Venezia
0
Torino
0
1. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
0
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
0
1 set
(3-3)
carona-la-piscina-deve-restare-pubblica
La struttura balneare di Carona (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Locarnese
10 min

Vergeletto, dopo covid e danni c’è voglia di ripartire

La pista di ghiaccio, rimasta chiusa tutta la stagione, ha dovuto fare i conti con la pandemia e il maltempo. Ma ora si volta pagina e si pianifica il futuro
Luganese
12 min

Muzzano e Cureglia: quando il timone passa da donna a donna

Entrambi i Municipi vantano due sindache, come già nella precedente legislatura. Intervista a Verena Hochstrasser e Tessa Gambazzi Pagnamenta.
Luganese
3 ore

Viganello, duemila persone alla festa nel Campus Est

Un successo la manifestazione popolare voluta da tre Commissioni di quartiere con la collaborazione di Usi e Supsi
Bellinzonese
3 ore

Incontro con i 18enni e 19enni di Airolo

Le autorità comunali hanno incontrato i maggiorenni del Comune negli stabilimenti della ditta Tenconi Sa
Mendrisiotto
3 ore

L’Istituto di microbiologia della Supsi fa base a Mendrisio

Centro di competenze con 60 anni di storia, oggi indaga il territorio e diventa un punto di riferimento per i giovani ricercatori
Ticino
3 ore

Suter affiliato all’Udc: ‘Faccio politica associativa’

A livello svizzero si registra un calo del fatturato del 20 per cento per i ristoranti dall’introduzione dell’obbligo del Covid pass
Bellinzonese
3 ore

La filarmonica di Gorduno celebra i 100 anni con un libro

Il volume scritto da Pasquale Genasci ripercorre la storia della società tenendo conto anche dei cambiamenti politici, economici e sociali del paese
Luganese
3 ore

L’agente di Malcantone ovest richiede l’assoluzione

Il poliziotto, accusato di favoreggiamento e ripetuta infrazione alle norme della circolazione, è tornato in aula davanti alla Corte di appello
Luganese
4 ore

Lugano, il 5,6% dei veicoli supera i limiti presso le scuole

Malgrado le 404 multe, la Polizia della Città traccia un bilancio soddisfacente dell’operazione ‘Bimbi sicuri’, centrata anche sulla prevenzione
Luganese
12.07.2021 - 16:400
Aggiornamento : 19:17

Carona, 'la piscina deve restare pubblica'

L'associazione promotrice della petizione contraria al progetto di Glamping precisa: 'Il Municipio di Lugano ha ignorato le nostre proposte'

La piscina di Carona, oltre a “rivestire un ruolo quasi identitario per gli abitanti del quartiere”, è uno dei pochi servizi che Lugano offre ai suoi cittadini. L'associazione XCarona, opponendosi al progetto glamping, non difende gli interessi del “quartiere”, bensì gli interessi di tutti i cittadini di Lugano, del Luganese e del Ticino, perché la piscina è uno spazio unico, esclusivo e deve rimanere un servizio per i cittadini. XCarona si oppone al progetto solo dopo aver presentato uno studio e una serie di proposte che il Municipio di Lugano ha invece ignorato, chiedendo che fosse la Città a continuare a gestire direttamente la struttura, che il progetto tenesse in considerazione il territorio limitrofo (campo da calcio, da tennis, sentieri), che venisse valutato con maggiore attenzione il problema del traffico, dei posteggi, della sostenibilità ambientale e che Carona è un villaggio protetto a livello nazionale (Isos). "Piuttosto che costruire casette nel bosco, togliendo spazi verdi alla popolazione sarebbe più lungimirante realizzare uno spazio di svago all’aria aperta in mezzo alla natura anziché privatizzare l’area e consegnarla ai turisti d’oltralpe", scrive XCarona in replica all'articolo apparso sabato 10 luglio, ed è convinta che il progetto Glamping non porterà un buon indotto al paese. 

'Numero di casette ridotto dal Cantone'

L'associazione ritiene che si debba salvaguardare e valorizzare un prezioso servizio come la piscina che offre piacevole refrigerio e svago in una collina immersa nella natura. Considera scorretto affermare che “il numero di casette è stato diminuito su richiesta dei contrari”, visto che è il Dipartimento del territorio, nell’esame preliminare, a specificare che “… La proposta va perfezionata per garantire più equilibrio tra contenuti esistenti e futuri in ragione della generosità della superficie destinata alle infrastrutture turistiche che riduce in modo sostanziale l’area a disposizione degli utenti della piscina e prevede un numero significativo di alloggi che diventano l’elemento preponderante del comparto”. Secondo XCarona, "Badaracco si sbilancia in un pronostico perlomeno azzardato («Potremo garantire ugualmente l’entrata a 1'500 persone circa al giorno, che già oggi non raggiungiamo quasi mai…»), considerata la drastica riduzione degli spazi per la collettività che, se deciderà di recarsi in piscina, dovrà accontentarsi di un angolo di terreno roccioso, poco ombreggiato e vicino all’asfalto dei posteggi". Per questi motivi, XCarona ha lanciato una petizione intitolata 'Petizione contro la privatizzazione della piscina di Carona-Lugano – La piscina deve rimanere un servizio a favore della collettività' che raccoglie consenso, soprattutto tra gli utenti della piscina, disorientati all’idea che la piscina venga trasformata in un “Glamour Camping”.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved