Sampdoria
1
Lazio
3
fine
(0-3)
Juventus
Genoa
20:45
 
Langenthal
4
Ticino Rockets
1
fine
(0-0 : 4-1 : 0-0)
Visp
2
Kloten
6
fine
(1-2 : 1-3 : 0-1)
Zugo Academy
0
La Chaux de Fonds
6
fine
(0-3 : 0-3 : 0-0)
lugano-nel-mirino-dei-fischi-una-decisione-politica
Un momento del'allocuzione della municipale Karin Valenzano Rossi disturbata da sonori fischi di contestazione (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
45 min

Mercatino di Santa Lucia a Massagno

Al via la 37esima edizione sabato 11 dicembre. Coinvolte numerose associazioni locali
Ticino
50 min

Agricoltura e pandemia: ‘Il settore ha saputo adattarsi’

Si è tenuta ieri la Camera cantonale. Grandi predatori e allevamento intensivo i temi più sentiti
Mendrisiotto
2 ore

Il Mendrisiotto piange Sergio Pescia

Figura del mondo culturale della regione, per trent’anni è stato alla guida del Museo della civiltà contadina di Stabio
Luganese
2 ore

Traffico di droga Italia-Albania-Lugano, 11 arresti

In manette il titolare di una società di trasporto merci con sede in città. Inchiesta condotta con la Divisione criminalità economica di Lugano
Locarnese
3 ore

Alzheimer, si riunisce il gruppo di auto aiuto Locarno

L’appuntamento è per il 9 dicembre nella sede Atte
Locarnese
3 ore

Montedato, concerto d’Avvento

Con il gruppo vocale spontaneo ‘VisagnoCanta’
Locarnese
3 ore

Riazzino, Karl Marx nel XXI secolo

‘Orizzonti filosofici’ ospita Sebastiano Maffettone
Luganese
3 ore

Rave party clandestino fino alle 8 nei boschi di Pura

Allertata la polizia di Lugano arrivata alle 3 quando la musica era spenta, così la pattuglia è rientrata in sede. Notte insonne per molti abitanti
Locarnese
3 ore

Associazione artigiani Vallemaggia, fondi per le bancarelle

Lanciato un appello per raccogliere la cifra che servirà a sostituire le strutture destinate ai mercatini
Bellinzonese
4 ore

Giubiasco, un calendario degli eventi natalizi

Tre appuntamenti organizzati dalla locale Associazione di quartiere e Società dei commercianti
Bellinzonese
4 ore

Film per famiglie in Leventina

Domenica 12 dicembre alle 17 al cinema ad Airolo
Locarnese
4 ore

Losone, modine per la nuova casa comunale

All’albo la domanda di costruzione per il progetto da 13,2 milioni di franchi
Locarnese
4 ore

Riprese locarnesi per il documentario su Patricia Highsmith

La troupe sta girando alla Cà di Ferro di Minusio
Grigioni
4 ore

San Bernardino: due persone ferite in un incidente

Il conducente ha perso il controllo dell’auto uscendo di strada e terminando la corsa in una scarpata
Locarnese
5 ore

Locarno, il San Nicolao ‘tinto di blu’ è tornato

Il tradizionale evento, giunto alla sua quindicesima edizione, ha coinvolto i bimbi di coloro che lavorano nel Salva
Luganese
 
03.08.2021 - 05:100
Aggiornamento : 14:36

Lugano: ‘Nel mirino dei fischi una decisione politica’

Allocuzione di Valenzano Rossi, il politologo Mazzoleni sdrammatizza: ‘La personalizzazione della contestazione è un fenomeno diffuso’

Fischi o contestazioni simili a quelle espresse a Lugano domenica sera non sono un fenomeno nuovo in Svizzera. Quanto capitato durante l'allocuzione in piazza della Riforma della titolare del Dicastero sicurezza Karin Valenzano Rossi «non è un caso particolare. Da anni, il 1° Agosto non è semplicemente l'espressione di una Svizzera del consenso e della coesione nazionale: i fischi e le repliche fanno parte della dialettica politica. Al limite si potrebbe discutere sulla legittimità della forma presa dalla contestazione». Oscar Mazzoleni, professore di Scienze politiche a Losanna e direttore dell’Osservatorio della vita politica regionale dell’Università di Losanna non ne fa un dramma. Anche a Lugano è semplicemente capitato: «Un rappresentante delle istituzioni, eletto a suffragio universale, che si è assunto responsabilità di decisioni discusse, ha subito una contestazione in piazza. Chiaro che c'è l'aspetto plateale rappresentato dai fischi verso una singola persona, ma ciò non toglie che si tratta di protesta nei confronti di una decisione politica».

Democrazia non equivale a decisione legittima

«La contestazione di un politico non è una novità. Basti pensare a quante volte negli ultimi tempi è stato criticato il consigliere federale Alain Berset. C'è una personalizzazione della contestazione che è un fenomeno diffuso. E il principio è sempre lo stesso: il sistema democratico non garantisce la legittimità della decisione del politico eletto. Questa dissociazione è favorita anche dalla democrazia diretta in Svizzera che, tramite il referendum, consente di contestare le decisioni istituzionali. Che la contestazione avvenga con una raccolta di firme, una petizione o altre forme è un altro discorso». Secondo il politologo, all'interno di questo doppio sfondo, si può leggere la questione del Molino: per alcuni siamo in una situazione di illegittimità.

Una scelta si può e si deve anche contestare

«Non è inoltre sufficiente essere eletti democraticamente per compiere atti legittimi: le decisioni si possono e si devono anche contestare – chiosa Mazzoleni –. Il caso del centro sociale di Lugano è diverso ma in un certo senso radicalizza questo confronto. In altre parole, diventa emblematico di un contesto che tende a polarizzare le due posizioni. Quanto emerso a Lugano ed espresso con i fischi in piazza della Riforma, non è un confronto solamente puntuale sul Molino, ma investe altre dimensioni più generali». 

Il confronto rende vivace la democrazia elvetica

Tornando al 1° Agosto, ci sono idee e valori diversi su determinate questioni che si possono e si devono manifestare anche durante il Natale della Patria? «La celebrazione può esprimersi come momento corale, ma anche come confronto, espressione della vivacità della democrazia elvetica – sostiene Mazzoleni –. La democrazia non è solo decisione legittima presa da rappresentanti politici, ma anche espressione del voto popolare e include anche l’espressione di opinioni diverse». Questa non è proprio una novità: «Negli ultimi trent'anni, il 1° Agosto è stato occasione, spesso e in luoghi diversi, di confrontare due concezioni della Svizzera: quella fondata sull'indipendenza e l'altra che fa riferimento a una Svizzera aperta che rafforza i suoi legami con l'Unione europea. Il Natale della Patria è un’occasione per un confronto, anche acceso, fra due modi di leggere l’identità nazionale» Il politologo ci rievoca il grande cambiamento degli anni Novanta, quando ci fu il crollo del muro di Berlino che simbolicamente ha contribuito a rompere il consenso in Svizzera su una certa idea di Nazione, della difesa nazionale, della neutralità. «Volenti o nolenti, le celebrazioni del 1° Agosto sono state influenzate dall’evoluzione dell’agenda politico-elettorale». 

La tensione è emersa di più durante il Covid

Quanto capitato a Lugano è da leggere in un'ottica che richiama inoltre una tensione emersa con forza in tempi più recenti: «Nell'ultimo anno mezzo è sorta una questione: sono sempre legittime le decisioni prese da istanze democraticamente elette? Una domanda che ha assunto una rilevanza particolare durante l’emergenza sanitaria del Covid. Sono in effetti state adottate decisioni senza precedenti in maniera unilaterale da parte di rappresentanti politici eletti democraticamente, ma da tutti ritenute legittime. Per alcuni, la legittimità di una decisione presa dai rappresentanti politici, soprattutto in una situazione di crisi, è conseguenza del fatto che gli stessi politici siano eletti dai cittadini. Per altri, invece, non c’è un legame di necessità, ma ogni azione e decisione politica può e deve essere impugnata e quindi contestata dai cittadini se ritenuta illegittima dal punto di vista dei diritti costituzionali. Ciò vale per le misure Covid, ma anche per altre decisioni prese dalle autorità. Sono due aspetti diversi che mettono in luce una tensione simile, che investe il rapporto fra cittadini e politica»..

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved