il-tram-boccia-il-tram-per-lombardi-e-la-ricorsite
C'è poco da sorridere (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
4 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
4 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
4 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
4 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
5 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
5 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
5 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
5 ore

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
Ticino
6 ore

I radar della prima settimana di febbraio

Da Polmengo a Balerna i controlli della Polizia cantonale e di quelle comunali
20.07.2021 - 19:020
Aggiornamento : 23:10

Il Tram 'boccia' il tram, per Lombardi 'è la ricorsite'

Rilevate dal Tribunale amministrativo cantonale questioni formali nel bando di concorso, da rifare dunque. Ora per il Cantone la carta Tribunale federale.

Signori, tutto da rifare. Un invito perentorio, senza ma e senza se, quello sottoscritto dal Tribunale cantonale amministrativo (Tram, proprio questo il suo acronimo, quando si dice la beffa) in merito alla gara per la progettazione del Tram-treno del Luganese, di cui già 'laRegione' aveva anticipato lo scorso maggio la sospensione. I giudici hanno, infatti, accolto due ricorsi. Una questione che sembrerebbe più di forma che di contenuto. Secondo la Rsi, che ha potuto leggere la sentenza, la decisione del Tribunale non è intervenuta sul tracciato del progetto – peraltro protagonista di un'ottantina di opposizioni poi scese, negli ultimi due anni, a trenta – o sulle accese discussioni in merito al mantenimento della linea di collina che attualmente serve i Comuni di Sorengo, Muzzano e Collina d’Oro, ma è andata a gamba tesa sul bando decretandone la nullità e dunque una nuova indizione. Secondo i ricorrenti mancavano, soprattutto, i criteri che tenessero in considerazione l’organizzazione e l’esperienza dei team di progettazione, come capacità tecniche e organizzative.

Progetto il cui costo si aggira intorno ai 400 milioni di franchi, la Rete tram-treno del Luganese dovrebbe andare a "ridefinire l’agglomerato urbano di Lugano, andando a connettere come mai prima d’ora il basso Vedeggio, il Malcantone e il centro città" si legge nelle sue potenzialità. Appoggiato dal Cantone, che ne ha visto anche il carattere ecosostenibile, è stato definito "un progetto epocale", non solo perché dovrebbe essere una valida alternativa al mezzo privato, ma in particolar modo in quanto opera che contribuirà a rendere l’intero agglomerato luganese "più moderno e vivibile". Ora questo stop rischia di compromettere fortemente il ruolino di marcia, in quanto l'inizio dei lavori era previsto per il prossimo anno con conclusione entro il 2029.

Un bel grattacapo anche, e soprattutto, per la Città di Lugano: «Questo è un problema che colpisce molte opere sia pubbliche che private nel nostro Paese, è la ricorsite – raccogliamo ancora a caldo la riflessione di Filippo Lombardi, capo dicastero Sviluppo territoriale – e soprattutto la possibilità di rimettere in discussione bandi di concorso. Non sono in grado in questo momento di valutare nei dettagli le ragioni del Tribunale nell'accogliere questi due ricorsi, però è sicuro che ancora una volta o per errori formali o per altri motivi subiamo un allungamento importante dei tempi di realizzazione per un'opera che, credo, sia da quasi tutti ritenuta essenziale. In quanto Comune fra i più coinvolti siamo anche fra i più interessati affinché questa opera giunga quanto prima a realizzazione». Nessun confronto, per ora, con il Consiglio di Stato. Lombardi ci anticipa un incontro già agendato nei prossimi giorni per altre tematiche e nel quale il tram-treno troverà certamente uno spazio di rilievo: «Speravamo che le cose andassero un po' più lisce, anche perché con alcuni accorgimenti e correzioni le opposizioni si erano ridotte drasticamente, e questo era senz'altro positivo» si lascia poi scappare il municipale.

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved