il-mattino-applaude-il-ps-condanna
Ti-press/Gianinazzi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 min

Il racconto della mafia negli occhi delle donne

A Vacallo va in scena uno spettacolo di teatro-canzone nel trentesimo delle stragi di Capaci e via D’Amelio a Palermo
Luganese
17 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
17 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
23 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
23 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
1 gior

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
30.05.2021 - 08:56
Aggiornamento : 19:18

Il Mattino applaude, il Ps condanna

Prime reazioni politiche allo sgombero con demolizione dell'ex Macello di Lugano, negli scritti di Quadri e Ghisletta

Di segno opposto le prime reazioni politiche allo sgombero dell'ex Macello di Lugano, sede del centro sociale autogestito Csoa il Molino, con successiva demolizione della parte di stabile occupata. Festeggia il 'Mattino della domenica': per la firma del municipale (e direttore del giornale leghista) Lorenzo Quadri: "I sedicenti autogestiti pensavano evidentemente di prendere l’autorità per i fondelli ancora una volta. Si credevano intoccabili ed al di sopra di ogni regola. Immaginavano di tenere in ostaggio la Città all’infinito. Ebbene, è andata buca". "Avendo i molinari ribadito in tutte le salse che di sedi alternative non ne vogliono, semplicemente non avranno. Adesso che finalmente il Municipio è riuscito a liberare la topaia sul Cassarate, dovrebbe mettere a disposizione - sempre degli stessi soggetti - altri stabili? Ma anche NO!" In definitiva, conclude Quadri, Molinari via dall’ex Macello e via anche da Lugano! Che vadano ad insediarsi in qualche Comune con maggioranze politiche gauche-caviar: saranno di certo bene accetti. O vuoi vedere che $inistrati e radikalchic sono favorevoli all’autogestione - che nel caso concreto è semplice anarchia - ma solo in casa d’altri?"

Il Partito socialista ha reagito già in serata con un comunicato condannando gli sgomberi a Lugano, quello del Molino "come pure l'azione affrettata di sgombero della polizia in atto presso l'ex Istituto Vanoni. Dopo una manifestazione a sostegno dei “molinari” nel pomeriggio, che pur non essendo autorizzata si è svolta senza incidenti, nel tardo pomeriggio alcune decine di partecipanti hanno occupato lo stabile dell’ex Istituto Vanoni, stabile vuoto da alcuni anni.Pur non avendo verosimilmente alcuna richiesta giuridicamente valida in tal senso da parte del proprietario dell'ex Vanoni, la polizia ha immediatamente circondato l’edificio, per impedire l’uscita dei manifestanti e ha poi deciso di sgomberare l'edificio privato. Siamo in un clima politico surreale che misconosce le realtà culturali alternative e calpesta il principio della proporzionalità delle azioni in questo ambito, al contrario di quanto avviene nelle città svizzere. Un agire foriero di scontri e violenza. Il PS auspica che a Lugano si riapra una fase di dialogo con le realtà autogestite grazie all'intervento di una mediazione del Governo cantonale" scrive presidente uscente Raoul Ghisletta.

Da parte sua l'Mps “esprime la sua totale solidarietà al Molino e all’autogestione e condanna senza riserve l’intervento repressivo della polizia”, si legge in un comunicato odierno. Stando al Movimento per il socialismo “non si può credere che non fosse tutto già preparato e organizzato, l’ingente schieramento di polizia (proveniente anche dal canton Vaud e aiutato da alcuni personaggi dell’estrema destra luganese) e l’entrata in azione immediata delle ruspe non sono cose che si possono decidere in poche ore: evidentemente il Municipio voleva arrivare allo scontro e chiudere con la forza la partita dell’autogestione, e questo ha fatto”. Inoltre, “le promesse di voler aprire al dialogo, addirittura, di aver già pronta una proposta per una soluzione alternativa si sono sciolte come neve al sole e in queste ore si sono rivelate per quello che erano: semplicemente balle”. Insomma, per l'Mps si tratta di “un bruttissimo segnale di come questo ‘nuovo’ esecutivo intende affrontare le questioni politiche che si pongono e che si porranno nei prossimi anni”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ex macello ghisletta lega mattino ps quadri
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved