27.05.2021 - 15:21
Aggiornamento: 19:40

Ex allenatore volontario Hcl in aula per coazione sessuale

Parzialmente reo confesso, il cinquantenne ex municipale di Canobbio, a processo alle Criminali di Lugano accusato di abusi su minorenni

di Guido Grilli
ex-allenatore-volontario-hcl-in-aula-per-coazione-sessuale
TI-PRESS
L'aula penale

Ripetuta coazione sessuale, atti sessuali con fanciulli e pornografia: sono questi i capi di imputazione dei quali dovrà rispondere a processo a partire da martedì prossimo, 1 giugno, davanti alla Corte delle assise criminali di Lugano, l'ex allenatore volontario del settore giovanile dell'Hockey Club Lugano, che tra il 2001 e il 2013, avrebbe abusato sessualmente di tre minorenni che allora militavano nella squadra, adescandoli e portandoli al proprio domicilio, dove si sarebbero svolti i fatti. Il cinquantenne, arrestato il 4 ottobre 2016 e parzialmente reo confesso, dovrà rispondere degli stessi reati anche su un quarto ragazzino della sua cerchia familiare. Decine, secondo l'inchiesta penale condotta dalla procuratrice pubblica, Chiara Borelli, sarebbero stati gli episodi compiuti dall'uomo. 

La perizia psichiatrica non ammette alcuna scemata responsabilità 

Il cinquantenne, ex municipale e per più legislature già consigliere comunale a Canobbio, di professione insegnante, difeso dall'avvocato Roberto Rulli, si presenterà al processo a piede libero. L'Hockey club Lugano, nell'autunno 2016, subito dopo aver appreso dell'arresto dell'ex allenatore e le ipotesi di reato, ha disposto nei suo confronti una diffida che gli vieta categoricamente di avvicinarsi alla pista di ghiaccio della Corner Arena. Il processo si svolgerà sull'arco di due giorni. La Corte delle assise criminali di Lugano sarà composta dai giudici, Mauro Ermani (presidente), Monica Sartori-Lombardi e Aurelio Facchi e dagli assessori giurati. La perizia psichiatrica, svolta dopo l'arresto del cinquantenne, non ammette alcuna scemata responsabilità.  

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved