cartellino-rosso-ex-capo-della-biglietteria-hcl-condannato
TI-PRESS
La Corte ha rifatto i conti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
7 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
7 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
8 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
8 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
9 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
9 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
9 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
9 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
20.05.2021 - 12:28
Aggiornamento : 17:54

Cartellino rosso, ex capo della biglietteria Hcl condannato

Inflitta pena pecuniaria sospesa per appropriazione indebita a un 52enne. Nella stagione 2017-18 si era intascato 50 mila franchi

Negava tutto, ma la Corte non gli ha creduto e dopo un meticoloso lavoro di ricostruzione contabile ha emesso un verdetto di condanna. L'ex capo della biglietteria dell'Hockey Club Lugano, 52 anni, reo di aver compiuto innumerevoli storni contabili ingiustificati nella vendita di abbonamenti ai tifosi per la stagione 2017-18, intascandosi oltre 50 mila franchi, è stato riconosciuto colpevole di ripetuta appropriazione indebita. La pena, inflitta dal giudice Siro Quadri, presidente della Corte delle Assise correzionali di Lugano, è stata di 120 aliquote giornaliere di 100 franchi l'una sospese con la condizione per un periodo di prova di due anni e una multa di 1000 franchi. L'imputato è stato invece prosciolto dal reato di falsificazione di documenti. La richiesta di risarcimento del maltolto, avanzata dall'avvocato Edy Meli, rappresentante dell'accusatore privato, è stata rinviata al foro civile. 

A conti fatti, l'ex capo della biglietteria ha compiuto 47 storni ingiustificati

Lo storno contabile è un'operazione di annullamento di un'operazione, che è ammessa solo se giustificata - ha evidenziato il giudice Quadri durante la lettura della sentenza. E le operazioni compiute dal 52enne avevano altri fini, appropriarsi indebitamente del denaro, finito appunto nelle tasche dell'imputato. La Corte ha ripercorso interamente la perizia contabile agli atti. L'esito? L'ex capo della biglietteria, che aveva giustificato il suo agire sostenendo di aver compiuto storni contabili durante il pagamento degli abbonamenti nella stagione hockeystica 2017-18, perché talora i tifosi chiedevano di cambiare posto in tribuna o sugli spalti oppure perché non avevano con sé i soldi per pagare l'abbonamento annuale, è stato sbugiardato. La Corte, infatti, non ha trovato nessun riscontro relativo alle tesi addotte dal 52enne, che è dunque stato condannato.

L'uomo era stato indagato nel novembre 2017, dopo che da controlli di cassa erano emerse operazioni non chiare, specie durante la chiusura di giornata. Di qui il licenziamento da parte della direzione del club e l'avvio dell'inchiesta da parte dell'allora pp Fiorenza Bergomi (incarto ereditato in aula dal nuovo pp. Daniele Galliano). L'imputato, difeso dall'avvocato Raffaele Caronna, che si era battuto per l'assoluzione, aveva dichiarato sin dal suo primo interrogatorio: "Di soldi non ne ho presi". Ma la Corte è giunta a una conclusione diametralmente opposta. Molti gli indizi a suo sfavore, fra cui quello che uno storno contabile, di regola, viene svolto pochi minuti dopo un'operazione. Invece le verifiche del giudice hanno appurato che esse avvenivano ore dopo, l'indomani o persino nei giorni festivi, addirittura a... ferragosto. «La tesi dell'imputato vacilla anche attorno alle dichiarazioni rese dalle due cassiere, che hanno svolto rari storni e giustificati» - ha infine evidenziato la Corte. 

 

 

 

 

Leggi anche:

Quei soldi 'spazzati' all'Hockey club Lugano

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
52enne appropriazione indebita biglietteria condannato ex capo stagione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved