ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

La Imerys di Bodio taglia sei impieghi

Non sono attualmente noti i motivi dei licenziamenti, che seguono ai quattordici del 2018 ma anche agli ingenti investimenti di due anni fa
Ticino
5 ore

Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’

L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
5 ore

Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia

Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
6 ore

Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale

Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
6 ore

Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente

Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
7 ore

Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’

Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
7 ore

Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio

Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Mendrisiotto
8 ore

L’economia su scala locale e il coraggio di cambiare

Se ne è parlato a una tavola rotonda patrocinata a Chiasso dal Comune e dal Centro culturale
Mendrisiotto
8 ore

Mendrisio non ha un vicesegretario comunale

Dopo il pensionamento di Roberto Crivelli, la Città non ha ancora pubblicato il concorso per il successore e il gruppo Lega-Udc-Udf ne chiede conto
20.05.2021 - 12:28
Aggiornamento: 17:54

Cartellino rosso, ex capo della biglietteria Hcl condannato

Inflitta pena pecuniaria sospesa per appropriazione indebita a un 52enne. Nella stagione 2017-18 si era intascato 50 mila franchi

di Guido Grilli
cartellino-rosso-ex-capo-della-biglietteria-hcl-condannato
TI-PRESS
La Corte ha rifatto i conti

Negava tutto, ma la Corte non gli ha creduto e dopo un meticoloso lavoro di ricostruzione contabile ha emesso un verdetto di condanna. L'ex capo della biglietteria dell'Hockey Club Lugano, 52 anni, reo di aver compiuto innumerevoli storni contabili ingiustificati nella vendita di abbonamenti ai tifosi per la stagione 2017-18, intascandosi oltre 50 mila franchi, è stato riconosciuto colpevole di ripetuta appropriazione indebita. La pena, inflitta dal giudice Siro Quadri, presidente della Corte delle Assise correzionali di Lugano, è stata di 120 aliquote giornaliere di 100 franchi l'una sospese con la condizione per un periodo di prova di due anni e una multa di 1000 franchi. L'imputato è stato invece prosciolto dal reato di falsificazione di documenti. La richiesta di risarcimento del maltolto, avanzata dall'avvocato Edy Meli, rappresentante dell'accusatore privato, è stata rinviata al foro civile. 

A conti fatti, l'ex capo della biglietteria ha compiuto 47 storni ingiustificati

Lo storno contabile è un'operazione di annullamento di un'operazione, che è ammessa solo se giustificata - ha evidenziato il giudice Quadri durante la lettura della sentenza. E le operazioni compiute dal 52enne avevano altri fini, appropriarsi indebitamente del denaro, finito appunto nelle tasche dell'imputato. La Corte ha ripercorso interamente la perizia contabile agli atti. L'esito? L'ex capo della biglietteria, che aveva giustificato il suo agire sostenendo di aver compiuto storni contabili durante il pagamento degli abbonamenti nella stagione hockeystica 2017-18, perché talora i tifosi chiedevano di cambiare posto in tribuna o sugli spalti oppure perché non avevano con sé i soldi per pagare l'abbonamento annuale, è stato sbugiardato. La Corte, infatti, non ha trovato nessun riscontro relativo alle tesi addotte dal 52enne, che è dunque stato condannato.

L'uomo era stato indagato nel novembre 2017, dopo che da controlli di cassa erano emerse operazioni non chiare, specie durante la chiusura di giornata. Di qui il licenziamento da parte della direzione del club e l'avvio dell'inchiesta da parte dell'allora pp Fiorenza Bergomi (incarto ereditato in aula dal nuovo pp. Daniele Galliano). L'imputato, difeso dall'avvocato Raffaele Caronna, che si era battuto per l'assoluzione, aveva dichiarato sin dal suo primo interrogatorio: "Di soldi non ne ho presi". Ma la Corte è giunta a una conclusione diametralmente opposta. Molti gli indizi a suo sfavore, fra cui quello che uno storno contabile, di regola, viene svolto pochi minuti dopo un'operazione. Invece le verifiche del giudice hanno appurato che esse avvenivano ore dopo, l'indomani o persino nei giorni festivi, addirittura a... ferragosto. «La tesi dell'imputato vacilla anche attorno alle dichiarazioni rese dalle due cassiere, che hanno svolto rari storni e giustificati» - ha infine evidenziato la Corte. 

 

 

 

 

Leggi anche:

Quei soldi 'spazzati' all'Hockey club Lugano

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved