la-piu-grande-truffa-covid-chiesti-fino-a-5-anni-di-pena
TI-PRESS
Raggiri e illeciti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
13 min

A Savosa cala il numero di abitanti

E per la Scuola dell’infanzia il Comune ottiene la targa Minergie
Grigioni
25 min

Rossa cerca dei volontari molto particolari

Appello del Municipio per la vuotatura settimanale dei contenitori per gli escrementi dei cani
Bellinzonese
39 min

La visione di Dio secondo Pirovano al Liceo di Bellinzona

Videoconferenza pubblica col filologo e critico dantesco italiano
Ticino
1 ora

Per il Cantone India può restare in Ticino

Lo ha confermato l’Ufficio della migrazione data l’integrazione della giovane. Gobbi critico sulle polemiche politiche che hanno investito il caso
Ticino
2 ore

Gpc, il governo designa Krizia Kono-Genini giudice supplente

Il Consiglio di Stato accoglie la richiesta dell’Ufficio dei giudici dei provvedimenti coercitivi e dà luce verde al rinforzo temporaneo
Luganese
3 ore

Lugano, Demo Day sull’economia circolare

Il 25 gennaio 33 startup presenteranno i loro progressi nei modelli di business sull’economia
Ticino
3 ore

Impianti fotovoltaici, raddoppia la rimunerazione dell’energia

Aet: ‘La crescita è da ricondurre al netto aumento dei prezzi dell’elettricità sui mercati all’ingrosso’
Luganese
3 ore

Amélie a Pregassona inaugura uno spazio Caffè

Il nuovo progetto intende offrire un luogo di convivialità e la proposta di diverse attività
Mendrisiotto
3 ore

Foxtown, l’ampliamento del Factory Stores affidato a Botta

La nuova ala a Mendrisio sarà eseguita secondo criteri di ‘sostenibilità e il riuso creativo di materiali naturali’
Locarnese
5 ore

Venduta Casa Sant’Agnese. Al posto delle suore, appartamenti

Svolta sull’ampio terreno collinare a Muralto: la Congregazione religiosa di Ingenbohl ha trovato un accordo con la Garzi Sa del Gruppo Garzoni
Ticino
5 ore

Covid, registrati 1’701 casi positivi e nessun decesso

Nelle case per anziani contagiate 22 persone da ieri. Negli ospedali ricoverati 166 pazienti, 19 dei quali in terapia intensiva
Mendrisiotto
5 ore

La Filanda di Mendrisio si aggiudica un nuovo sponsor

Cresce il sostegno del luogo di cultura e anche gli altri enti hanno già rinnovato il loro sostegno finanziario per il triennio 2022-2024
Grigioni
5 ore

Prolungato l’obbligo della mascherina nelle scuole

La misura è in vigore fino al 5 marzo a partire dalla terza elementare fino al grado superiore
15.06.2021 - 15:140
Aggiornamento : 18:25

'La più grande truffa Covid': chiesti fino a 5 anni di pena

Alle Criminali di Lugano, il pp Daniele Galliano: un raggiro milionario organizzato con società vuote e cifre d'affari fittizie ai danni dello Stato

«Questo è il caso forse più grave di abusi per la richiesta di crediti Covid emerso in Svizzera, lo è sicuramente in Ticino». Così il procuratore pubblico, Daniele Galliano, ha dichiarato nel pomeriggio, nella sua requisitoria davanti alle Assise criminali di Lugano per le truffe Covid ai danni della Confederazione per oltre 1 milione di franchi, delle quali sono accusati un 47enne medico dentista domiciliato nel Luganese e un imprenditore 61enne del Mendrisiotto, entrambi italiani. «La segnalazione alla Procura è arrivata dalla banca Ubs, che sospettava un caso di riciclaggio» - ha indicato il magistrato, che ha ricostruito gli illeciti conseguiti dai due imputati, gonfiando notevolmente le cifre d'affari delle loro società, ottenendo così aggirando la legge lauti aiuti previsti durante la pandemia. Protagonisti sono «un medico dentista, che guadagnava oltre 350 mila franchi all'anno e un imprenditore». 

'Parte dei guadagni usati per pagare le rate di una Ferrari'

«I soldi ricevuti servivano solo per arricchirsi. Si tratta di truffe sistemiche ai danni dello Stato a soli scopi di lucro» - ha sottolineato il pp Galliano, che ha spiegato come uno dei due imputati, il 47enne, avesse persino usato parte del maltolto per pagare le rate dell'acquisto di una Ferrari e inoltre in Italia girava con una Porche. Il magistrato non ha dubbi: i bilanci delle società erano falsi e con questi sono stati richiesti e ottenuti i prestiti Covid-19, per i quali si poteva giungere fino al tetto massimo di 500 mila franchi. Un tetto ampiamente raggiunto e ripetuto. Dapprima il più anziano dei due imputati ha fatto da apripista, ottenendo così illegalmente la prima tranche da mezzo milione di franchi. Poi, l'anziano ha istruito il connazionale suo amico 47enne. E insieme hanno preso parte a una truffa complessiva di 1 milione e 60 mila franchi, messa in atto servendosi di tre società. «Società vuote - ha sottolineato il magistrato - per truffare lo Stato e quindi i contribuenti».

Per quanto attiene alle responsabilità del 61enne, il pp Galliano ha evocato un suo precedente penale in Italia per frode e inoltre ha spiegato che nei suoi confronti è stato aperto un procedimento in Germania che ha richiesto la sua estradizione. «Era la mente nelle truffe Covid» - ha affermato il rappresentante della pubblica accusa, che ha chiesto per lui una pena di 5 anni di carcere e l'espulsione per 10 anni dalla Svizzera. 

Anche per il medico dentista il magistrato ha proposto una pena da espiare e l'espulsione: «Stupisce che i soldi della sua professione non gli bastassero». Il magistrato ha proposto per il 47enne, 4 anni di carcere e l'espulsione dal territorio svizzero per 7 anni.  Il pp Galliano ha ordinato infine che i due imputati ripaghino allo Stato il maltolto: complessivamente, ognuno secondo le proprie responsabilità, dovranno restituire 1,5 milioni di franchi. Somma che è stata quantificata più dettagliatamente ai giudici dal rappresentante degli accusatori privati. 

 'Sì, una delle tre società serviva per ottenere i crediti Covid'

Tre società create ad arte per raggirare e ottenere i crediti Covid? Stamane, durante la fase dibattimentale, alla domanda formulata dal presidente della Corte, i due imputati hanno ammesso che almeno una società è stata acquistata per tali fini illeciti.  Sulla truffa Covid di 1 milione compiuta in tandem, il 47enne ha ammesso di aver gonfiato la cifra d'affari della società. «Mi vergogno di aver fatto una tale richiesta. Ho commesso un grosso errore. La cifra d'affari indicata nel formulario era assolutamente inveritiera». Il 61enne dal canto suo ha ammesso di aver prestato aiuto al co-imputato nella compilazione delle somme nel formulario. Il dentista fece pure un intervento dentario al 'socio' 61enne, un lavoro da qualche migliaio di franchi: ma i due gonfiarono la fattura per 200 mila franchi per giustificare un'uscita di soldi dalla società del medico. I due imputati si frequentavano ogni giorno. Amicissimi, salvo stamane rimpallarsi parte delle responsabilità. Tra gli accusati compare anche un fiduciario, che sarà tuttavia processato separatamente. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved