lugano-censi-fischiare-e-un-diritto-fondamentale
La polizia limita ai margini della piazza i rumorosi contestatori (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
18 min

Peter, storia di un camoscio che incontra gli umani

Iniziative in Vallemaggia per la presentazione del volume di Salvioni Edizioni, realizzato da Mario Donati, Valeria Nidola e Antoine Déprez
Ticino
35 min

In Ticino un altro decesso per Covid, 12 classi in quarantena

Si registra un altro ingresso in cure intense, dove attualmente si trovano 8 persone su un totale di 72 ricoverati, fra cui un ospite di casa anziani
Locarnese
59 min

Alberto Akai lascia la presidenza Ppd e il Consiglio comunale

Il già candidato al Municipio di Locarno motiva la decisione con ragioni personali e familiari
Ticino
1 ora

Prevena 2021: per un Natale più sicuro

Le forze di polizia anche quest’anno garantiscono alla popolazione una presenza capillare su tutto il territorio nei luoghi di grande affluenza
Luganese
5 ore

Lugano, non solo rogo al White: danni anche al Cashmere Square

Si arricchisce di un filone l’inchiesta sull’incendio intenzionale dello scorso febbraio. Dichiarata fallita intanto la società dei due negozi di vestiti.
Luganese
5 ore

Alloggi: alla ricerca di un nuovo e necessario equilibrio

A parlarci di ‘pubblica utilità’ è Monique Bosco-von Allmen, presidente della sezione della Svizzera italiana di Cooperative d’abitazione Svizzera
Bellinzonese
5 ore

Ore di attesa per un tampone e il rischio d’infettarsi

Gestione problematica dell’importante afflusso di persone che nel fine settimana si reca all’Ospedale San Giovanni di Bellinzona per farsi testare
Luganese
14 ore

A Manno è Mercatino di Natale benefico

Bancarelle, giochi e golosità nel nucleo del paese per l’intera giornata del prossimo 8 dicembre
Ticino
15 ore

‘BancaStato mantenga la propria struttura finanziaria’

Luce verde della commissione parlamentare ai conti 2020. L’istituto ‘ha avuto un ruolo fondamentale nell’attuazione di misure decise da Berna’
Bellinzonese
15 ore

Torna in scena il Teatro Tan di Biasca

Lo spettacolo ‘Io sono Nijinsky’ di e con Daniele Bernardi è previsto sabato 4 dicembre alle 20
Bellinzonese
15 ore

Una mozione per una lingua facile a livello comunale

Lo propongono alcuni consiglieri comunali di Bellinzona dell’Unità di sinistra
Luganese
15 ore

Origlio, divieto di pattinaggio sul laghetto

Il Municipio e il Patriziato rinnovano il provvedimento. Non esistono alternative alla prassi seguita negli ultimi anni
Ticino
16 ore

Restrizioni anti-Covid: ‘Conseguenza prevedibile’

Il Consiglio di Stato si pronuncerà domani sulle proposte messe in consultazione dalla Confederazione. Altri Cantoni hanno già preso provvedimenti
Mendrisiotto
16 ore

Vincent Van Gogh in un libro a LaFilanda a Mendrisio

Incontro con Renato Giovannoli, autore de ‘I vortici di Van Gogh’, per interrogarsi sull’artista olandese
Bellinzonese
16 ore

Fiocco azzurro alla ‘Regione’ di Bellinzona

Lunedì sera è nato Enea, per la gioia dei genitori Francesca e Fabio
Luganese
 
07.08.2021 - 05:300

Lugano, Censi: 'Fischiare è un diritto fondamentale'

1° Agosto, il consigliere comunale Censi replica all'Udc: 'Capisco il fastidio ma per fortuna non viviamo in uno Stato autoritario'

Continua a far discutere la protesta andata in scena in piazza della Riforma a Lugano durante la cerimonia del 1° Agosto. La presa di posizione pubblicata nei giorni scorsi della sezione cittadina dell'Udc che ha interpretato i fischi come "uno schiaffo, non solo alle cittadine e cittadini luganesi, non solo alle tanto esecrate istituzioni, ma anche alle centinaia di persone in visita turistica" è andata di traverso non solo al collettivo "T'aspetto fuori" (leggi sotto). Anche il consigliere comunale di Lugano Andrea Censi, membro della Lega dei ticinesi (alleata all'Udc per la lista in corsa per il Municipio alle ultime elezioni comunali), ha qualcosa da ridire: «Non aspettavo questo genere di critiche dal partito in prima linea nel difendere la democrazia svizzera. Il sistema in cui viviamo prevede il diritto di protestare. Che possano dare fastidio i fischi durante la cerimonia in piazza, lo capisco: ha dato fastidio anche a me. Però, non sono rimasto seduto, sono andato a parlare direttamente con le persone che fischiavano. Per quanto non possa condividere la loro opinione, la loro modalità e lo scopo della protesta, ritengo sia una libertà sacrosanta da garantire sempre, quella di manifestare il proprio dissenso, anche il 1 Agosto. È una libertà che abbiamo in questo Paese democratico e che dobbiamo salvaguardare».

'Ricordatevi la Carovana della libertà'

Il consigliere comunale non prende di mira soltanto l'Udc che «pontifica e parla di lesa maestà perché ci sono stati fischi alla cerimonia del Natale della Patria a Lugano. È vero che, da una parte 'l'iperbuonismo', permette a certe realtà più libertà rispetto alle altre, ma tutto sommato va bene così». Andrea Censi ricorda la Carovana della libertà promossa agli arbori del movimento di via Monte Boglia che bloccò l'autostrada: «Per fortuna che c'era la libertà di farla, magari incorrendo in qualche multa. Per fortuna non siamo e non viviamo in uno Stato autoritario dove si rischia la prigione ogni volta che si cerca di esprimere la propria opinione, giusta o sbagliata che sia». L'Udc ha criticato anche il Municipio accusato di lassismo nel trattare con gli autogestiti del Molino. Come interpreta questa posizione? «Mi è parsa piuttosto paternalista – risponde Censi –. Idealmente dovrebbero essere trattati tutti allo stesso modo. Di riflesso, come possono fare manifestazioni di vario genere in luoghi pubblici i rappresentanti del Molino, dovrebbero poterlo fare tutti perché questo alimenta il processo di discussione democratica nel nostro paese che, spero, tutti all'interno della politica vogliano garantire. D'altra parte, personalmente mi sento garante delle libertà civili dei cittadini e non voglio di mettere in croce gli autogestiti. Naturalmente, non sono accettabili vandalismi o altro genere di lesioni alle libertà altrui. Non considero una violazione della libertà degli altri cittadini il fatto di ritrovarsi in una piazza, di riunirsi».

'La pandemia ha favorito l'autoritarismo'

Secondo lei l'emergenza sanitaria ha contribuito o favorisce in qualche modo posizioni antidemocratiche? «La crisi pandemica ha alimentato questo processo verso l'autoritarismo o la tendenza verso un maggior controllo di diverse opinioni politiche e posizioni di movimenti e partiti, riducendo i diritti civili delle persone – sostiene il consigliere comunale leghista –. Premetto che sono vaccinato con doppia dose e non sono certo un 'no vax', ma complici i media, e la politica anche un po' del terrore. Dobbiamo però ricordarci chi siamo: la Svizzera è un Paese fondato su principi liberali, non vorrei più assistere o sentire derive autoritarie dove nessuno ha più il diritto di fare nulla senza un permesso statale o di polizia. Dobbiamo mantenere i nostri capisaldi di una nazione fondata sull'indipendenza, sulla libertà e sulla solidarietà».

'T'aspetto fuori': Città fuori controllo per le sue scelte

Anche il collettivo “T’aspetto fuori” tiene a replicare all'Udc. Anzitutto ricordando che, "a differenza delle precedenti manifestazioni, questa (del 1° Agosto) non era organizzata dai molinari" ma dal collettivo. Pertanto, i fischi "non vanno usati come pretesto per la lotta all'autogestione. Per noi serve il pugno duro per fermare questa ondata d'irrispettosa e pericolosa anarchia, ma non da parte dei molinari, bensì da parte del Municipio (...) Che non ha rispetto per le istituzioni che chiedono un permesso edilizio per abbattere uno stabile; chiedono dei test per la presenza di eventuali sostanze tossiche! Ma soprattutto, le nostre istituzioni devono essere un libro aperto per i cittadini: ragione per cui quando si chiede alle istituzioni – in questo caso il Municipio di Lugano e/o la polizia – chi abbia dato l’ordine di abbattere l’ex Macello e quando lo abbia dato, la risposta deve arrivare nel giro di cinque minuti. E soprattutto non deve servire una inchiesta da parte della Magistratura, in corso da due mesi poi, per saperlo!". Questo, secondo Corti, "è sufficiente per poter affermare che Lugano sia fuori controllo: ma non per le manifestazioni non autorizzate, ma per le scelte, altrettanto non autorizzate, di Municipio e consorelle. Ecco dunque il perché domenica sera c’erano i fischi anche da parte di cittadini che non sopportano più questo modo irrispettoso di gestire l’amministrazione cittadina come fosse un feudo". 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved