Zurigo
1
Young Boys
0
fine
(0-0)
Lucerna
Basilea
16:30
 
Losanna
Servette
16:30
 
Milan
1
Sassuolo
3
2. tempo
(1-2)
Spezia
0
Bologna
0
2. tempo
(0-0)
Lakers
2
Ajoie
1
1. tempo
(2-1)
Zugo Academy
1
Sierre
0
1. tempo
(1-0)
Winterthur
0
La Chaux de Fonds
3
1. tempo
(0-3)
lugano-giu-lega-plr-e-ps-bene-verdi-udc-e-le-new-entries
Palazzo Civico a Lugano (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
8 min

Pse, le reazioni dei partiti: chi soddisfatto, chi veglierà

Dal Movimento per il socialismo al Partito popolare democratico, dal Partito socialista al Partito liberale radicale le reazioni dopo la vittoria del sì
Bellinzonese
23 min

Ente regionale sviluppo: in 10 anni sostenuti 250 progetti

Con un effetto leva di uno a tredici i 5,5 milioni elargiti sono andati a favore di investimenti per 74 milioni complessivi
Locarnese
30 min

Gordola, riapre la ‘curva Ghiggioli’

Migliorie in campo viario, il punto ai lavori del capodicastero Infrastrutture e corsi d’acqua Nicola Domenighetti
Bellinzonese
52 min

‘Un ente comunale’ per tutte le case anziani di Bellinzona

Lo chiede l’Mps con una mozione che suggerisce anche l’inclusione delle tre strutture private e dell’Assistenza e cure a domicilio
Luganese
1 ora

Mobilità scolastica, si punta sul credito-quadro

Il messaggio sarà ispirato da uno studio svolto presso le sedi scolastiche di Lugano
Ticino
1 ora

‘Il governo agisca subito contro la ripresa della pandemia’

Lo chiedono i deputati in Gran Consiglio dell’Mps che propongono la mascherina obbligatoria nelle scuole elementari e durante eventi pubblici
Luganese
1 ora

Rossi (No): ‘Intercettata la forte perplessità dei cittadini’

Colui che ha impersonificato con Fulvio Pelli il fronte contrario al Polo sportivo ed eventi di Lugano commenta la sconfitta del referedum
Ticino
1 ora

Ocst, Fabiola Gnesa presidente del comitato statali

L’ha eletta l’assemblea tenutasi lo scorso 24 novembre. Subentra all’uscente Enrico Pusterla
Luganese
1 ora

Manno, i giovani con Fazzini, Pestoni e Roos

Ricevimento a tinte sportive per i 18enni del Comune sul Vedeggio
Ticino
1 ora

In Ticino 65,3% di Sì alla Legge Covid, solo 3 comuni per il No

Il 56,1% dei ticinesi ha inoltre approvato l’iniziativa sulle cure infermieristiche. No al 63,4% all’iniziativa Giustizia, con soli due comuni favorevoli
Luganese
2 ore

Lugano dice ‘sì’ al Polo sportivo e degli eventi (Pse)

A votare a favore della realizzazione dell’opera quasi il 57% degli elettori luganesi. Partecipazione del 62,52% degli elettori
Luganese
2 ore

Il pugilato tra suoni e parole

Incontro pubblico martedì nella Biblioteca cantonale di Lugano
Luganese
3 ore

Paolo Beltraminelli eletto alla testa del Ppd di Lugano

Tutto come da pronostico all’assemblea sezionale; la presidenza era vacante da quasi due anni
Locarnese
5 ore

Locarno, in ricordo di Pierre Codiroli

Al Liceo di Locarno martedì vi sarà un incontro-tributo al docente, ricercatore e scrittore scomparso nel 1996
Locarnese
6 ore

Brissago, famiglie patrizie riunite in assemblea

L’ente terrà una seduta martedì prossimo alle 20, nella sala del Consiglio comunale
Locarnese
6 ore

Locarno, pranzo Atte e tombola

Appuntamento giovedì prossimo al Centro diurno. Iscrizioni entro martedì
Ticino
21 ore

L’UDC non commenterà con la RSI i risultati delle votazioni

I democentristi: ‘Professionalità e imparzialità non sono garantite’. L’emittente respinge le accuse
Bellinzonese
23 ore

Nuovo Irb: ‘Sogno realizzato’ a favore delle scienze della vita

Oggi si è tenuta la cerimonia d’inaugurazione del nuovo edificio a Bellinzona. Una giornata di festa che permette di guardare ‘al futuro con ottimismo’
Bellinzonese
23 ore

Morena Pedruzzi, la vita dopo l’attentato, diretta streaming

Sabato 27 novembre 2021 - dalle 17 presentazione del libro Risollevarsi
Locarnese
1 gior

Incendio a Cugnasco

In un’abitazione in via al Bosco si sono sviluppate delle fiamme dalla canna fumaria del camino
Locarnese
1 gior

‘L’unico consenso possibile è senza bus lungo viale Cattori’

Nodo intermodale all’impasse alla stazione di Muralto: la condizione-base di Gianluigi Varini, imprenditore, albergatore e rappresentante degli oppositori
Ticino
1 gior

‘Una rendita ponte cantonale per i disoccupati anziani’

È la proposta di Ps e Ppd. ‘Il Ticino si doti di una propria legge affinché la prestazione transitoria sia riconosciuta dai 55 anni di età’
Bellinzonese
1 gior

Pronto intervento Bellinzona, Minotti esce allo scoperto

Il municipale e presidente del Patriziato di Carasso proprietario del terreno, caldeggia un approfondimento sul mappale Sarecc
Luganese
20.04.2021 - 11:130
Aggiornamento : 15:54

Lugano: giù Lega, Plr e Ps. Bene Verdi, Udc e le new entries

Il calo più marcato in Consiglio comunale è quello leghista. Entrano Forum Alternativo, Ticino&Lavoro e Più Donne. Dentro Pelli e Beltraminelli.

Consiglio comunale molto più frammentato a Lugano per questa breve legislatura. Sono due le nuove forze politiche che entrano nell'emiciclo: Più Donne (due seggi) e la Sinistra Alternativa (un seggio). Fallisce, per poco, invece il tentativo del Movimento per il socialismo. Si confermano i due seggi del Movimento Ticino&Lavoro, ma non a scapito di Ppd e Verdi liberali, che riguadagnano i due posti persi con la fuoriuscita di Sara Beretta Piccoli e Giovanni Albertini restando stabili a nove come già nel 2016.

Crollano Lega e Plr, male il Ps

Ottimo il risultato di Verdi e Udc/Udf: entrambi guadagnano due rappresentanti salendo da tre a cinque. Chi perde più di tutti è la Lega invece, che avrà quattro consiglieri comunali in meno rispetto alla scorsa legislatura (da diciotto a quattordici). Male anche il Plr, che ne avrà tre in meno (quindici invece di diciotto), ma torna a essere il primo partito. A perdere sono anche Ps e Pc: avranno due rappresentanti in meno (sette, non più nove).

L'Mps non entra per poco

Parlando di percentuali, la sconfitta più grande è quella leghista: -6,2%, dal 29,8 al 23,6. Importante la perdita anche in casa liberale-radicale (dal 30,7 al 25,0%, ossia -5,7), più contenute invece quelle di Ps/Pc (-2,0%, dal 14,2 al 12,2) e soprattutto Ppd/Verdi liberali (-0,6%, dal 14,6 al 14,0). Buona d'altra parte l'avanzata dell'Udc (che sale dal 5,1% al 7,8, +2,7) e ancor di più dei Verdi (dal 4,3 al 7,6, cioè +3,3%). Buone le performance anche di Ticino&Lavoro (3,5%) e Più Donne (3,0%), mentre la Sinistra Alternativa (1,8%) supera di poco l'Mps (1,6%), che come detto fallisce l'assalto al legislativo della città più importante del cantone per una manciata di schede.

Pelli e Beltraminelli dentro

A livello di persone, sono state elette le due ‘celebrità’ in lista per Plr e Ppd: sia l'ex consigliere nazionale ed ex presidente nazionale liberale-radicale Fulvio Pelli, sia l'ex consigliere di Stato ed ex municipale popolare-democratico Paolo Beltraminelli. Quest'ultimo, in particolare, ha fatto la miglior votazione della propria lista. In casa Plr eletti tutti i candidati al Municipio anche, mentre fra gli uscenti restano fuori Laura Mèar (terza subentrante) e Tobiolo Gianella. Nessuna sorpresa particolare invece nel Ppd, se non che non vi sono Verdi liberali eletti.

Fuori Rodolfo Pulino, rientra Melitta Jalkanen Keller

Nella Lega a non farcela è Rodolfo Pulino fra gli uscenti, mentre Laura Kämpf ed Ero Medolago subentreranno a Foletti e Quadri rieletti in Municipio. Rieletti in tranquillità i tre uscenti democentristi, mentre Danilo Baratti dei Verdi è primo subentrante. Nessun problema invece per Nicola Schönenberger, e con lui in Cc le due candidate per il Municipio e rientra la ‘storica’ Melitta Jalkanen Keller. Fra i socialisti a non farcela sono Elena Rezzonico e Beatrice Reimann, entrambe subentrate pochi mesi fa. Gli altri uscenti sono stati rieletti, così come i candidati al Municipio. Zanini Barzaghi compresa, che evidentemente lascerà spazio al primo subentrante: all'ex municipale di Cadro Dario Petrini.

Un terzo le donne

Rieletti anche Sara Beretta-Piccoli, Giovanni Albertini e Demis Fumasoli: i primi due con Ticino&Lavoro, il terzo per la Sinistra Alternativa (loro due ex Ppd, lui ex Pc). Per Più Donne infine, ce la fanno Tamara Merlo e Isabelle Ruf. E a proposito di donne: saranno venti su sessanta, in linea con la legislatura appena terminata.

Il commento del capogruppo della Lega: 'S'è avverato lo scenario più pessimistico'

La Lega dei Ticinesi ha perso 4 seggi in Consiglio comunale rispetto a cinque anni fa, la maggiore disfatta rispetto agli altri partiti, una perdita di oltre il 6%. Qual è il commento del capogruppo, Lukas Bernasconi? «Ce lo aspettavamo di perdere qualche seggio, le previsioni più pessimistiche dicevano che avremmo potuto ritrovarci da 18 a 14 consiglieri e purtroppo è quello che è avvenuto. Ora sarà più difficile, ma come prima si dovrà trovare una maggiore concordanza sui vari oggetti con le altre forze politiche. Perdiamo anche un commissario, da quattro scendiamo a tre». Rimarrà capogruppo? «Questo lo si decideremo insieme, le varie considerazioni le faremo quando ci ritroveremo la prossima settimana, adesso lasciamo decantare un pochino i dati e poi ci portiamo avanti. Io sono a disposizione del gruppo». L'Udc, vostra alleata per l'elezione del Municipio, in Consiglio comunale ha invece conquistato due seggi in più. Senza l'Udc la Lega è più debole? «Sapevamo che l'Udc avrebbe guadagnato qualche cosa in Consiglio comunale. Sicuramente c'è una maggiore frammentazione, la presenza di gruppi ha marcato la differenza, Ticino Lavoro, Più donne, ... ». Gruppi, questi ultimi, che in effetti hanno raccolto i maggiori consensi. 

Udc, Galeazzi: 'Obiettivo raggiunto'

Compie un balzo in avanti l'Udc in Consiglio comunale a Lugano: i tre seggi del 2016 sono diventati 5 quest'anno. Raggiante il capogruppo Tiziano Galeazzi: «Siamo andati di pari passo con I Verdi... A parte gli scherzi, abbiamo ottenuto un grande risultato: siamo cresciuti di 2/3 riuscendo a far eleggere Antonio Chiesa papà del presidente nazionale e consigliere agli Stati Marco Chiesa. L'obiettivo che ci eravamo dati l'abbiamo raggiunto. Anche a livello personale sono soddisfatto (7'223 voti personali per il Municipio e 3'509 per il legislativo, ndr.). Questo significa che gli elettori hanno premiato le nostre posizioni chiare sui temi e il rigore finanziario che invochiamo».

Ghisletta: 'Il Ps ha perso due seggi, ma come area rosso-verde facciamo un +1'

Anche il Partito socialista si è indebolito in Consiglio comunale: due seggi in meno: il gruppo passa così da 9 a 7. Il commento del presidente, Raoul Ghisletta: «La frammentazione dei partiti ci ha... frammentato un po'. Non fa piacere, per lavorare in Consiglio comunale non è una bella cosa. Come area rosso-verde, complessivamente, facciamo tuttavia +1: c'è un +2 dei Verdi e se contiamo la riconferma di Demis Fumasoli (passato dal Ps a Forum Alternativo, ndr.) non ci distanziamo di molto rispetto alla scorsa legislatura. È chiaro che si poteva anche fare meglio. Senza i Verdi ci siamo indeboliti e non è una bella cosa. Dopodiché la campagna elettorale a Lugano è stata focalizzata su temi di destra... e i risultati sono questi».

Danilo Baratti, Verdi: 'Cinque seggi: è il massimo a cui aspiravamo'

I Verdi figurano tra i vincitori nella votazione per il Consiglio comunale. I numeri crescono di due unità: da 3, il gruppo sale a 5 presenze nel Legislativo ed entra di diritto nelle Commissioni. Danilo Baratti, portavoce della sezione di Lugano, oltreché risultato primo subentrante: «È il massimo a cui aspiravamo. Magari se si fosse votato l'anno scorso, in quel clima più centrato sui temi ambientali, l'onda Verde, il discorso sul cambiamento climatico, magari ci si poteva aspettare qualcosina di più. Ma dopo questo anno di pandemia, cinque seggi mi pare il massimo. Gli equilibri complessivi del Consiglio comunale non cambiano di molto, ma per quanto riguarda i Verdi si tratta quasi di un raddoppio». Capogruppo rimarrà Nicola Schoenenberger? «È l'unico che garantisce in questo momento la continuità, gli altri sono tutti nuovi (a parte il ritorno di Melitta Jalkanen ndr.)».    

 

Pronzini: 'La presenza istituzionale non sostituisce la nostra politica'

«Obiettivo sfiorato per sole cinque schede». Questo il primo commento a caldo di Matteo Pronzini dell'Mps, secondo cui le elezioni rappresentano «un elemento in più che rafforza la nostra politica legata al territorio o di Lugano che abbiamo portato avanti senza rappresentanza politica. E continueremo a farlo su temi come l'aeroporto, il pronto soccorso ospedale Italiano e il Plo sportivo). L'intervento politico principale resta sul terreno ed è orientato a mobilitare le cittadine e i cittadini. La presenza istituzionale aiuta a “dare voce” a questo intervento e non può certo sostituirlo».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved