-morsa-del-traffico-parte-la-raccolta-firme
TI-PRESS
Il nucleo minacciato dalle auto
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
54 min

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
1 ora

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
1 ora

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
1 ora

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
1 ora

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
2 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
2 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
2 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
2 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
2 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
2 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
3 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
3 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
laR
 
09.08.2021 - 23:11

Muzzano nella morsa del traffico, parte la raccolta firme

E un ricorso al Tram chiede passaggi alternati nelle ore di punta su via Ciusaretta, usata come scorciatoia. La sindaca: 'Non è una strada sicura'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

È facile ingannare il traffico. Basta sapere le scorciatoie. In troppi conoscono quella su via Ciusaretta, nel cuore di Muzzano, che da Breganzona-uscita Lugano nord conduce in breve tempo alla Piodella (e viceversa), consentendo di tagliare completamente la Città. Così il Comune, soprattutto il nucleo nel quale risiede buona parte degli 800 abitanti, nelle ore di punta è bersagliato dal passaggio di auto, moto e camion non senza pericoli per i pedoni (le scuole oltretutto si trovano a pochi metri da questo crocevia) e per le mamme in carrozzina, dal momento che la strada comunale è priva di marciapiede e in alcuni punti si restringe a soli tre metri e mezzo.

Il nubifragio, l'ultima goccia a far traboccare il vaso

L'ultima goccia a far traboccare letteralmente il vaso sono stati i nubifragi delle scorse settimane, quando il problema su via Ciusaretta s'è acuito. «Con le autostrade intasate a causa delle piogge disastrose in molti si sono riversati sul nucleo di Muzzano, intasandolo con code chilometriche, tanto che proprio in quei giorni è partita in paese una petizione» - fa sapere la neo sindaca, Verena Hochstrasser, eletta lo scorso aprile sulla lista Alternativa per Muzzano. La raccolta firme è stata lanciata da Nathalie Molteni del gruppo Lega dei ticinesi-Udc-Indipendenti e ha già ottenuto l'adesione da parte di tutti i partiti presenti in Consiglio comunale. Ma il problema del traffico parassitario e del nucleo attanagliato dai veicoli si conferma un problema da numerosi anni. Molte le iniziative politiche compiute dall'autorità comunale all'indirizzo del Consiglio di Stato e delle istanze superiori, ma tutte finora senza esito.

Il Municipio propone una moderazione del traffico

La nuova compagine municipale uscita dalle urne la scorsa primavera si è fatta promotrice di una ulteriore azione: un ricorso al Tribunale cantonale amministrativo. Ad esporci i contenuti principali dell'istanza, inoltrata dal Municipio a inizio maggio, è ancora la sindaca. «Quel che chiediamo sono delle misure di moderazione del traffico sulla via Ciusaretta, segnatamente un divieto alternato generale nelle due direzioni, dalle 7 alle 9 e dalle 16 alle 19: in una corsia si potrebbe circolare e nell'altra no. Ciò che precedentemente il Consiglio non aveva concesso. Per questo ci siamo rivolti all'istanza superiore. Il problema riguarda il transito dei veicoli parassitari. La petizione lanciata nei giorni scorsi e ancora in corso va proprio a sostegno dell'istanza presentata dal Municipio. Naturalmente per i domiciliati del Comune il transito dovrebbe essere reso libero».

Già negli anni scorsi l'Esecutivo di Muzzano aveva preso carta e penna e si era rivolto al Tram. «In quel caso era stata chiesta una moderazione del traffico, ma unicamente per i veicoli pesanti. Un misura contro i camion era stata tuttavia giudicata troppo limitante dal tribunale» - spiega Verena Hochstrasser, che evidenzia come la situazione si sia nel frattempo aggravata. «Per chi vive a Muzzano e frequenta il nucleo e la via Ciusaretta rimane problematico. La strada è stretta e il pericolo per i pedoni e i ciclisti è costante. Non è una strada sicura». I tempi di risposta del Tribunale cantonale amministrativo non saranno brevi. D'altra parte «vietare il transito della strada non è possibile perché non si tratta di una stradina interna al paese, bensì di un'arteria di transito che collega altri Comuni» - osserva la sindaca. Che aggiunge: «Quel che chiediamo è di almeno limitare il traffico parassitario nei momenti di punta, perché altrimenti la situazione diventa improponibile. Quando avviene il blocco delle auto in autostrada o nelle strade cantonali, tutto il traffico si riversa su Muzzano. In questo periodo, con i lavori in corso a Besso, il problema è ancora più grave».

Nemmeno i Comuni limitrofi sono immuni dal traffico parassitario: ne costituisce un esempio via Laghetto a Sorengo, preservato quanto meno dal transito dei camion, dal momento che nel punto del sottopasso l'altezza massima è di 2,9 metri. Tornando a Muzzano, il problema traffico ha costituito negli anni per la cittadinanza e per i politici locali una spina nel fianco. L'elenco dei tentativi di intervento per giungere a una soluzione accettabile sono innumerevoli: già nel settembre 2009 una petizione lanciata dal Gruppo Cittadini Attivi postulava una riduzione del traffico nel nucleo. L'idea di fasce orarie (7-9  e 16-19) con il passaggio consentito ai non residenti e transito alternato in via Ciusaretta era già apparsa in una mozione in Consiglio comunale. Insomma, al Comune ora non resta che attendere la decisione dei giudici del Tram. 

 

 

 

 

 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
muzzano nucleo problema raccolta firme sindaca tram via ciusaretta
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved