DJOKOVIC N. (SRB)
0
KECMANOVIC M. (SRB)
0
fine
truffe-covid-le-difese-chiedono-riduzioni-di-pena
TI-PRESS
Domani la sentenza
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
28 min

In Ticino 4 ricoveri in più in cure intense e nessun decesso

Nel nostro cantone, nelle ultime 24 ore, sono stati segnalati 1’221 nuovi contagi da Coronavirus
Locarnese
43 min

Locarno, l’Alliance ospita il fotografo Moreillon

Film conferenza mercoledì alle 20 nella Sala Congressi di Muralto
Ticino
1 gior

In Ticino 6 ricoveri in meno e nessun decesso

Sono 1’312 i contagi odierni, in ospedale restano ad oggi 167(-6) persone, di cui 15 (+1) in cure intense
Mendrisiotto
1 gior

Ferrovia Monte Generoso: rifatte le stazioni intermedie

Proseguono alacremente i lavori di ristrutturazione, fra imprevisti meteo e pandemia. Intervista al direttore del cantiere Pietro Brenni.
Gallery
Locarnese
1 gior

Brissago, l’ex cimitero come area di sosta per i camper

Presentata dal Plr una mozione che chiede di destinare il fondo a tale scopo. Così da favorire il turismo e generare indotti, evitando le soste selvagge
Bellinzonese
1 gior

Ad Airolo si scava in cerca della ‘zona di disturbo’

Seconda canna sotto il Gottardo: il tunnel di prospezione servirà a togliere la roccia più friabile localizzata a 5 chilometri dal portale sud
Ticino
1 gior

L’auto soffre ancora, ma quella elettrica piace

Ritardi nelle consegne e prezzi alti penalizzano il settore. Tira l’usato e si fanno largo le vetture elettriche. Nuovi dubbi sulle plug-in ibride
Luganese
1 gior

Monteceneri, il Punto Ascolto chiude dopo 9 anni

Il servizio potrebbe diventare una linea telefonica cantonale. Il Municipio ha scelto di potenziare la sua offerta con un’assistente sociale.
15.06.2021 - 17:170
Aggiornamento : 19:09

Truffe Covid, le difese chiedono riduzioni di pena

Alle Assise criminali di Lugano i legali contestato il reato di truffa e sottolineano: gli imputati non si sono arricchiti. Domani la sentenza

«Un profilo anomalo per essere associato all'autore di una truffa. Tutt'altro che un manager o un consulente. Perché in realtà si tratta di un pollo che s'è fatto spennare. Non ci ha guadagnato un soldo, anzi ci ha persino perso». Così l'avvocato Costantino Castelli, legale del medico dentista italiano 47enne, domiciliato nel Luganese, da stamane in aula per la truffa milionaria allo Stato nella richiesta di prestiti Covid, ha evidenziato nella sua arringa davanti alla Corte delle assise criminali di Lugano

'Nessun controllo in banca'

«La truffa non è realizzata se l'imputato agisce con leggerezza, come è stato il caso» - ha detto il legale, che ha evidenziato quanto le banche presso le quali sono state richieste le somme per i prestiti Covid non abbiano compiuto nessun controllo sui bilanci inverosimili presentati dall'imputato. Il legale ha inoltre evidenziato quanto la Segreteria di stato dell'economia abbia emanato precise direttive per evitare abusi e truffe sui crediti Covid che impegnano gli istituti di credito e che pure, a mente della difesa, non sono state ossequiate. L'avvocato Castelli ha richiesto così il proscioglimento del suo assistito dal reato di truffa, nonché tutte le altre imputazioni contenute nell'atto d'accusa, perché non realizzate. Il legale ha dichiarato che il medico dentista ha ammesso che i dati immessi nel formulario per la richiesta di prestiti Covid fossero gonfiati, ma che tuttavia a compilare i documenti è stato l'imprenditore coimputato. Il legale, in caso di colpevolezza sancita dalla Corte, ha chiesto in ogni caso che la pena sia ridotta notevolmente e non superi gli 8 mesi di detenzione, posti al beneficio della sospensione condizionale. 

L'avvocato Michele Rusca, in difesa dell'imprenditore 61enne, ha richiesto dal canto suo in particolare che il suo assistito sia riconosciuto colpevole non di truffa, bensì di complicità in truffa per quanto attiene ai prestiti Covid pretesi in tandem dai due imputati. L'avvocato Rusca ha inoltre evidenziato che l'imprenditore «non si è arricchito, ma ha semplicemente sanato i debiti della ditta»; e inoltre che il 61enne ha riconosciuto di aver gonfiato i bilanci per ottenere i crediti, ammettendo le proprie responsabilità. Anche l'avvocato Rusca ha messo in evidenza come non vi siano stati controlli sufficienti da parte delle banche, omettendo di verificare la serietà della richiesta del credito. L'avvocato difensore ha chiesto una pena massima di 30 mesi, dei quali 10 da espiare e la rimanenza sospesa con la condizionale. La sentenza è stata annunciata per domani alle 16.30. 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved