ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa

Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
2 ore

Nella Pregassona del poliziotto di quartiere

Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
2 ore

Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni

Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
8 ore

Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano

Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
10 ore

‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’

È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Mendrisiotto
10 ore

Direttiva Plr a porte chiuse a Mendrisio

I vertici si sono ritrovati al Coronado, ma nessuno parla. I commenti sono rinviati ai prossimi giorni
Mendrisiotto
12 ore

Giornata contro il cancro infantile, ci si trova a LaFilanda

Il gruppo genitori ‘Insieme con Coraggio’ organizza un pomeriggio di festa per il 15 febbraio
Mendrisiotto
12 ore

Cena benefica a favore del Togo

L’appuntamento di sabato 4 febbraio sarà inoltre un’occasione per parlare dell’inaugurazione di un blocco operatorio nell’ospedale di Ayomé
Luganese
13 ore

Monteceneri: inquinamento privato, risanamento pubblico

Malgrado la bonifica tra il 2002 e il 2003, nelle acque sotterranee del sito, in cui operava una ditta decenni fa, sono finite tracce di cromo esavalente
Luganese
13 ore

Funicolare Monte Brè, quale sostegno dalla Città?

In Commissione le opinioni divergono, la durata del contributo potrebbe venir dimezzata ma non tutti sono d’accordo
20.07.2021 - 19:02
Aggiornamento: 23:10

Il Tram 'boccia' il tram, per Lombardi 'è la ricorsite'

Rilevate dal Tribunale amministrativo cantonale questioni formali nel bando di concorso, da rifare dunque. Ora per il Cantone la carta Tribunale federale.

il-tram-boccia-il-tram-per-lombardi-e-la-ricorsite
C'è poco da sorridere (Ti-Press)

Signori, tutto da rifare. Un invito perentorio, senza ma e senza se, quello sottoscritto dal Tribunale cantonale amministrativo (Tram, proprio questo il suo acronimo, quando si dice la beffa) in merito alla gara per la progettazione del Tram-treno del Luganese, di cui già 'laRegione' aveva anticipato lo scorso maggio la sospensione. I giudici hanno, infatti, accolto due ricorsi. Una questione che sembrerebbe più di forma che di contenuto. Secondo la Rsi, che ha potuto leggere la sentenza, la decisione del Tribunale non è intervenuta sul tracciato del progetto – peraltro protagonista di un'ottantina di opposizioni poi scese, negli ultimi due anni, a trenta – o sulle accese discussioni in merito al mantenimento della linea di collina che attualmente serve i Comuni di Sorengo, Muzzano e Collina d’Oro, ma è andata a gamba tesa sul bando decretandone la nullità e dunque una nuova indizione. Secondo i ricorrenti mancavano, soprattutto, i criteri che tenessero in considerazione l’organizzazione e l’esperienza dei team di progettazione, come capacità tecniche e organizzative.

Progetto il cui costo si aggira intorno ai 400 milioni di franchi, la Rete tram-treno del Luganese dovrebbe andare a "ridefinire l’agglomerato urbano di Lugano, andando a connettere come mai prima d’ora il basso Vedeggio, il Malcantone e il centro città" si legge nelle sue potenzialità. Appoggiato dal Cantone, che ne ha visto anche il carattere ecosostenibile, è stato definito "un progetto epocale", non solo perché dovrebbe essere una valida alternativa al mezzo privato, ma in particolar modo in quanto opera che contribuirà a rendere l’intero agglomerato luganese "più moderno e vivibile". Ora questo stop rischia di compromettere fortemente il ruolino di marcia, in quanto l'inizio dei lavori era previsto per il prossimo anno con conclusione entro il 2029.

Un bel grattacapo anche, e soprattutto, per la Città di Lugano: «Questo è un problema che colpisce molte opere sia pubbliche che private nel nostro Paese, è la ricorsite – raccogliamo ancora a caldo la riflessione di Filippo Lombardi, capo dicastero Sviluppo territoriale – e soprattutto la possibilità di rimettere in discussione bandi di concorso. Non sono in grado in questo momento di valutare nei dettagli le ragioni del Tribunale nell'accogliere questi due ricorsi, però è sicuro che ancora una volta o per errori formali o per altri motivi subiamo un allungamento importante dei tempi di realizzazione per un'opera che, credo, sia da quasi tutti ritenuta essenziale. In quanto Comune fra i più coinvolti siamo anche fra i più interessati affinché questa opera giunga quanto prima a realizzazione». Nessun confronto, per ora, con il Consiglio di Stato. Lombardi ci anticipa un incontro già agendato nei prossimi giorni per altre tematiche e nel quale il tram-treno troverà certamente uno spazio di rilievo: «Speravamo che le cose andassero un po' più lisce, anche perché con alcuni accorgimenti e correzioni le opposizioni si erano ridotte drasticamente, e questo era senz'altro positivo» si lascia poi scappare il municipale.

 

 

Leggi anche:

Il Tram ferma il treno: sospeso l'appalto

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved