a-bissone-un-accoltellamento-brutale-condannato-a-6-anni
Una quindicina di fendenti (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
23 min

Fermata Tilo: ‘Niente votazione, ma chiedo accorgimenti’

Minusio, Tiziano Tommasini intende rinunciare alla chiamata alle urne contro uno dei due crediti contestati (ma potrebbe doverla confermare)
Mendrisiotto
24 min

Cade il carcere per il cacciatore che uccise per sbaglio l’amico

I giudici della Corte di appello hanno ridotto e sospeso a 2 anni la condanna per omicidio colposo all’autore, un 53enne del Mendrisiotto
Mendrisiotto
29 min

Mendrisio, al campo Adorna arrivano le finali di Coppa allievi

L’appuntamento è per questo giovedì. A sfidarsi saranno i migliori giovani calciatori del cantone.
Locarnese
30 min

Passeggiate guidate alla scoperta di Ronco s/Ascona

Mercoledì 25 maggio per riscoprire la vita nel passato, mentre domenica 29 maggio per conoscere le peculiarità urbanistiche e paesaggistiche
Luganese
43 min

Crediti facili con documenti falsi, una condanna a Lugano

Trenta mesi, in larga parte sospesi, a un 60enne che truffando banche e società è riuscito a ottenere finanziamenti per circa 65’000 franchi
Ticino
1 ora

Nelle casse dei benzinai ticinesi manca il pieno dei frontalieri

Conti alla mano, l’assenza dei frontalieri pesa di più rispetto a quella dei ticinesi che preferiscono fare il pieno in Italia
Locarnese
1 ora

Il ‘Carnage’ del Piccolo Teatro al Centro S. Antonio

L’adattamento della commedia di Yasmina Reza torna in scena mercoledì a Locarno per la regia di Katya Troise
Luganese
1 ora

Melide-Gentilino, si pavimenta l’A2. Sarà a prova di rumori

Il cantiere interessa l’ultimo tratto autostradale nell’ambito delle opere di risanamento globale
Gallery
Luganese
2 ore

Reti alte 9 metri a protezione delle Ffs a Capo San Martino

Il progetto sarà ultimato nel 2023 a tutela della tratta ferroviaria fra Lugano e Melide. L’investimento è di 18 milioni
Ticino
2 ore

Coronavirus, da venerdì nuovo allentamento delle misure

Cadono le restrizioni per accedere a istituti per invalidi, centri terapeutici e centri diurni. Il punto sui contagi si fa settimanale
Grigioni
2 ore

Buseno, escursione botanica con il Parco Val Calanca

Domenica 5 giugno sarà possibile andare alla scoperta di fiori ed erbe con la guida Antonella Borsari nella zona fra i Monti di San Carlo e Mazzucan
14.07.2021 - 13:01
Aggiornamento : 16:16

A Bissone 'un accoltellamento brutale': condannato a 6 anni

Giudicato colpevole il 45enne rumeno coinvolto in quello che è stato considerato un vero e proprio regolamento di conti fra bande rivali

di Gianluca Albisetti

Sei anni. È questa la pena comminata dal giudice Mauro Ermani, presidente della Corte delle assise criminali di Lugano, all'uomo, un 45enne rumeno, che nel 2012 tentò di uccidere, assieme ad altre due persone, un trentenne, albanese del Kosovo. La pena chiesta dal sostituto procuratore generale Nicola Respini era stata di sei anni e nove mesi, mentre l'avvocato della difesa, Sandra Xavier, aveva chiesto il totale proscioglimento dalle accuse, dichiarando che il suo assistito era estraneo all'accaduto. Un fatto a cui la Corte non ha creduto. «L'imputato prese parte, in totale consapevolezza, al piano che prevedeva di dare una lezione alla vittima dopo la sanguinosa aggressione subita pochi giorni prima a Mendrisio. Imputato che poi scappò in Irlanda, dove risiedeva, per la paura delle conseguenze delle proprie azioni. Una latitanza che però contribuisce e aggrava la decisione della pena detentiva odierna», ha spiegato Ermani nelle motivazioni. La diminuzione dei nove mesi di pena detentiva, inizialmente chiesti dall'accusa, sono da attribuire al fatto che «l'accusato nei suoi anni di latitanza non ha più frequentato persone o compagnie che nel 2012 lo portarono a contribuire al tentato assassinio».

L'accoltellamento di Bissone fu la classica goccia che fece traboccare il vaso. In quella notte di marzo del 2012 un albanese del Kosovo rischiò la vita. Speronato in auto, fu accoltellato con una quindicina di fendenti definiti dall'accusa «perversi e con una particolare mancanza di scrupoli». Un regolamento di conti? Quello che è certo è che ancora adesso le motivazioni dietro il selvaggio pestaggio che l'imputato rumeno subì prima di avviare la ritorsione sono ignote. Lui ha spiegato che non nutriva odio verso il kosovaro. Anzi, la sera del tentato assassinio non andò con l'intento di aggredirlo: «Quella sera andai per stringerli la mano, con l'intento di sancire una pace tra di noi». Così ha spiegato l'accusato al giudice, anche se quest'ultimo ha risposto che «i riscontri oggettivi sono ben altri: se vai per stringere una pace, non c'è nessun motivo di speronare un'auto, farla accostare e poi spaccare il finestrino con una mazza da golf». Su quella mazza da golf peraltro le autorità trovarono anche il Dna dell'imputato, che però si è difeso spiegando che la usò per difendere la vittima, e non per attaccarla. Il sostituto procuratore generale Nicola Respini crede che invece la sua latitanza derivi proprio dal fatto di sapere di aver lasciato quelle tracce. Un altro mistero è legato al brutale accoltellamento: l'accusato ne prese parte o fu solo uno spettatore? Come ha spiegato il giudice Ermani, «le versioni di chi e come sferrò le coltellate potenzialmente mortali date da quattro persone diverse non sono sufficienti a fornire elementi decisivi per confermare chi sia stato». In sostanza, quindi, la Corte ha sostenuto la tesi della vendetta personale e della guerra tra bande rivali che si contendevano la vigilanza nei locali notturni. L'imputato alla fine non è dunque riuscito, insieme alla difesa, a proporre delle tesi che potessero proscioglierlo da tutte le accuse.

Gli inquirenti, dopo questi fatti, avviarono una serie di operazioni, fra cui quelle denominate Domino e Movida, che su iniziativa di Procura e Polizia cantonale diedero, come scriveva 'laRegione' nel 2017, "una sportellata alla pratica illegale della prostituzione in diversi locali ticinesi". Dopo quel grave fatto, figlio di una guerra fra clan rivali, da una parte i rumeni, dall'altra gli albanesi del Kosovo, molti i postriboli setacciati e chiusi in tutto il cantone e oltre un centinaio i procedimenti penali. Nella rete gruppi malavitosi che puntavano anche alla gestione della sicurezza nei maggiori locali notturni e discoteche della Svizzera italiana, così poi da riuscire a organizzare con più facilità l'entrata in scena notturna delle 'ragazze'. 

Leggi anche:

Solo testimone o mano che mosse i quattordici fendenti?

'Avete toccato le mie ragazze', e sferra le coltellate

'Avete toccato le mie ragazze', e sferra le coltellate

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
accoltellamento assise criminali bissone domino movida
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved