ars-medica-la-perizia-scagiona-il-dottore-indagato
Gli esterni della clinica di Gravesano (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Plr di Lugano, ‘Bertini è una scelta vincente’

L’ex sindaco Giorgio Giudici critica il Municipio che ‘ha vissuto di rendita’. E non ha dubbi sull’ex vicesindaco ’è l’unica figura forte’
Ticino
1 ora

La sinistra che non mobilita (più)

Dopo il sì al decreto sul contenimento della spesa, l’area progressista si interroga sulle ragioni della sconfitta. Con preoccupazione
Mendrisiotto
1 ora

Corsia per i Tir, sull’A2 spuntano i picchetti

Una missiva del Datec ha annunciato ai Municipi del Basso Mendrisiotto l’avvio dell’iter verso il varo del cantiere tra Coldrerio e Balerna
Locarnese
8 ore

Locarno, revocato il credito per l’autosilo ai Monti

Vizi di forma: il legislativo deve fare marcia indietro. Rinnovato l’Ufficio presidenziale: nuovo primo cittadino è Mauro Belgeri (Per Locarno)
Ticino
9 ore

Riaperta la A2 in direzione sud su una corsia

Era stata chiusa per un veicolo in fiamme. Su Twitter la Polizia cantonale segnala rallentamenti tra Maroggia e Mendrisio
Bellinzonese
9 ore

Sorpassi a Giubiasco, ex Oratorio archiviato fra le critiche

Votati dal Cc il credito suppletorio di 2,71 milioni e la sistemazione esterna. Il conto finale sale da 8 a quasi 11 milioni
Luganese
10 ore

Lugano, la Coppa svizzera svetta sul tavolo del Municipio

All’inizio della seduta di Consiglio comunale, applausi alle parole di Michele Campana e di Olivier Custodio, l’autore del parziale vantaggio di 2 a 1
Bellinzonese
11 ore

Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute

Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Luganese
11 ore

In un libro l’opera omnia poetica di Valeria Masoni

Si tratta del primo volume, che raccoglie le poesie scritte fra il 1944 e il 1957. Perlopiù inedite: solo alcune sono state pubblicate in passato
13.06.2021 - 16:13

Ars Medica, la perizia scagiona il dottore indagato

Il parere esterno chiesto dalla Procura esclude le false operazioni del neurochirurgo alla clinica di Gravesano segnalato dal Medico cantonale

È escluso che il neurochirurgo sotto inchiesta penale abbia praticato un approccio terapeutico tipo ‘sham surgery' in alcuni interventi eseguiti all'Ars Medica di Gravesano. La conclusione della perizia ordinata dalla procuratrice pubblica Marisa Alfier, di fatto, potrebbe scagionare il dottore finito sotto inchiesta dopo segnalazioni al Ministero pubblico di presunte false operazioni. L'esito del parere esterno, come ha riportato oggi il settimanale 'Il Caffé', chiesto al professor Davide Locatelli e al dottor Giorgio Minonzio, è un elemento fondamentale delle indagini e potrebbe far cadere le accuse nei confronti del medico indagato. Secondo i due medici lombardi, gli interventi sono stati effettivamente eseguiti, anche se in alcuni casi con tecniche troppo conservative. I casi sono quattro e riguardano altrettanti pazienti operati – tra il 2015 e il giugno 2019 – dal neurochirurgo ora sotto inchiesta penale. I quattro pazienti si sono successivamente rivolti al Centro specialistico del Civico, dove sorsero dei sospetti che le operazioni non fossero state eseguite.

Gli interventi alla schiena sono stati eseguiti

L'inchiesta penale è scattata, lo ricordiamo, nei primi mesi del 2019. L'artefice della segnalazione al Ministero pubblico è il Medico cantonale, Giorgio Merlani, che prese la decisione di avvertire gli inquirenti, dopo aver valutato le considerazioni di un équipe di specialisti dell'Ente ospedaliero cantonale (Eoc). Nel mirino c'erano quattro operazioni sospette. Come riporta il settimanale, le analisi eseguite al Neurocentro e le successive denunce alla Procura sono sostanzialmente le stesse. Sospetto concreto, più che concreto secondo l’équipe, di "false operazioni". In parole più semplici, si trattava di interventi eseguiti alla schiena, con l’obiettivo di decomprimere dei nervi. Ebbene, stando alla perizia, "l'atto terapeutico simulato (una sorta di placebo interventistico/chirurgico) comporta la realizzazione di tutte le manovre di approccio ma l’astensione della procedura dichiarata vera e propria (assenza di legature, di ablazioni o di attivazione di device impiantati)... Si può affermare che il neurochirurgo sotto inchiesta non sembra, relativamente ai quattro casi presi in considerazione, aver avuto in corso alcun protocollo di questa tipologia né si sia manifestamente orientato in tal senso in tutti gli atti chirurgici praticati".

Richiesta di risarcimento pendente

Nel frattempo, l'Ars Medica ha presentato la propria richiesta di risarcimento al Dipartimento della sanità e della socialità e all'Eoc. Un risarcimento presentato nei mesi scorsi con l'inchiesta penale ancora in corso, per evitare che scadessero i termini per l'inoltro. La richiesta è stata quantificata in oltre un milione di franchi. La somma riguarda 'semplicemente' una cifra tecnica e non tiene conto del più ingente danno all'immagine. Dovesse riceverla, l'Ars Medica, la devolverebbe a "Genolier Foundation", fondazione a scopo benefico appartenente allo stesso gruppo. L'esito della perizia rappresenta chiaramente un punto a favore della clinica di Gravesano e del professionista indagato. Da noi interpellati i vertici dell'istituto hanno preferito non commentare la notizia. Un fatto è sicuro: la pubblicazione sui media dell’apertura di un’inchiesta penale a carico di un neurochirurgo che operava all’Ars Medica, ha causato un danno non quantificabile all'immagine della clinica. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ars medica false operazioni escluse neurochirurgo perizia procura
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved