ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
50 min

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
2 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
2 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
2 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
3 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
3 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
4 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
5 ore

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
5 ore

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Mezzovico
23.07.2021 - 15:47
Aggiornamento: 16:59

San Mamete torna a risplendere a Mezzovico

Completato dopo nove anni dall'inizio dell'iter il restauro della chiesa monumento storico e d'importanza cantonale e federale

di Gianluca Albisetti
san-mamete-torna-a-risplendere-a-mezzovico
La chiesa di san Mamete (Ti-Press)

Una struttura riconsegnata alla popolazione. È così che la commissione Restauri San Mamete definisce la nuova chiesa che sorge poco sotto al paese di Mezzovico: ''È un monumento storico d'importanza cantonale e federale. La ristrutturazione di San Mamete va a chiudere il cerchio iniziato con il restauro della chiesa di sant'Abbondio a Mezzovico nel 1996 e proseguito con la riattazione di Sant'Antonio Abate a Vira nel 2000'', spiega la commissione, che sottolinea l'importanza di queste tre operazioni, che hanno riportato ''all'antico splendore le tre chiese più importanti presenti sul nostro territorio, con impegno, sacrificio e investimenti non indifferenti''. L'edificio cristiano è una costruzione romanica, eretta in più momenti tra il XV-XVI secolo. Poi ristrutturata tra il 1959 e il 1964, con interventi mirati alla valorizzazione degli elementi artistici e storici. Tuttavia, come spiega Endrio Ruggiero, caposervizio monumenti dell’Ufficio dei beni culturali, ''i lavori di restauro erano spesso eseguiti senza una necessaria documentazione storica e soprattutto erano caratterizzati da una mancanza di controllo durante l'esecuzione del restauro''. Negli anni sono poi stati eseguiti altri interventi volti ad arrestare il fenomeno di degrado della chiesa, che però, non sono stati sufficienti. 

Nel 2016 il via ai lavori

Era il 2012 quando il consiglio parrocchiale di Mezzovico, in accordo con l'ufficio cantonale dei beni culturali (Ubc), domandò alla commissione Restauri San Mamete di analizzare e attuare un restauro del monumento storico. Quattro anni dopo, nell'estate del 2016, partirono ufficialmente i lavori. L'intervento si è strutturato in due distinte fasi: la prima (2015-2017) ha prevalentemente comportato interventi sulle strutture esterne, mentre la seconda (2018-2020) si è concentrata sul restauro dell’apparato decorativo interno e la realizzazione di un nuovo arredo liturgico, che ha permesso una rinnovata fruizione dello spazio e dell'apparato decorativo restaurato. Durante i primi scavi vennero scoperte anche trentuno sepolture di scheletri, che rallentarono di qualche settimana la tabella di marcia.

Ma chi era san Mamete?

''Di lui la storia ci dice poco, ma la pietà popolare veicola fino a noi una profonda venerazione per questo e altri testimoni sconosciuti predicatori del Vangelo, che nel loro tempo e secondo le loro possibilità hanno realizzato e attuato l'insegnamento di Gesù Cristo'', annota il parroco Pietro Borelli. ''Oggi − continua il parroco − in parecchie nazioni europee e nella nostra Patria molte chiese vengono vendute per mancanza di "Comunità" o per motivi economici; noi, grazie alla collaborazione di enti pubblici e privati e alla collaborazione della comunità, abbiamo voluto restaurare e conservare questa bellissima chiesa, che ci richiama la testimonianza cristiana di coloro che ci hanno preceduto nei secoli''.

La nuova inaugurazione

L'appuntamento per l'inaugurazione è per domenica 22 agosto alle 10, nella chiesa di San Mamete a Mezzovico. Il programma prevede la Santa messa presieduta dal vescovo Valerio Lazzeri e a seguire la presentazione ufficiale e l'aperitivo. ''Vogliamo ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile questo importante intervento di restauro e conservazione di un monumento storico e religioso, caro alle nostre comunità e tramandato nei secoli da chi ci ha preceduti. Che possa rimanere un punto di riferimento anche per le future generazioni'', scrive la commissione Restauri San Mamete, evidenziando in conclusione l'importanza della memoria, definendola «indispensabile per trattenere i nostri ricordi e per progettare il futuro».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved