WAS Capitals
5
COL Avalanche
2
3. tempo
(2-1 : 2-1 : 1-0)
PIT Penguins
1
DAL Stars
1
overtime
(0-1 : 1-0 : 0-0 : 0-0)
NJ Devils
3
SEATTLE KRAKEN
1
2. tempo
(2-0 : 1-1)
TB Lightning
1
FLO Panthers
3
3. tempo
(0-0 : 0-1 : 1-2)
MON Canadiens
0
SJ Sharks
5
3. tempo
(0-3 : 0-1 : 0-1)
BUF Sabres
5
VAN Canucks
2
3. tempo
(1-2 : 1-0 : 3-0)
DETROIT RED WINGS
0
COB Jackets
0
2. tempo
(0-0 : 0-0)
CHI Blackhawks
0
NY Islanders
1
2. tempo
(0-0 : 0-1)
NAS Predators
0
LA Kings
1
2. tempo
(0-0 : 0-1)
MIN Wild
2
WIN Jets
3
2. tempo
(2-2 : 0-1)
EDM Oilers
1
ANA Ducks
1
1. tempo
(1-1)
abusi-al-cantiere-del-campus-niente-appalti-per-garzoni-sa
Brutta figura per uno dei più grossi cantieri pubblici degli ultimi anni (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 ore

‘Cresciuti fra i binari’, la vita ai Domus di Chiasso

Un libro racconta l’emozionante vissuto di chi ha abitato i tre palazzi accanto alla ferrovia ai margini della cittadina di confine di allora
Ticino
6 ore

Risanamento Ipct, i sindacati non esultano

Vpod e Ocst non osteggiano la soluzione di compromesso raggiunta in Gestione, ma fanno capire di preferire il finanziamento diretto
Ticino
7 ore

Impianti di risalita, il credito da 5,6 milioni scende in pista

Il Gran Consiglio dà luce verde al rapporto commissionale. Caprara (Plr): ‘Non è una cambiale in bianco, ci sono criteri da ottemperare’
Ticino
7 ore

Pareggio di bilancio agendo ‘prioritariamente’ sulla spesa

Il Gran Consiglio dà via libera all’iniziativa Udc emendata dalla proposta del Plr per rendere ‘meno rigido’ il testo. Sinistra sulle barricate
Luganese
7 ore

Torricella-Taverne, il Municipio torna alla collegialità

Dopo la polemica pubblica, la segnalazione agli Enti locali e il rimpasto dicasteriale, l’esecutivo torna sulla collegialità e sulla confidenzialità
Luganese
7 ore

Ha truffato il principe di Genova, condannato a 24 mesi

La sentenza è stata emessa dalla Corte delle Assise criminali di Lugano nei confronti di un 66enne che gli ha sottratto 817mila franchi
Ticino
8 ore

Covid Pass, cinque le multe in Ticino

Sono 531 i controlli effettuati dalla polizia da quando è entrato in vigore l’obbligo del certificato nella ristorazione
Bellinzonese
8 ore

Fc Lugano femminile, 50 anni di vita racchiusa in una mostra

A Vezia giovedì 21 ottobre si inaugura un’esposizione sulla storia della squadra e le sue protagoniste
Bellinzonese
9 ore

Ppd Giubiasco e Valle Morobbia in assemblea

Appuntamento per mercoledì 27 ottobre alle 20 all’Angolo d’Incontro
Locarnese
9 ore

Moscia-Acapulco, Gordola ricorre al Gran Consiglio

Il Municipio contesta la chiave di riparto Cantone-Comuni per il finanziamento della galleria, che non godrebbe di alcun sussidio federale
Grigioni
10 ore

Santa Maria nel Parco Val Calanca? ‘Un valore aggiunto’

Stando al direttore Henrik Bang e a uno studio di fattibilità, l’estensione del perimetro valorizzerebbe il patrimonio naturale e culturale
Luganese
10 ore

Tumore al seno, sensibilizzazione alla diagnosi precoce

Incontro pubblico promosso dal Centro di senologia della Clinica Sant’Anna in occasione di ‘ottobre rosa’ il 27 ottobre
Locarnese
10 ore

Gambarogno, per quel terreno vecchi accordi troppo vaghi

Di proprietà del Comune, ospita stabili patriziali e in futuro forse sarà usato per l’ampliamento della discarica di inerti. Pronta una Convenzione
Locarnese
10 ore

Locarno, un semaforo e due taxi: la Lega interroga

Dubbi sull’utilità dell’impianto in via Franzoni e domande su tassisti provenienti da fuori città
Luganese
 
11.06.2021 - 18:000
Aggiornamento : 23:00

Abusi al cantiere del Campus: niente appalti per Garzoni Sa

Violazione della legge sulle commesse pubbliche, dumping salariale e concorrenza sleale: la ditta non potrà partecipare ai concorsi per 5 mesi

Il caso destò scalpore quando a inizio aprile 'laRegione' pubblicò il primo di una serie di articoli. Sì, perché, i rimproveri di gravi abusi edilizi riguardavano uno dei più importanti cantieri pubblici del cantone che diede alla luce il Campus Est di Supsi e Usi a Viganello, costruito sul sedime ex Campari. Tanto che a segnare la rilevanza e la valenza strategica della struttura, all'inaugurazione in pompa magna, giunse anche il presidente della Confederazione Guy Parmelin. Non solo. L'edificazione costò oltre 126 milioni di franchi. Sul Foglio ufficiale di oggi sono apparse le decisioni: l'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche, sulla base della risoluzione del Consiglio di Stato risalente al 14 aprile scorso, (due settimane dopo il nostro primo articolo, ndr.), ha escluso la ditta Garzoni Sa di Lugano dall'aggiudicazione di tutte le commesse pubbliche soggette alla Legge sulle commesse pubbliche e al Concordato intercantonale sugli appalti pubblici per cinque mesi, da oggi e fino al 10 novembre prossimo. Lo stesso provvedimento è stato preso, per tre mesi, nei confronti della ditta Pleschina Armierungen GmbH di Lugano, che nel frattempo è tuttavia fallita e pure, sempre per tre mesi, della Die Akkordunternehmung Schweiz Ag di Lucerna (ora Bauunnion Sa).

Poretti: 'Attendevo una sanzione più esemplare'

«Cinque mesi di sospensione dagli appalti pubblici per una società – la Garzoni Sa – che ha imbrogliato gravemente è un provvedimento, tutto sommato, lieve. Mi sarei aspettato una sanzione più esemplare – commenta Matteo Poretti, sindacalista di Unia –. D'altro canto, sappiamo come vanno queste cose in Ticino. Sono comunque decisioni significative, crescite in giudicato, che hanno certificato le responsabilità dirette delle tre imprese che hanno crassamente violato la legge sulle commesse pubbliche e il bando di concorso. Nel cantiere era in atto un subappalto del subappalto». È la Garzoni Sa ad aggiudicarsi, quattro anni fa, il bando di concorso per le opere di impresario costruttore per il nuovo campus universitario. In seguito, il sindacato viene a conoscenza dell’esistenza di un appaltatore di primo grado per la posa d’acciaio d’armatura che è una delle tre ditte sanzionate: La DIE Akkordunternehmung Schweiz Ag, società lucernese con succursale a Lugano. Poi, scopre che i lavoratori sono della Pleschina Armierungen GmbH di Thun e che entra in scena una quarta ditta di Zurigo. E qui suona l'allarme.

Subappalto di subappalto e la voragine

Unia ha scoperchiato un vero e proprio vaso di Pandora parlando pubblicamente di una voragine di 680'000 franchi circa creato dalle società che si sono susseguite sul cantiere. La scoperta fece scattare la segnalazione all'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche (Uvcp) del Dipartimento del territorio. Di più: nel cantiere era in atto un subappalto del subappalto e i ferraioli della Pleschina hanno dichiarato di aver lavorato su chiamata nonostante i contratti firmati parlassero di un rapporto di lavoro al 100% a tempo indeterminato. Una pratica vietata dal Contratto nazionale mantello dell’edilizia e dal Contratto collettivo di lavoro vigente in Ticino. In seguito, verso la fine dei lavori di posa, la società ha smesso di pagare salari e oneri sociali. Pertanto, Unia ha contattato il committente del cantiere: il consorzio fra Usi e Supsi. Stando al sindacato, il consorzio è intervenuto sospendendo l'attività degli operai della Pleschina, richiedendone contratti di lavoro e la documentazione. Ma, nel giro di una decina di giorni, i lavori riprendono: il subappaltatore della posa non sarebbe più la DIE Akkordunternehmung ma la Pleschina. Tuttavia, nello stesso lasso di tempo, la maggioranza delle azioni della seconda vengono comprate dalla prima. Insomma, situazioni intollerabili per un cantiere pubblico da oltre 126 milioni di franchi. Da qui, le segnalazioni al Consiglio di Stato e le reazioni critiche di Lelia Guscio, presidente della Commissione formazione e cultura del Gran Consiglio, di Nicola Bagnovini, direttore della Ssic-Ticino e del sindaco di Lugano Marco Borradori.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved