simposio-online-ma-non-tutto-il-male-vien-per-nuocere
Lorenzo Pianezzi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
4 ore

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
8 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
8 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
Mendrisiotto
8 ore

Sagra della castagna 2022, aperte le iscrizioni

Gli artigiani interessati si devono annunciare entro l’11 giugno. La manifestazione si terrà a Morbio Superiore
Luganese
9 ore

Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti

Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
9 ore

Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano

Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
9 ore

Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano

Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Mendrisiotto
9 ore

Si allarga il gremio dell’Ente regionale per lo sport

L’assemblea accoglie Vacallo. In vista anche l’ingresso di Balerna e Brusino Arsizio. Vistati regolamento e statuti
Mendrisiotto
9 ore

Al Serpiano si possono provare le hand bike

L’associazione Ti-Rex Sport ne ha acquistate quattro, che sarà possibile noleggiare per provare il percorso inaugurato lo scorso anno
Luganese
9 ore

Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute

Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
Ticino
9 ore

‘Le proposte sulla gestione Covid di Ostinelli non ci competono’

La Commissione sanità e sicurezza sociale si esprime sulla petizione del medico che chiedeva un cambio di strategia secondo i suoi suggerimenti
Luganese
9 ore

Sette nuovi diplomati tra i conduttori di cani da terapia

Il gruppo ha finito la formazione e si potrà mettere ora a disposizione delle istituzioni del Cantone
Ticino
9 ore

Altro incidente sull’A2, traffico in tilt verso sud

Pomeriggio nerissimo per la circolazione in Ticino. Disagi anche sulla cantonale nella zona di Manno
laR
 
14.06.2021 - 18:39

Simposio online, ma 'non tutto il male vien per nuocere'

Lugano resta ben salda quale sede dell'evento internazionale. Albergatori: 'La modalità virtuale? Ci salva il giusto mix tra leisure e turismo congressuale'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Lugano resta ben salda. La sede di uno se non il simposio più importante della Svizzera italiana, che si tiene ogni due anni, continuerà ad affacciarsi sul Ceresio. Lo conferma a 'laRegione' il professor Franco Cavalli, luminare della ricerca oncologica e anima dell'evento che quest'anno segna i quarant'anni di fondazione. In programma dal 18 al 22 giugno il Congresso internazionale dei linfomi maligni avrà la sua centrale operativa al Palazzo dei Congressi. «Non lasceremo Lugano – ha stemperato le notizie infondate che giravano qualche tempo fa il medico –, lo prova il fatto che nonostante tutti i problemi che abbiamo avuto con la pandemia e che ci impone di organizzarlo in modalità virtuale, lo abbiamo comunque voluto fare, perché non farlo ci sembrava troppo pericoloso. Arrischiavamo cioè che qualcuno ci saltasse dentro e se lo portasse via...». Molti gli americani che frequentano i lavori da almeno una ventina di anni, da quando cioè il congresso si è affermato: «Anche per questo diverse associazioni molto potenti sono sempre pronte a sostituirsi a Lugano. Sono il Paese che manda più novità, ora seguito dalla Cina, una prima in quanto in passato erano soprattutto Germania e Gran Bretagna» ci spiega Cavalli che non manca di renderci attenti al fatto che l'organizzazione online porta anche dei risvolti positivi: «Non tutto il male vien per nuocere, sono due gli aspetti positivi: possiamo avere più partecipanti del solito; considerate le ristrettezze logistiche abbiamo sempre cercato di limitare a 3'600 partecipanti, ora invece da quando è in internet il programma supereremo il limite dei 4mila, e inoltre potremo ospitare da remoto ricercatori e medici dei Paesi più poveri che in passato non avevano disponibilità per la trasferta».

Nuovi traguardi della medicina

A Lugano, dunque, si continueranno a presentare i nuovi traguardi della medicina: «Uno dei temi principali verterà su una valutazione più oggettiva della nuova tecnologia legata all'uso di cellule linfatiche trasformate e che va a sostituire i vecchi trapianti. L'altra grande novità tocca gli anticorpi bis-specifici, simili a quelli sviluppati dall'Irb per il Covid» ci illustra i contorni scientifici il professore. Poi con lui passiamo a quelli prettamente logistici che lasciano, a causa della modalità virtuale, qualche dispiacere soprattutto al settore alberghiero: «Indubbiamente avendo dovuto opzionare circa 2'500 camere già due anni fa il lavoro grosso è stato anche quello di dover annullare tutto, così come alcune manifestazioni parallele che avevamo previsto per il Quarantesimo. Il coronavirus ci ha scompigliato tutto, dovendo alla fine optare per la marcia indietro subito comunicata agli albergatori. Un modo ibrido organizzativo, infatti, ci avrebbe caricato troppo di costi. Pensi che solo per l'online dobbiamo utilizzare 4 canali diversi contemporanei, raccogliere le domande, considerare i fusi orari di un'ottantina di Stati e le possibile panne informatiche».

Lorenzo Pianezzi, presidente di Hotelleriesuisse Ticino, è realista: «Il congresso ha un impatto molto importante non solo su Lugano ma sul resto di tutto il cantone. Ci salva il fatto che oltre ad essere votati al turismo congressuale possiamo beneficiare quale giusto mix anche del leisure. Perdiamo quindi il congresso ma abbiamo comunque una buona occupazione da parte di chi trova ancora difficile viaggiare, in particolare all'estero». Fosse stato fra novembre e marzo, invece, periodo solitamente più calmo? Nessuna volontà peraltro di chiedere di spostare proprio in questi mesi questo importantissimo simposio? «Per antonomasia non siamo capricciosi e perciò non vogliamo e non abbiamo mai voluto dettare l'agenda del professor Cavalli. Abbiamo con loro già un ottimo compromesso riguardo ai prezzi delle strutture ricettive. Non vogliamo infatti che laddove vi è una forte domanda vi sia nel contempo un'esasperazione dei costi, non è davvero quello che vogliamo. Non dobbiamo spremerli ma coltivarli, ciò porta indotto per tutti, dai ristoranti ai negozi, come un buon incastro del Tetris».

Sull'altro fronte: alberghi-autogestione

Apriamo a questo punto una parentesi, o meglio cambiamo fronte: l'autogestione che in queste ultime settimane ha tenuto banco nelle strade di Lugano e non solo, come viene percepita dagli albergatori? C'è fastidio, preoccupazione? «Non l'abbiamo avvertita negativamente. Tutte le forme di manifestazione ci sono sembrate nel limite della sopportabilità dell'evento, e dunque in generale non hanno creato malumore. È chiaro che l'immagine di Lugano e del territorio in generale va tutelata, almeno per il quieto vivere di tutti» risponde infine Pianezzi.

Leggi anche:

Il Congresso sui linfomi di Lugano in modalità virtuale

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
congresso franco cavalli linfomi maligni lorenzo pianezzi lugano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved