detenuti-e-vaccinati-il-70-ha-ottenuto-le-due-dosi
TI-PRESS
Stefano Laffranchini, direttore delle strutture carcerarie cantonali
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
3 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
7 ore

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
7 ore

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
7 ore

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
12 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
14 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
15 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
16 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
16 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
17 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
17 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
17 ore

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
laR
 
02.07.2021 - 05:15
Aggiornamento: 12:39

Detenuti e vaccinati. Il 70% ha ottenuto le due dosi

Il direttore delle strutture carcerarie, Stefano Laffranchini: ‘Da metà luglio, ad avvenuta immunizzazione, si procederà finalmente agli allentamenti’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Il 70% della popolazione carceraria in Ticino è vaccinata. E dall’insorgere della pandemia a oggi non abbiamo avuto nessun focolaio né contagi». Parola del direttore delle strutture carcerarie cantonali, Stefano Laffranchini, che traccia un lusinghiero bilancio sul fronte del Covid-19 e sulla campagna vaccinale in corso: «Proprio tre giorni fa sono state effettuate le seconde dosi a tutte le persone che si sono annunciate, me compreso». Ci sono dunque anche no-vax? «Sì, d’altra parte non possiamo obbligarli. Mentre invece tra il personale c’è pressoché stata un’adesione totale al vaccino».

I primi effetti della campagna vaccinale

I numeri. Attualmente al penitenziario La Farera sono 40 le persone in detenzione preventiva, meno della metà della capienza massima che è di 88 posti. Alla Stampa sono invece 137, mentre sono in 31 alla sezione aperta dello Stampino. «In questo momento abbiamo proceduto a introdurre alcuni allentamenti. Ma aspettiamo la metà di luglio a renderli definitivi, quando saranno cioè trascorse le due settimane canoniche dal secondo vaccino affinché ci si possa ritenere immuni». In cosa consistono concretamente? «Per chi si è vaccinato significa che al rientro dal congedo non deve più effettuare la quarantena. Inoltre i detenuti che svolgono i colloqui nella struttura della casetta La Silva a stretto contatto con i familiari non devono più mettersi in quarantena. E anche gli ospiti che ricevono visite da parenti o da persone vaccinate possono beneficiare d’incontri senza l’obbligo d’indossare la mascherina e senza dover mantenere la distanza di sicurezza».

Prima la quarantena durava 10 giorni

Prima che la campagna vaccinale conoscesse l’accelerazione alla quale stiamo assistendo, le regole all’interno della Stampa non erano certo agevoli in tema di rientro dai congedi. «All’inizio – fa sapere il direttore – la quarantena prevedeva 10 giorni in cella. Poi, in una seconda fase, per chi aveva già effettuato il primo vaccino, abbiamo ridotto a cinque giorni la cella e, al termine, un tampone che certificasse la negatività. E, come detto, ora chi invece è completamente vaccinato non dovrà osservare nessuna limitazione». Significava non beneficiare neppure dell’ora d’aria? «No, quella è obbligatoria ed è stata garantita, naturalmente con tutte le precauzioni del caso. Ricordo che durante la seconda ondata della pandemia i congedi sono dovuti essere sospesi del tutto. Ma le ore perdute da adesso potranno essere recuperate». Ricevere il vaccino gratuitamente è un diritto anche per la popolazione carceraria, sia straniera sia svizzera, sancito dalla Confederazione. Con quale priorità è stato somministrato? «Le strutture carcerarie sono state l’ultima fascia di precedenza, prima dall’apertura a tutta la popolazione, con un vantaggio di circa una settimana» informa Stefano Laffranchini. In termini di vivibilità, quali tangibili vantaggi hanno potuto registrare, dopo un così alto numero di vaccinati, Farera, Stampa e Stampino? «I vantaggi sono il sollievo dopo mesi e mesi di restrizioni. Questo soprattutto per le persone detenute ma anche per il personale. È arrivata l’estate e indossare la mascherina tutto il giorno diventa complesso. Di fronte a una “immunità di gregge” all’interno del carcere, tra i detenuti e chi vi lavora, sarà poi possibile allentare anche l’uso delle mascherine, compatibilmente alle disposizioni cantonali in vigore». Come è stato possibile scongiurare focolai di Covid all’interno delle strutture carcerarie? «Una delle misure decisive – spiega il direttore – è consistita nel disporre la quarantena ai detenuti prima di poter far loro occupare le celle doppie presenti alla Farera e allo Stampino. In questo modo si è evitato il contagio. Per i nuovi detenuti, all’arrivo in carcere, a meno che non possiedano un certificato di vaccinazione totale o un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti, viene comunque ordinata la quarantena d’ufficio». La scorsa settimana due ventenni nomadi provenienti da Bergamo, condannati con pene sospese alle Correzionali di Lugano per furti nelle abitazioni ed espulsi dalla Svizzera, hanno fatto sapere di aver ricevuto la prima dose del vaccino al penitenziario cantonale. Dal momento che hanno riottenuto la libertà perderanno il diritto alla seconda dose? «Per questi casi – risponde Laffranchini – il nostro servizio medico consegna loro il certificato di vaccinazione che attesta l’assunzione della prima dose, la quale ha validità anche in Italia, dopodiché spetta alla loro responsabilità individuale eseguire la seconda dose in uno dei centri della loro città».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
detenuti vaccinati
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved