ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
37 min

Castel San Pietro, ‘Troppi rifiuti... facciamo la nostra parte’

Conferenza indetta dal Ppd e Gg per mercoledì 5 ottobre. Si parlerà anche del progetto dell’Acsi, “Comune Zero Rifiuti”
Mendrisiotto
43 min

Percorsi manzoniani a LaFilanda di Mendrisio

A partire da domenica 2 ottobre incontri letterari con i personaggi de I Promessi sposi
Luganese
51 min

Misure di efficienza energetica a Collina d’Oro

A breve interventi di risparmio in stabili, strutture e attività comunali ‘senza pregiudicare la sicurezza e il lavoro dell’amministrazione’
Luganese
1 ora

Non Profit Day a Villa Negroni il 1° ottobre

L’evento dedicato alle associazioni, fondazioni, cooperative e imprese sociali che operano sul territorio
Mendrisiotto
1 ora

Assemblea del Partito popolare democratico di Stabio

Temi: il cambiamento del nome del partito e le prossime elezioni cantonali
Luganese
1 ora

Il sì e il no: le azioni educative in un incontro a Tesserete

Conferenza per genitori e insegnanti sul volume della ricercatrice Silvana Tiani Brunelli
Locarnese
2 ore

Alcuni grandi temi di Locarno nella serata con la sezione Plr

Domani alla Spai una discussione sul territorio del quartiere Rusca e Saleggi: dal comparto Ex-Gas/Macello alla variante di Pr Marina
Luganese
2 ore

Besso, la Biblioteca dei ragazzi compie 40 anni + 2

Domenica 9 ottobre storie e clownerie. Ogni anno 600 bambini portano a casa più di mille libri.
Luganese
2 ore

Massagno, riapre Casa Pasquée. Si ricomincia da Luigi Taddei

Esposizione al via in occasione dei trent’anni dalla scomparsa dell’artista ticinese
Luganese
2 ore

Lugano, ingranata la marcia sul Polo congressuale

Il Municipio informa l’Interpartitica: imminenti i messaggi sull’acquisto dello stabile Rsi di Besso e sul comparto Campo Marzio Nord
Ticino
2 ore

Vent’anni di Strade Sicure e ‘il Ticino torna nella media’

Il numero di incidenti a sud delle Alpi è calato del 63% in 20 anni, rientrando in linea con i dati nazionali
Mendrisiotto
2 ore

Stabio, nuovi contenitori interrati per i sacchi in arrivo

I giorni di raccolta rifiuti porta a porta diminuiranno da due a uno. Chi vorrà potrà smaltirli al campo sportivo Montalbano, in via Giulia e in via Boff.
Luganese
17.05.2021 - 17:06
Aggiornamento: 18:32

Quarant'anni di sostegno ai tossicodipendenti

Per l'Associazione L'Ancora, che ha attraversato un periodo complicato dalla pandemia e da questioni di personale

quarant-anni-di-sostegno-ai-tossicodipendenti
Ti-press

Correva il lontano 1981 quando nei cinema tedeschi usciva "Christiane F - Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino", storia di prostituzione minorile, droga e morte, mentre negli Stati Uniti veniva riconosciuto il virus dell'Aids, che avrebbe mietuto numerose vittime (anche) tra i tossicodipendenti. A Lugano un gruppo di persone di varia estrazione dava vita all'associazione l'Ancora, che oggi come allora ha per scopo "La prevenzione e la cura, nei modi ritenuti più opportuni, delle conseguenze cagionate da consumo di stupefacenti". Nell'84, aprì il centro terapeutico di Villa Argentina. Quarantanni dopo quel fatidico 1981 ci sono sempre loro, il presidente Fulvio Pelli, il direttore Mirko Steiner e il segretario Gianrico Corti: a commentare l'ennesimo esercizio di questa doppia struttura, che oltre alla Villa di Viglio gestisce la sede di corso Elvezia a Lugano, e le vacanze nella casa del Luzzone, in val di Blenio. Un incontro annuale con la stampa che è anche occasione per fare il punto sul tema delle dipendenze e delle strategie di recupero di chi ne è rimasto vittima, sia con ricovero residenziale che per via ambulatoriale.

Da Christiane F al fentanyl

Il contesto è radicalmente cambiato nel giro di quattro decenni, non foss'altro per il tipo di sostanze che vanno per la maggiore. Oggi si parla soprattutto di cocaina ("che troppo spesso viene banalizzata" dice il direttor Steiner) ma anche di supporti farmaceutici come antidolorifici e ansiolitici, tramutati in via di fuga quotidiana, oppure nuove sostanze che 'piovono' dai quattro angoli del pianeta: ora è il momento del  fentanyl, un oppioide sintetico assai pericoloso.

In un mondo che cambia, l'attività dell'Ancora prosegue in modo abbastanza regolare, per quanto l'ultimo anno sia stato condizionato, come tante altre cose, dalla pandemia di coronavirus. Che, nel particolare ambito, durante la fase acuta del lockdown ha inizialmente ridotto l'arrivo di utenti a Villa Argentina e corso Elvezia, attività che è tornata ad aumentare col periodo di 'libertà' estivo. Nel frattempo a livello pratico le strutture avevano daffare per isolarsi rispetto al pericolo di contagio: a conti fatti sono risultati positivi al virus soltanto due operatori. Se su piano igienico problemi gravi sono stati scongiurati, a risentirne sono stati da una parte l'attività terapeutica e di reinserimento degli ex tossicodipendenti nel mondo del lavoro. "I contatti con gli uffici preposti all'inserimento professionale (Urc, Orientamento, Scuole) sono stati più difficoltosi, quindi alcuni obiettivi a questo livello non sono stati realizzati come previsto., oppure rinviati nel tempo". A proposito, accanto alle tradizionali attività di Villa Argentina nel campo del restauro di mobili, all'agricoltura e all'edilizia, è intenzione introdurre anche una formazione di cuoco, grazie all'ingaggio di uno chef professionista.

L'80% degli utenti sono maschi

In cifre, si conferma una netta preponderanza di utenti di sesso maschile, 80% del totale e un progressivo invecchiamento delle persone seguite, vi sono un 32% di over 40 e persino alcuni ultrasessantenni, fenomeno quello dei pensionati 'tossici' già rilevato da un recente studio della Supsi. La maggioranza degli utenti è presente su base volontaria, mentre il 22% della stessa è costituita da 'casi penali', vale a dire persone condannate e costrette a una terapia, in alternativa al carcere. Il 32% dei pazienti è al beneficio dell'assicurazione invalidità. Il problema del reinserimento resta innegabile, sottolinea Steiner, anche e soprattutto per la casistica trattata, dove i nemici da vincere sono, oltre alla droga, l'apatia, una certa 'resistenza' ad accettare anche determinate proposte terapeutiche.

Costi del personale

Il bilancio finanziario chiude vicino al pareggio, dice il presidente Pelli, ovviamente grazie ai paganti delle prestazioni da parte dell'ente pubblico. I conti dell'associazione hanno dovuto confrontarsi con la 'parificazione' dovuta al riconoscimento come struttura sussidiabile, con delle conseguenze a livello di costi del personale. Fulvio Pelli lamenta in particolare un livello salariale troppo alto degli operatori sociosanitari, specie se confrontato a quello degli infermieri. Un problema di 'classificazione delle professioni' che ha indotto l'associazione a rimodulare la composizione dello staff, che peraltro è soggetto a un certo turnover.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved