scuola-steiner-50-positivi-su-200-non-escludiamo-variante
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
22 min

Riva San Vitale, Beach volley ritirato ma sarà riproposto

L’Esecutivo ha ritirato il discusso messaggio sul progetto al Lido comunale e stigmatizza le ‘pressioni esterne’. Ridotto il moltiplicatore all’80%
Bellinzonese
24 min

858 posti Pci all’interno della Gottardo Arena

Approvata la liquidazione, per un importo di tre milioni di franchi, a favore della Valascia Immobiliare Sa per la realizzazione delle strutture protette
Bellinzonese
57 min

Giubiasco, prolungata la mostra Kiki Berta e il Quadrato magico

Alla Galleria Job l’esposizione sarà aperta al pubblico fino al 26 febbraio
Locarnese
58 min

Più su il livello del Lago Maggiore, preoccupato il Cantone

Il Dipartimento del territorio: “In gioco c’è la sicurezza contro le esondazioni e la tutela degli ambienti naturali protetti delle Bolle di Magadino”
Ticino
1 ora

Nel weekend test Covid al ‘drive-in’ a Rivera e in 3 check-point

Disponibili anche diverse farmacie sul territorio cantonale. Necessaria la prenotazione online
Bellinzonese
1 ora

Riviera ha più abitanti e attività economiche

Nel 2021 la popolazione è cresciuta di 65 unità mentre i nuovi insediamenti sono stati 36
Ticino
2 ore

In Ticino -13 ricoverati (-2 in cure intense) e un decesso

Calano anche i casi giornalieri. Altri 17 contagi registrati in case anziani, con 22 strutture attualmente con residenti positivi al virus
Locarnese
4 ore

Centovalli, il passaggio di consegne slitta

Armando Maggetti, municipale a interim, proseguirà con il proprio mandato fino alla prossima primavera, prima di cedere il testimone a Cristina Tanghetti
Luganese
4 ore

Carabbia, e i lavori nel nucleo e la ‘riqualifica mancata’

Una cinquantina di proprietari criticano il Municipio di Lugano, per gli interventi squalificanti e non vuole pagare gli ‘esosi’ contributi di miglioria
Luganese
7 ore

Lugano, contestato intervento edilizio in via Nassa

C’è un ricorso pendente al Tribunale amministrativo ma i finestroni son già stati posati al numero civico 54 del salotto cittadino
Mendrisiotto
7 ore

Aggregazione, il Distretto prende due strade parallele

Basso e Alto Mendrisiotto si accingono a procedere con studi separati. A seguire Vacallo sono altri quattro Comuni. Novazzano resta indeciso
10.05.2021 - 18:120
Aggiornamento : 20:37

Scuola Steiner: 50 positivi su 200. 'Non escludiamo variante'

Il medico cantonale ha ordinato il sequenziamento dei test positivi rilevati a Origlio. Merlani: 'Non sappiamo ancora cos'ha innescato questo focolaio'

I test effettuati alla scuola Steiner di Origlio hanno rilevato 50 persone positive al coronavirus su 200, con un'incidenza, dunque, del 25 per cento. Settimana scorsa l'Ufficio del medico cantonale aveva decretato la quarantena per l'intera sede e dato l'occasione a tutti di testarsi venerdì. Abbiamo chiesto alcune delucidazioni al medico cantonale Giorgio Merlani.

Dottor Merlani, come è stata possibile l'esplosione di casi così ampia?

«Non sappiamo ancora cos'ha innescato questo focolaio. Le ipotesi su cui stiamo lavorando sono due. La prima è che si tratti di una variante, motivo per il quale abbiamo mandato in laboratorio dei test per effettuare il sequenziamento del virus. L’altra ipotesi è legata alla particolarità della situazione. Gli allievi si trovano tutti nello stesso istituto, dalla scuola elementare fino al liceo. Quindi ci sono diverse età, alcune con l’obbligo della mascherina, altre no. Inoltre sono persone che si incontrano anche all'esterno e venendo da varie parti del cantone immagino che i genitori si organizzino per portare a turno i figli a scuola in macchina. Questo fa sicuramente bene al virus e non alla difesa».

Quale altra variante potrebbe essere in gioco?

«Tutte le varianti immaginabili possibili, non è esclusa neanche una nuova. Anche se non mi aspetto proprio che ci sia una variante di Origlio. Però nulla è dato per assodato. Testiamo anche per escludere questa ipotesi». 

Riguardo alle regole d'igiene cosa ci può dire? Non è l'unica scuola i cui allievi giungono da varie parti del cantone e si incontrano all'esterno.

Questa rischia di diventare una valutazione politica. Io osservo l'evoluzione del virus, mi sono fatto mandare il piano di protezione dalla scuola, che è conforme e adeguato. Ovviamente non sono fisicamente all'interno dell'istituto con gli occhi e le orecchie. C'è da dire che ogni tanto anche dalle scuole pubbliche ci giungono voci di insegnanti che non indossano sempre la mascherina. Insomma, secondo le mie informazioni la situazione non è così dissimile dal resto e non bisogna per forza pensare che un modello pedagogico ed educativo alternativo sia infarcito di persone che la vedono in modo alternativo anche sul coronavirus.

È successo tutto in pochi giorni.

«I contagi sono avvenuti molto in fretta e parallelamente, per questo motivo abbiamo deciso di fare un secondo test mercoledì a coloro che sono risultati negativi venerdì scorso. Stiamo inoltre spiegando alle famiglie che non hanno dato il consenso ai test, l'importanza di far sottoporre i ragazzi all'esame. Con una prevalenza così alta è sicuro che alcuni di quelli che non si sono fatti testare risultino positivi. Abbiamo pure chiesto alle famiglie di fare molta attenzione alle regole d'igiene e distanziamento, anche a quelle non in quarantena, per evitare che il focolaio si propaghi all'esterno». 

Si parla di test salivari per questa scuola. Qual è la differenza col tampone Pcr?

«Il test salivare è un test Pcr, la differenza è che viene fatto su un campione di saliva invece che prelevato da un tampone. Il test salivare permette di unire vari campioni in uno solo, per poi verificare se è positivo l'insieme. In questo caso però, temendo che l'incidenza fosse alta, non abbiamo fatto appunto un ‘pooling’, ma abbiamo testato ogni singolo campione di saliva separatamente e abbiamo fatto bene perché la prevalenza era molto alta».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved