GIRON M. (USA)
0
NADAL R. (ESP)
1
2 set
(1-6 : 3-5)
masseria-di-cornaredo-partito-il-restauro
Ti-press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
31 min

Terre di Pedemonte, nei nuclei storici scende la velocità

A Verscio e Cavigliano si punta alla Zona 30, mentre vari progetti accresceranno la sicurezza degli utenti deboli della strada nel comprensorio
Luganese
31 min

Alle medie di Camignolo a scuola... di migrazione

Due giorni per mettersi nei panni dei migranti, come pure delle figure professionali a loro contatto: resoconto delle giornate progetto di sede
Mendrisiotto
31 min

Chiasso, una copertura mobile per 365 giorni di nuoto

La garanzia del pallone sta per scadere. Il consigliere comunale Claudio Schneeberger presenta al Municipio un’ipotesi di lavoro per la piscina
Ticino
31 min

Caro-spaghetti & Co.: l’inflazione tocca anche il Ticino

Resta comunque inferiore rispetto all’Ue, ma alcuni beni di consumo risentono del rialzo globale. C’entrano clima, trasporti, petrolio, pandemia.
Bellinzonese
11 ore

Assemblea generale alla Domus Poetica

L’incontro è previsto giovedì 27 gennaio nella sede di Bellinzona
Ticino
11 ore

Livelli alle medie, Vpod pronta a iniziativa per eliminarli

Il sindacato dei docenti chiede al Gran Consiglio di rifiutare lo stralcio della spesa inserita nel Preventivo 2022
Bellinzonese
12 ore

Frontale a Cadenazzo, strada bloccata

Traffico fortemente congestionato sul Piano di Magadino a causa di un incidente
Ticino
12 ore

Offerta Trenord-Tilo ridotta almeno per un’altra settimana

Le assenze di macchinisti e capitreno a causa della pandemia si fanno ancora sentire. Soppresse anche tutte le linee notturne
Mendrisiotto
13 ore

Opere d’arte per i campus di Mendrisio e Viganello

Il concorso ha premiato Davide Cascio e Adriana Beretta. Le opere saranno inaugurate nel corso del prossimo autunno
Mendrisiotto
13 ore

Riva, annullata la Sagra del Beato Manfredo

L’evento era in programma il 30 gennaio. Lo ha deciso il Municipio considerato l’evolversi della situazione pandemica
Bellinzonese
13 ore

‘Trasporti pubblici gratuiti per giovani e anziani’

A proporlo con una mozione è il consigliere comunale Ppd di Bellinzona Pietro Ghisletta
Mendrisiotto
14 ore

Castel San Pietro ha 43 abitanti in più

Il saldo migratorio di +47 ha compensato il saldo naturale di -4. Ad aumentare maggiormente sono stati i ticinesi
Luganese
28.04.2021 - 12:040
Aggiornamento : 17:50

Masseria di Cornaredo, partito il restauro

Con una cerimonia in streaming: diventerà un luogo d'incontro e di aiuto sociale

Sei badili, a muovere un mucchietto di terra, nelle mani di autorità, finanziatori e progettisti, tutti dotati di mascherina, in un video trasmesso in streaming. È iniziata così la ristrutturazione della Masseria di Cornaredo, opera di cui si discute da decenni e che ha finalmente trovato un suo sbocco. Silenziosa testimone del passato agricolo della zona a nord della città, la Masseria è dotata di un antico torchio; oltre a ritrovare un aaspetto estetico valido, sarà sede di una serie di attività sociali a favore dei più bisognosi, ma non solo. Per chi non fosse pratico, ciò che resta di questo edificio si trova nelle immediate vicinanze dello stadio e della Resega, all'angolo della salita per Trevano, seminascosta dalla vegetazione, sul territorio comunale di Porza. La struttura una volta restaurata ospiterà la sede del Centro sociale Bethlehem, una locanda con alloggio, una sala multiuso e un negozio artigianale. Si ripromette di diventare "un nuovo luogo di ritrovo in grado di favorire l’incontro fra generazioni e ceti differenti, e un tributo al passato rurale di Lugano e del Cantone Ticino. La fine dei lavori è prevista nel 2023. Viene preventivata una spesa superiore agli 8 milioni di franchi; principali collettori degli aiuti finanziari son ola Fondazione Francesco per l'aiuto sociale e il Rotary club Lugano lago. Il Comune di Lugano, proprietario dell'edificio, lo ha ceduto in diritto di superficie. I principali contenuti sono una mensa sociale aperta tutti i giorni per i due pasti principali (oggi alla 'Casetta gialla dietro la Resega si possono consumare solo i pranzi), degli alloggi, un centro di incontro delle Associazioni cristiane lavoratori italiani (Acli), una sala riunioni e uno spazio multiuso. 

Fra Martino e i 'bisogni'

'Anima' dell'operazione Fra Martino Dotta, per sei anni responsabile del convento Salita dei Frati dove era attiva la mensa dei poveri. "Col tempo mi sono reso conto che sempre più persone venivano a chiedere aiuto. Non solo il cibo, ma anche la possibilità di lavarsi, abiti, anche un gesto di vicinanza, di calore. Al termine del mio mandato ho portato con me questo bisogno, e grazie al sostegno delle Acli abbiamo aperto a Viganello nel 2010 il centro Bethlehem. Poi nell'agosto del 2013 ci siamo trasferiti nella casetta gialla, la sede della sezione giovanile Hcl. Anche la futura masseria rinnovata sarà laica, per una accoglienza trasversale senza limiti o barriere. Ci saranno condivisione e inclusione sociale, spazi e luoghi dove le persone si incontrano e possono mettere ognuno del proprio, in un progetto comune. Ora mi tocca il ruolo di frate questuante, chiedendo contributi finanziari e di idee. Grazie allo stimolo del Rotary club Lugano Lago che per sottolineare il proprio decimo anniversario ci ha aiutato in un ruolo di facilitatore, per i contatti con le autorità e la raccolta di fondi, e nell'ambito della costruzione. Un grande grazie a loro, al Consiglio di Fondazione, ai Municipi di Lugano e Porza, e a tutte le persone che finora hanno partecipato alla costruzione. L'architetto Roberto Marcon ha portato avanti un progetto che vedremo realizzarsi nel corso di questi anni"

All'intervento di Fra Martino sono seguiti quelli delle autorità, partendo da Cristina Zanini Barzaghi presente nella doppia veste di socia del Rotary Lugano lago e come responsabile (uscente) delle Opere pubbliche per la Città di Lugano. Ha ricordato come la 'scintilla' per una valorizzazione della Masseria, già studiata a suo tempo da Angelo Paparelli, le venne durante un viaggio in Ruanda, visitando una Ong femminile. Hanno preso la parola pure Franco Citterio, sindaco di Porza, che ha compiuto un vasto excursus sulla storia di questa appendice del suo Comune, e Marco Borradori, sindaco di Lugano. "È un nuovo inizio, questo, di qualcosa di bello, sia in senso estetico, che sotto il profilo sociale il che è molto più importante. Tutti noi sappiamo che quelli attuali non sono tempi facili, non lo erano prima della pandemia e lo sono ancora di più ora. La Città vuole dare un appoggio tangibile, per questo abbiamo siamo qui, dove non si parla sol odi solidarietà ma anche di convivialità e di cultura". Nell'ambito del diritto di superficie concesso alla Fondazione Francesco per 35 anni, alla cifra simbolica di un franco all'anno, è prevista anche la sistemazione del frutteto urbano, un ambito particolare con ben 60 alberi. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved